Menu Ricerca voce
Menu
Domani sarà la Giornata Internazionale per l'eliminazione della violenza contro le Donne.

È una ricorrenza importante che, nell'obiettivo di eliminare qualsiasi forma di violenza nella piena affermazione dei diritti di tutti gli esseri umani, pone una marcata attenzione sul fenomeno della violenza contro le donne.

È stata ufficialmente istituita dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 17 dicembre 1999 con la risoluzione 54/134 che richiamava i principi espressi nella risoluzione 48/104 del 23 dicembre 1993 sull'eliminazione della violenza contro le donne.

Il suddetto documento riconosce che la violenza contro le donne rappresenta, storicamente, la manifestazione della disuguaglianza tra i generi che ha portato nel tempo gli uomini alla dominazione e alla discriminazione nei confronti delle donne. Fenomeni che hanno ostacolato l'avanzamento delle donne nella società, spesso ponendole in posizioni di subordinazione.

Per questi motivi l'Assemblea ha ritenuto urgente il bisogno di instituire una giornata per ricordare che la violenza perpetrata sulle donne costituisce un ostacolo all'uguaglianza, la sicurezza, la libertà, l'integrità e la dignità di tutti gli esseri umani.

È stato scelto quel giorno per commemorare le "Sorelle Mirabal", tre donne uccise il 25 novembre del 1960 nella Repubblica Dominicana per essersi opposte alla dittatura di Rafael Trujillo, presidente che aveva governato il paese centroamericano dal 1930 al 1961.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Il femminicidio di Romina Meloni a Nuoro

Vittima:
Romina Meloni
Killer:
Ettore Sini
Località:
Nuoro
Data:
31 marzo 2019
Foto della Chiesa di San Nicola a Ozieri, in provincia di Sassari,  dove si sono svolti i funerali di Romina Meloni
Foto della Chiesa di San Nicola a Ozieri, in provincia di Sassari, dove si sono svolti i funerali di Romina Meloni (di Gianni Careddu, licenza CC BY-SA 3.0).
Foto della Chiesa di San Nicola a Ozieri, in provincia di Sassari,  dove si sono svolti i funerali di Romina Meloni
Foto della Chiesa di San Nicola a Ozieri, in provincia di Sassari, dove si sono svolti i funerali di Romina Meloni (di Gianni Careddu, licenza CC BY-SA 3.0).

Romina Meloni, 49 anni, originaria di Ozieri in provincia di Sassari, è stata uccisa dall'ex compagno Ettore Sini, coetaneo, il 31 marzo 2019. La donna si era separata nel 2004 dal marito e negli ultimi mesi aveva chiuso la relazione con Sini per iniziare una nuova storia con Gabriele Fois.‍[1][2]

Nel pomeriggio dell'ultima domenica di marzo, Sini si è presentato armato di pistola nell'appartamento di via Napoli a Nuoro dove Romina si era da poco trasferita per stare insieme al suo nuovo compagno. Entrato in casa, il quarantanovenne ha iniziato a sparare uccidendo la ex e ferendo gravemente Fois.‍[1] Dopo aver commesso il delitto, l'assassino è scappato via, ma è stato ricercato e poi fermato nella notte dai militari mentre vagava in stato confusionale a Sassari.‍[3] Durante la fuga ha telefonato al figlio della vittima (avuto dal primo marito) confessando quanto accaduto e minacciando di suicidarsi.‍[4]

L'uomo, rinchiuso nel carcere di Bancali a Sassari e interrogato dal giudice per le indagini preliminari nel corso dell'udienza di convalida del fermo, si è avvalso della facoltà di non rispondere. Nei suoi confronti è stata confermata la custodia cautelare con l'accusa di omicidio volontario. Dall'esame autoptico è emerso che è bastato un unico colpo al collo per stroncare la vita della donna.‍[5] Il compagno Gabriele è stato invece raggiunto da un proiettile alla testa,‍[6] ma è riuscito a sopravvivere ed è stato ricoverato in coma farmacologico all'ospedale. È uscito dal coma nei mesi successivi.‍[7]

Il 3 dicembre 2019 Sini è stato rinviato a giudizio in rito abbreviato.‍[8] La pubblica accusa ha richiesto l'ergastolo con isolamento diurno per l'imputato, contestando anche l'aggravante della premeditazione.‍[9] Il 17 gennaio 2020 il giudice del tribunale di Nuoro ha accolto la richiesta del magistrato, condannando l'uomo all'ergastolo. Pena alla quale è stato scontato l'isolamento diurno per effetto del procedimento svolto in rito abbreviato.‍[10]

Note

  1. a b Donna uccisa in casa a Nuoro, ferito il convivente: è caccia all'ex marito. Il Secolo XIX. Archiviato dall'originale. Consultato l'1 aprile 2019.
  2. Romina di Ozieri, dal tentativo di una nuova vita al femminicidio a Nuoro: tutta la Sardegna sotto choc. Casteddu On Line. Archiviato dall'originale. Consultato l'1 aprile 2019.
  3. Uccide la moglie e fugge: preso. Grave il nuovo compagno di lei. L'Unione Sarda.it. Archiviato dall'originale. Consultato l'1 aprile 2019.
  4. Femminicidio a Nuoro, la telefonata dell'assassino: "Scusa, ho ucciso tua madre". La Nuova Sardegna. Archiviato dall'originale. Consultato il 16 aprile 2019.
  5. Femminicidio a Nuoro. L'autopsia conferma: Romina Meloni freddata con un solo colpo. Cronache Nuoresi. Archiviato dall'originale. Consultato il 16 aprile 2019.
  6. Femminicidio a Nuoro, Romina aveva paura. La Nuova Sardegna. Archiviato dall'originale. Consultato il 16 aprile 2019.
  7. Romina Meloni, parlano le sorelle: lei non c'è più, voi salvatevi. La Nuova Sardegna. Archiviato dall'originale. Consultato il 25 novembre 2019.
  8. Uccise ex e ferì fidanzato: a processo. ANSA. Archiviato dall'originale. Consultato il 3 dicembre 2019.
  9. Nuoro, femminicidio di Romina Meloni: chiesto l'ergastolo per 49enne di Ozieri. Sardiniapost.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 22 dicembre 2019.
  10. Ergastolo per Ettore Sini: il 49enne di Ozieri che uccise l'ex compagna. Sassari Oggi. Archiviato dall'originale. Consultato il 18 gennaio 2020.
FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.