Menu Ricerca voce
Menu
Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Il femminicidio di Alessandra Immacolata Musarra a Messina

Vittima:
Alessandra Immacolata Musarra
Presunto killer:
Cristian Ioppolo
Località:
Messina
Data:
7 marzo 2019
Foto del Duomo di Messina dove si sono svolti i funerali di Alessandra Immacolata Musarra
Foto del Duomo di Messina dove si sono svolti i funerali di Alessandra Immacolata Musarra.

Il corpo senza vita di Alessandra Immacolata Musarra, 29 anni, è stato ritrovato la mattina del 7 marzo 2019 nella casa in cui risiedeva a Santa Lucia sopra Contesse, frazione della città di Messina.‍[1]

Foto del Duomo di Messina dove si sono svolti i funerali di Alessandra Immacolata Musarra
Foto del Duomo di Messina dove si sono svolti i funerali di Alessandra Immacolata Musarra.

A compiere la tragica scoperta era stato il padre della vittima che era giunto sul posto dopo aver ricevuto un messaggio dal cellulare della figlia in cui c'era scritto che l'ex fidanzato la teneva in ostaggio. La ventinovenne era sola, distesa sul letto, col volto tumefatto.‍[2] Nelle ore successive il fidanzato Cristian Ioppolo, 26 anni, è stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto.

Secondo gli inquirenti, sarebbe stato lui a massacrare la compagna e, in seguito, per allontanare da sé ogni sospetto, avrebbe inviato l'SMS al padre nel tentativo di incolpare l'ex fidanzato. Nell'interrogatorio di garanzia svolto di fronte al giudice per le indagini preliminari, il ragazzo si è avvalso della facoltà di non rispondere. Nei suoi confronti è stata convalidata la misura cautelare in carcere con l'accusa di omicidio volontario.‍[3][4]

Il ventiseienne aveva riferito che, a causa di un vuoto di memoria durato diverse ore, non sapeva cosa fosse successo la sera della morte di Alessandra, ma ricordava solo i momenti iniziali della colluttazione. Tesi ribadita anche dal suo difensore che ha sostenuto l'esistenza di una patologia mentale che indurrebbe nel proprio assistito delle amnesie temporanee. Il giudice tuttavia non aveva tenuto in considerazione tali dichiarazioni poiché non risultavano certificazioni mediche che le supportassero.‍[5]

Nel successivo mese di luglio sono stati resi noti i risultati dell'esame autoptico svolto sulla salma della vittima. La ventinovenne presentava lesioni a due vertebre cervicali e il decesso era stato attribuito ad asfissia.‍[6] Nel mese di ottobre sono state chiuse le indagini e Ioppolo è stato considerato l'unico responsabile del pestaggio che ha causato la morte della compagna, dovendo rispondere di omicidio volontario aggravato dalla relazione affettiva e dalla stabile convivenza.‍[7] Il 28 gennaio 2020 è stato rinviato a giudizio dal giudice per l'udienza preliminare del tribunale di Messina, che ha respinto la richiesta del difensore di effettuare una perizia psichiatrica sull'imputato.‍[8]

Nel mese di maggio è iniziato il processo alla Corte d'Assise di Messina. Il medico legale durante un'udienza ha precisato che l'asfissia che ha causato il decesso della donna è stata provocata da una sublussazione di una vertebra, dovuta a un contraccolpo subito nel corso della brutale aggressione, e non per uno strangolamento come erroneamente comunicato da alcune testate giornalistiche.‍[9] Tuttavia nel corso del procedimento sono state sollevati diversi dubbi sull'esito dell'autopsia svolta per conto della Procura durante le indagini. Per questo motivo la Corte ha nominato un nuovo consulente per effettuare un ulteriore esame medico legale.‍[10]

Note

  1. Femminicidio a Messina: giovane donna muore massacrata di botte, indagato il fidanzato. Stretto Web. Archiviato dall'originale. Consultato il 10 marzo 2019.
  2. Assassinio di Alessandra Musarra, i dettagli delle forze dell'ordine. LetteraEmme. Archiviato dall'originale. Consultato il 28 marzo 2019.
  3. Femminicidio a Messina, Alessandra Musarra uccisa dal fidanzato. Il procuratore: "nessun campanello d'allarme prima della tragedia". Stretto Web. Archiviato dall'originale. Consultato il 10 marzo 2019.
  4. Femminicidio a Messina: Cristian Ioppolo in silenzio davanti al Gip. Stretto Web. Archiviato dall'originale. Consultato il 10 marzo 2019.
  5. Messina, resta in carcere il fidanzato della ragazza uccisa: "Valide le sue ammissioni". Repubblica.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 20 marzo 2019.
  6. Messina, Alessandra Musarra uccisa per strangolamento. Esiti autopsia: due vertebre lesionate e unghiate sul volto. MeridioNews. Archiviato dall'originale. Consultato il 4 luglio 2019.
  7. Giustizia per Alessandra Musarra, Cristian Ioppolo risponderà di "omicidio aggravato". MessinaOra.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 24 ottobre 2019.
  8. Omicidio Musarra, rinviato a giuduzio Cristian Ioppolo. Processo al via il 25 marzo. Stampalibera.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 28 gennaio 2020.
  9. Al via in Corte d'Assise il processo a Cristian Ioppolo accusato di avere ucciso Alessandra Musarra. l'Eco del Sud. Archiviato dall'originale. Consultato il 21 maggio 2020.
  10. Femminicidio Ale Musarra, nuovo esame per stabilire la causa della morte. Tempo Stretto. Archiviato dall'originale. Consultato il 29 ottobre 2020.
FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.