Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Il femminicidio di Giuseppina Di Luca ad Agnosine

Vittima:
Giuseppina Di Luca
Presunto killer:
Paolo Vecchia
Località:
Agnosine
Data:
13 settembre 2021
La Chiesa dei Santi Ippolito e Cassiano Martiri ad Agnosine in provincia di Brescia dove sono stati celebrati i funerali di Giusi di Luca

La Chiesa dei Santi Ippolito e Cassiano ad Agnosine in provincia di Brescia dove sono stati celebrati i funerali di Giusi di Luca (su concessione di BeWeB - Beni Culturali Ecclesiastici in Web)

Voce su Giuseppina Di Luca

La Chiesa dei Santi Ippolito e Cassiano Martiri ad Agnosine in provincia di Brescia dove sono stati celebrati i funerali di Giusi di Luca

La Chiesa dei Santi Ippolito e Cassiano ad Agnosine in provincia di Brescia dove sono stati celebrati i funerali di Giusi di Luca (su concessione di BeWeB - Beni Culturali Ecclesiastici in Web)

Giuseppina Di Luca, 46 anni, chiamata Giusy dai conoscenti, è stata uccisa la mattina del 13 settembre 2021 ad Agnosine, comune della Valsabbia in provincia di Brescia.‍[1][2]

A compiere il delitto era stato l'ex compagno, Paolo Vecchia, 52 anni. L'uomo si recò all'abitazione dove la vittima si era trasferita da poche settimane. Sapendo che sarebbe uscita per andare a lavorare, il malintenzionato si appostò nei paraggi per seguirla e colpirla, prima con un coltello a serramanico e poi con un pugnale.

La violenta aggressione sarebbe avvenuta sulle scale della palazzina. Numerosi i fendenti che non avevano lasciato scampo alla quarantaseienne. A trovare per primo il corpo in fin di vita della vittima sarebbe stato un ospite, giunto sul posto per incontrare un condomino. In seguito furono allertati i soccorsi. Gli operatori del 118 tentarono per circa un'ora di rianimare la signora Di Luca, ma alla fine non poterono fare altro che constatare il decesso. Troppo gravi le lesioni subite.

Vecchia e la donna erano sposati da circa 26 anni. Per 20 anni avevano vissuto a Sabbio Chiese (Brescia), ma negli ultimi tempi si erano separati e alloggiavano in differenti abitazioni. Lei, originaria di Morano Calabro in provincia di Cosenza, aveva trovato una nuova sistemazione ad Agnosine, dove lavorava in una nota azienda della zona. Dalla loro relazione erano nate due figlie di 21 e 24 anni. Insieme alla donna si era trasferita anche la secondogenita, che però la mattina di quel drammatico 13 settembre non era in casa e non dovette assistere alla brutale aggressione.

Uno scorcio panoramico di Morano Calabro in provincia di Cosenza, paese d'origine di Giusy Di Luca

Uno scorcio panoramico di Morano Calabro in provincia di Cosenza, paese d'origine di Giusy Di Luca (di Marcus 1756, licenza CC BY-SA 3.0)

Il cinquantaduenne successivamente si presentò alla caserma dei Carabinieri di Sabbio Chiese (Brescia) per costituirsi. Nel primo interrogatorio di fronte agli inquirenti si sarebbe avvalso della facoltà di non rispondere, ma avrebbe consegnato le armi da taglio utilizzate per compiere il delitto.‍[3][4] Fu condotto in carcere con l'accusa di omicidio volontario aggravato dalla premeditazione.

Nei giorni successivi, durante l'interrogatorio di garanzia, l'uomo aveva risposto alle domande del giudice per le indagini preliminari ammettendo le proprie responsabilità.‍[5][6] Nel marzo del 2022 furono chiuse le indagini della Procura di Brescia. Nei confronti di Paolo Vecchia venne confermata la contestazione del reato di omicidio volontario aggravato dalla premeditazione, la crudeltà e il vincolo coniugale.‍[7][8] Tre mesi dopo fu rinviato a giudizio.‍[9]

Note

  1. Omicidio di Agnosine, chi è la vittima. Giornale di Brescia. Archiviato dall'originale. Consultato il 13 settembre 2021.
  2. Brescia, madre di due figli uccisa a coltellate dall'ex marito: erano separati da un mese. Il Gazzettino. Archiviato dall'originale. Consultato il 13 settembre 2021.
  3. Operaia calabrese uccisa sulle scale di casa nel Bresciano. Calabria7. Archiviato dall'originale. Consultato il 14 settembre 2021.
  4. Giusi, uccisa dal marito con 10 coltellate sulla porta di casa. Giornale di Brescia. Archiviato dall'originale. Consultato il 14 settembre 2021.
  5. Agnosine, Paolo Vecchia risponde al Gip. QuiBrescia. Archiviato dall'originale. Consultato il 20 settembre 2021.
  6. Omicidio di Agnosine, il marito risponde alle domande del gip. Giornale di Brescia. Archiviato dall'originale. Consultato il 20 settembre 2021.
  7. Uccise la moglie a coltellate: l'accusa contesta la premeditazione. Bresciaoggi. Archiviato dall'originale. Consultato il 10 marzo 2022.
  8. Femminicidio di Agnosine, contestata la premeditazione a Paolo Vecchia. QuiBrescia. Archiviato dall'originale. Consultato il 10 marzo 2022.
  9. Uccise l'ex moglie, va a processo. ilgiorno.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 26 maggio 2022.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.