Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Il femminicidio di Romina Iannicelli a Cassano allo Ionio

Vittima:
Romina Iannicelli
Killer:
Giovanni De Cicco
Località:
Cassano allo Ionio
Data:
16 aprile 2019
Foto di Cassano allo Ionio con vista sulla Torre dell'Orologio

Foto di Cassano allo Ionio con vista sulla Torre dell'Orologio (di Asia, licenza CC BY-SA 4.0)

Voce su Romina Iannicelli

Romina Iannicelli, 44 anni, è stata trovata morta la mattina del 16 aprile 2019 nella sua abitazione del quartiere Paglialunga di Cassano allo Ionio, comune in provincia di Cosenza. A ucciderla è stato il marito Giovanni De Cicco, 42 anni. La donna era incinta e stava aspettando la nascita del suo primogenito.‍‍[1]‍‍[2]

Foto di Cassano allo Ionio con vista sulla Torre dell'Orologio

Foto di Cassano allo Ionio con vista sulla Torre dell'Orologio (di Asia, licenza CC BY-SA 4.0)

Il decesso sarebbe avvenuto nella notte o nelle prime ore del mattino e a scoprire il corpo senza vita in casa sono stati alcuni familiari che erano andati a incontrarla. Dopo aver dato l'allarme, il marito era irreperibile e i carabinieri hanno prontamente avviato le ricerche per rintracciarlo. Nelle ore successive, l'uomo si è costituito e, interrogato alla presenza dei militari, ha confessato il delitto aggiungendo di aver compiuto l'omicidio della moglie mentre era sotto l'effetto di sostanze stupefacenti.‍‍[3]

Nei giorni seguenti il procuratore di Castrovillari ha dichiarato che le cause della morte della vittima sono poco chiare, avvalorando ciò che era trapelato inizialmente dalla prima ispezione sulla scena del crimine, ovvero che il delitto sarebbe stato eseguito con un'arma "impropria e non convenzionale".‍‍[4] In ogni caso, secondo i primi risultati dell'autopsia, il decesso della donna sarebbe avvenuto per soffocamento.‍‍[2] De Cicco, interrogato dal giudice per le indagini preliminari, ha ribadito la versione rilasciata ai carabinieri il giorno del fermo. Nei suoi confronti è stata convalidata la custodia cautelare nel carcere di Castrovillari.‍‍[4]

L'uomo è stato rinviato a giudizio e nel corso del processo ha sempre sostenuto di non ricordare nulla dell'omicidio a causa dell'assunzione di droga. Il 23 luglio 2020, accogliendo la richiesta della pubblica accusa, la Corte d'Assise di Cosenza ha condannato l'imputato all'ergastolo.‍‍[5]‍‍[6]

Note

  1. Omicidio a Cassano, donna trovata morta in casa: aveva precedenti per droga. Gazzetta del Sud. Archiviato dall'originale. Consultato il 22 aprile 2019.
  2. a b Cassano, svolta nell'autopsia di Romina Iannicelli: è stata soffocata. Gazzetta del Sud. Archiviato dall'originale. Consultato il 22 aprile 2019.
  3. Femminicidio a Cassano, si è costituito il marito della vittima. Corriere della Calabria. Archiviato dall'originale. Consultato il 22 aprile 2019.
  4. a b Oggi i funerali di Romina Iannicelli, Facciolla: "poco chiare le cause della morte". QuiCosenza.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 22 aprile 2019.
  5. Omicidio Iannicelli, chiesto l'ergastolo per Di Cicco. CosenzaChannel. Archiviato dall'originale. Consultato il 22 luglio 2020.
  6. Uccise Romina Iannicelli, ergastolo per Giovanni Di Cicco. CosenzaChannel. Archiviato dall'originale. Consultato il 23 luglio 2020.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.