Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Bagheria. 55enne trovata morta in casa. Fermata la figlia 17enne: Avrebbe confessato l'omicidio.

Immagine della notizia (Immagine di Davide Mauro (Codas) su it.wikipedia.org — CC BY-SA 4.0)

Bagheria. 55enne trovata morta in casa. Fermata la figlia 17enne: Avrebbe confessato l'omicidio.

Una donna di 55 anni è stata trovata morta nel corso della mattinata di oggi, 2 gennaio 2023, nell'abitazione dove risiedeva a Bagheria in provincia di Palermo. Si tratta di Teresa Spanò, 55 anni. La vittima lavorava come insegnante e viveva insieme alla figlia 17enne.

Le indagini degli inquirenti nelle ore successive hanno portato al fermo della figlia minorenne, accusata di omicidio volontario. Il provvedimento è stato emesso dalla procuratrice per i minorenni, Claudia Caramanna, al termine di un lungo interrogatorio nel corso del quale la giovane avrebbe confessato il delitto.

Secondo le prime ricostruzioni, a chiamare la Polizia, che attualmente conduce le indagini, sarebbe stata la stessa minore. L'abitazione in cui è avvenuto il delitto si trova in corso Butera, nel centro storico di Bagheria. Tra madre e figlia ci sarebbero stati continui litigi negli ultimi tempi. L'ultimo proprio stanotte, quando la 17enne avrebbe strangolato la vittima. Non del tutto chiari, al momento, la dinamica e il movente del gesto.

La ragazza si sarebbe contraddetta più volte durante l'interrogatorio, tanto da indurre la procuratrice Caramanna a disporne il fermo. Quando ha chiamato per dare l'allarme, avrebbe parlato in un primo momento di un suicidio. Poi però sarebbe crollata e avrebbe infine confessato.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.