Torreglia. Omicidio Giulia Cecchettin. Turetta aveva pensato al suicidio e scrisse una lettera-confessione.

Immagine della notizia (Immagine di Threecharlie su it.wikipedia.org — CC BY-SA 4.0)

Torreglia. Omicidio Giulia Cecchettin. Turetta aveva pensato al suicidio e scrisse una lettera-confessione.

Filippo Turetta, il giovane di Torreglia (Padova) che ha confessato l'omicidio di Giulia Cecchettin, aveva raccontato al pm di avere scritto una "specie di lettera" in vista di un possibile suicidio.

"Quando sono stato fermato dalla polizia tedesca – dice, riferendosi al momento in cui la sua fuga termina a Lipsia, il 18 novembre 2023 – in auto c'erano delle coperte, una borsa con una scatola con qualcosa da mangiare, dei dolcetti, una bottiglia di sambuca, i regali per Giulia, due zaini. Poi c'erano dei fogli di carta ovvero una specie di lettera, che avevo scritto prima di tentare di suicidarmi a Berlino".

"Nella lettera – continua Turetta – ho scritto che ero colpevole, ho detto dove si trovava il corpo, il luogo, ho scritto ai miei genitori. In auto potrebbe esserci anche un sacchetto che ho usato per provare a suicidarmi, il coltello e le sigarette: ho pensato che se avessi fumato e bevuto sambuca, sarebbe stato più facile suicidarmi".

Nell'interrogatorio in carcere del 1º dicembre scorso, davanti al pm, il giovane parla anche dei suoi rapporti con Elena Cecchettin, la sorella di Giulia. "Non avevamo molti rapporti – mette a verbale –. Lei era una persona un po' difficile, poi lo sentivo che fin dall'inizio che non le ero mai piaciuto".

Al termine del lungo interrogatorio, l'avvocato Giovanni Caruso ha voluto mettere a verbale di avere spiegato al suo assistito Filippo Turetta, reo confesso dell'omicidio di Giulia Cecchettin, che "la riparazione, il perdono, la richiesta di perdono sono cose serie, ammesso che il perdono possa mai essere concesso, e che oggi abbiamo semplicemente affrontato questioni tecniche, che la giustizia riparativa è una cosa seria", quindi dicendo: "mi assumo la responsabilità che non ci siano speculazioni sul fatto che oggi Filippo non dica nulla in proposito". (AGI)

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.