Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Il femminicidio di Angelica Salis a Quartucciu

Vittima:
Angelica Salis
Killer:
Paolo Randaccio
Località:
Quartucciu
Data:
9 settembre 2021
La Chiesa di San Pietro Pascasio a Quartucciu in provincia di Cagliari, dove sono stati celebrati i funerali di Angelica Salis

La Chiesa di San Pietro Pascasio a Quartucciu in provincia di Cagliari, dove sono stati celebrati i funerali di Angelica Salis (su concessione di BeWeB - Beni Culturali Ecclesiastici in Web)

Voce su Angelica Salis

La Chiesa di San Pietro Pascasio a Quartucciu in provincia di Cagliari, dove sono stati celebrati i funerali di Angelica Salis

La Chiesa di San Pietro Pascasio a Quartucciu in provincia di Cagliari, dove sono stati celebrati i funerali di Angelica Salis (su concessione di BeWeB - Beni Culturali Ecclesiastici in Web)

Angelica Salis, 60 anni, è stata uccisa dal marito Paolo Randaccio, 67 anni, il 9 settembre 2021 nell'abitazione dove la coppia risiedeva a Quartucciu in provincia di Cagliari.‍[1]

L'omicidio era avvenuto nel corso del pomeriggio durante un'ennesima lite tra i due coniugi. Fu lo stesso uomo a telefonare ai Carabinieri e rivelare quanto aveva compiuto. I militari giunti sul posto avevano trovato il sessantasettenne ad aspettarli mentre la vittima era ormai deceduta con diverse lesioni d'arma da taglio al corpo.‍[2]

Secondo le testimonianze dei vicini, i due discutevano e litigavano spesso, sia per la loro relazione che per i rapporti con gli altri componenti della famiglia, i tre figli che non vivevano più con loro. La sera prima del delitto, mercoledì 8 settembre, la vittima era scappata di casa rifugiandosi in un locale poco distante per chiedere aiuto, mentre il sessantasettenne la inseguiva.‍[3]

La Chiesa di Sant'Efisio a Quartucciu in provincia di Cagliari

La Chiesa di Sant'Efisio a Quartucciu (di PiantiSergio, licenza CC BY-SA 4.0)

Randaccio fu fermato dai Carabinieri con l'accusa di omicidio volontario. Di fronte agli inquirenti aveva ammesso le proprie responsabilità e confessato il delitto. Dopo l'interrogatorio venne condotto in carcere.‍[4]

L'autopsia eseguita sulla salma della vittima aveva rilevato diversi fendenti sferrati dal marito alla moglie, tra cui quello al collo, risultato fatale, e altri cinque diretti al torace.‍[5]

Nell'interrogatorio di garanzia l'uomo aveva reso brevi dichiarazioni spontanee, ribadendo la sua responsabilità nella morte della coniuge.‍[6] Nei suoi confronti fu convalidato il fermo.‍[7]

Note

  1. Uccide a coltellate la moglie in casa: delitto dopo l'ennesima discussione. Sardiniapost.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 12 settembre 2021.
  2. Quartucciu, Angelica Salis uccisa dal marito con almeno sei coltellate. L'Unione Sarda.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 12 settembre 2021.
  3. Femminicidio a Cagliari, uccide la moglie con dieci coltellate e poi chiama il 118: "Ho fatto una pazzia". Corriere.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 12 settembre 2021.
  4. Uccisa a coltellate dal marito: attesa per l'autopsia sul corpo di Angelica. L'Unione Sarda.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 12 settembre 2021.
  5. Uccisa a coltellate dal marito: mortale il fendente al collo. ANSA. Archiviato dall'originale. Consultato il 12 settembre 2021.
  6. Femminicidio di Quartucciu, Paolo Randaccio rifiuta l'interrogatorio: "Sta vivendo un grosso tormento". Casteddu On line. Archiviato dall'originale. Consultato il 14 settembre 2021.
  7. Quartucciu, l'ultimo saluto ad Angelica Salis. Randaccio confessa davanti al gip: "L'ho uccisa io". L'Unione Sarda.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 14 settembre 2021.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.