Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Il femminicidio di Alessandra Immacolata Musarra a Messina

Vittima:
Alessandra Immacolata Musarra
Presunto killer:
Cristian Ioppolo
Località:
Messina
Data:
7 marzo 2019
Il Duomo di Messina dove sono stati celebrati i funerali di Alessandra Immacolata Musarra

Il Duomo di Messina dove sono stati celebrati i funerali di Alessandra Immacolata Musarra.

Voce su Alessandra Immacolata Musarra

Il corpo senza vita di Alessandra Immacolata Musarra, 29 anni, era stato trovato la mattina del 7 marzo 2019 nella casa in cui risiedeva a Santa Lucia Sopra Contesse, frazione della città di Messina.‍‍[1]

Il Duomo di Messina dove sono stati celebrati i funerali di Alessandra Immacolata Musarra

Il Duomo di Messina dove sono stati celebrati i funerali di Alessandra Immacolata Musarra.

A compiere la drammatica scoperta fu il padre della vittima che giunse sul posto dopo aver ricevuto un messaggio dal cellulare della figlia in cui vi era scritto che l'ex fidanzato la teneva in ostaggio. La ventinovenne era sola, distesa sul letto e, secondo le prime ricostruzioni, presentava il volto tumefatto.‍‍[2] Nelle ore successive il fidanzato Cristian Ioppolo, 26 anni, fu sottoposto a fermo di indiziato di delitto.

Per gli inquirenti, sarebbe stato lui a massacrare la compagna e, in seguito, per allontanare da sé ogni sospetto, avrebbe inviato l'SMS al padre nel tentativo di incolpare l'ex fidanzato di lei. Nell'interrogatorio di garanzia svolto di fronte al giudice per le indagini preliminari, il ragazzo si avvalse della facoltà di non rispondere. Nei suoi confronti fu convalidata la misura cautelare in carcere con l'accusa di omicidio volontario.‍‍[3]‍‍[4]

Il ventiseienne aveva riferito che, a causa di un vuoto di memoria durato diverse ore, non sapeva cosa fosse successo la sera della morte della vittima, ma ricordava solo i momenti iniziali della colluttazione. Tesi ribadita anche dal suo difensore che sostenne l'esistenza di una patologia mentale che avrebbe indotto nel proprio assistito delle amnesie temporanee. Il giudice tuttavia non tenne in considerazione tali dichiarazioni, poiché non risultavano certificazioni mediche che le supportassero.‍‍[5]

Nel successivo mese di luglio furono resi noti i risultati dell'esame autoptico svolto sul corpo della ragazza. La ventinovenne presentava lesioni a due vertebre cervicali e il decesso fu attribuito ad asfissia.‍‍[6] Nel mese di ottobre furono chiuse le indagini e Ioppolo venne considerato l'unico responsabile del presunto pestaggio che causò la morte della compagna, dovendo rispondere del reato di omicidio volontario aggravato dalla relazione affettiva e dalla stabile convivenza.‍‍[7]

Il 28 gennaio 2020 fu rinviato a giudizio dal giudice per l'udienza preliminare del Tribunale di Messina, che respinse la richiesta del difensore di effettuare una perizia psichiatrica sull'imputato.‍‍[8]

Nel mese di maggio iniziò il processo alla Corte d'Assise di Messina. Il medico legale durante un'udienza precisò che l'asfissia che aveva causato il decesso della donna fu provocata da una sublussazione di una vertebra, dovuta a un contraccolpo subito nel corso della brutale aggressione, e non per uno strangolamento come erroneamente comunicato in precedenza da alcune testate giornalistiche.‍‍[9] Tuttavia nel corso del dibattimento furono sollevati diversi dubbi sull'esito dell'autopsia svolta per conto della Procura durante le indagini. Per questo motivo la Corte aveva nominato un nuovo consulente per effettuare un ulteriore esame medico legale.‍‍[10]

Tale accertamento, discusso in aula nel febbraio del 2021, aveva concluso che tutti gli elementi anatomopatologici convergevano in modo univoco verso una diagnosi di morte per asfissia meccanica violenta da strozzamento con segni anche di soffocazione, ed escludevano altre dinamiche letifere.‍‍[11]‍‍[12] La frattura dell'osso ioide riscontrata sul cadavere si era verificata per l'azione di strozzamento subita dalla vittima.

Queste risultanze portarono il pubblico magistrato a revisionare il capo d'imputazione nei confronti di Ioppolo.‍‍[13]‍‍[14] Furono esclusi lo strangolamento e le percosse, e contestati il soffocamento e lo strozzamento, come specificazione dell'imputazione principale di omicidio volontario.‍‍[15] Il 18 giugno 2021 l'imputato fu condannato dalla Corte d'Assise di Messina alla pena dell'ergastolo.‍[16][17]

Nel processo di secondo grado il procuratore generale propose un concordato che avrebbe previsto uno sconto di pena in cambio della rinuncia alla difesa.‍[18] Tale proposta, criticata negativamente dalle parti civili, fu però rifiutata dai legali dell'imputato. In seguito la pubblica accusa chiese la riduzione della condanna a 24 anni.‍[19] Il 27 maggio 2022 la Corte d'Appello di Messina confermò l'ergastolo.‍[20][21]

Note

  1. Femminicidio a Messina: giovane donna muore massacrata di botte, indagato il fidanzato. Stretto Web. Archiviato dall'originale. Consultato il 10 marzo 2019.
  2. Assassinio di Alessandra Musarra, i dettagli delle forze dell'ordine. LetteraEmme. Archiviato dall'originale. Consultato il 28 marzo 2019.
  3. Femminicidio a Messina, Alessandra Musarra uccisa dal fidanzato. Il procuratore: "nessun campanello d'allarme prima della tragedia". Stretto Web. Archiviato dall'originale. Consultato il 10 marzo 2019.
  4. Femminicidio a Messina: Cristian Ioppolo in silenzio davanti al Gip. Stretto Web. Archiviato dall'originale. Consultato il 10 marzo 2019.
  5. Messina, resta in carcere il fidanzato della ragazza uccisa: "Valide le sue ammissioni". la Repubblica. Archiviato dall'originale. Consultato il 20 marzo 2019.
  6. Messina, Alessandra Musarra uccisa per strangolamento. Esiti autopsia: due vertebre lesionate e unghiate sul volto. MeridioNews. Archiviato dall'originale. Consultato il 4 luglio 2019.
  7. Giustizia per Alessandra Musarra, Cristian Ioppolo risponderà di "omicidio aggravato". MessinaOra.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 24 ottobre 2019.
  8. Omicidio Musarra, rinviato a giuduzio Cristian Ioppolo. Processo al via il 25 marzo. Stampalibera.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 28 gennaio 2020.
  9. Al via in Corte d'Assise il processo a Cristian Ioppolo accusato di avere ucciso Alessandra Musarra. l'Eco del Sud. Archiviato dall'originale. Consultato il 21 maggio 2020.
  10. Femminicidio Ale Musarra, nuovo esame per stabilire la causa della morte. Tempostretto. Archiviato dall'originale. Consultato il 29 ottobre 2020.
  11. Messina: "Alessandra Musarra è stata strozzata". Il consulente designato a novembre ha depositato le risultanze della nuova autopsia. Stampalibera.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 24 febbraio 2021.
  12. Messina, il perito: "Alessandra Musarra è stata strozzata". Gazzetta del Sud. Archiviato dall'originale. Consultato il 24 febbraio 2021.
  13. Femminicidio Ale Musarra, cambia l'accusa per Cristian. Tempostretto. Archiviato dall'originale. Consultato il 25 febbraio 2021.
  14. Femminicidio Musarra, il pm modifica l'imputazione. Stampalibera.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 25 febbraio 2021.
  15. Femminicidio Ale Musarra, si va avanti con la stessa accusa per Cristian. Tempostretto. Archiviato dall'originale. Consultato il 18 marzo 2021.
  16. Femminicidio di Alessandra Musarra a Messina, ergastolo per il fidanzato Cristian Ioppolo. Giornale di Sicilia. Archiviato dall'originale. Consultato il 19 giugno 2021.
  17. Femminicidio Ale Musarra, ergastolo per Ioppolo. Tempostretto. Archiviato dall'originale. Consultato il 19 giugno 2021.
  18. Femminicidio Musarra, l'accusa chiede a sorpresa il concordato. Lettera del padre: "Ingiustificabile". Gazzetta del Sud. Archiviato dall'originale. Consultato il 12 maggio 2022.
  19. Femminicidio Ale Musarra, l'Accusa conferma lo sconto di pena in appello per Cristian. Tempostretto. Archiviato dall'originale. Consultato il 18 maggio 2022.
  20. Femminicidio Alessandra Musarra, confermato l'ergastolo per l'ex fidanzato. Tempostretto. Archiviato dall'originale. Consultato il 27 maggio 2022.
  21. Omicidio Musarra, confermato ergastolo in appello. Messina Oggi. Archiviato dall'originale. Consultato il 27 maggio 2022.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.