Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Latina. Omicidio Nadia Bergamini. Il genero a processo chiede perdono: "Non volevo ucciderla".

Immagine della notizia (Immagine di Pietro su it.wikipedia.org — CC BY-SA 4.0)

Latina. Omicidio Nadia Bergamini. Il genero a processo chiede perdono: "Non volevo ucciderla".

Prima udienza alla Corte d'Assise di Latina per il processo a carico di Antonino Salvatore Zappalà, il 45enne accusato di avere ucciso la suocera Nadia Bergamini, 70enne invalida, all'interno di appartamento di via Casorati in città, nella zona del centro Morbella.

L'uomo, assistito dall'avvocato Alberto Messina, ha voluto fare spontanee dichiarazioni in apertura del processo e ha ammesso di aver colpito la donna e di averla poi risistemata sulla sedia a rotelle, poi ha chiesto perdono per il suo gesto spiegando che non aveva intenzione di ucciderla.

In aula ha poi testimoniato l'ex compagna dell'imputato e figlia della vittima, che con la sorella si è costituita parte civile con gli avvocati Antonio Orlacchio e Leonardo Palombi. Era stata lei a trovare la vittima in fin di vita, dopo essere appena rientrata nella casa dove viveva con il compagno, la madre e il padre di Zappalà.

La 70enne era nella sala da pranzo, seduta sulla sedia a rotelle, "completamente tumefatta, con il labbro spaccato e il volto ricoperto di sangue". L'anziana era gravemente ferita e rantolava, ha ricordato, e lei le ha messo del giaccio sul volto prima di chiamare il 118 mentre il compagno e il suocero erano nella zona notte dell'appartamento.

Sui rapporti con il compagno, la donna ha spiegato che in passato si erano separati per un periodo per poi tornare insieme e ha aggiunto che con la vittima non c'erano stati particolari contrasti, soltanto piccoli diverbi su questioni futili anche se la madre, ha aggiunto, parlava male di Zappalà.

Infine la testimone ha voluto sottolineare che, per lei, la richiesta di perdono dell'ex compagno non ha alcun significato.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.