Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Il femminicidio di Rosalia Pipitone a Palermo

Vittima:
Rosalia Pipitone
Killer:
Vincenzo Galatolo e Nino Madonia
Località:
Palermo
Data:
23 settembre 1983

Voce su Rosalia Pipitone

Rosalia Pipitone, 24 anni, chiamata Lia dai conoscenti, perse la vita in seguito a un agguato compiuto il 23 settembre 1983 in una farmacia di Palermo. La giovane era figlia del boss del quartiere dell'Arenella, Antonino Pipitone.‍[1][2]

L'episodio venne inizialmente catalogato come una rapina finita male. La vittima, ostaggio dei rapinatori, fu colpita da diversi colpi d'arma da fuoco. Tuttavia la vicenda destò molte perplessità per le modalità di esecuzione. Soltanto negli anni successivi, grazie alle testimonianze di alcuni collaboratori di giustizia, si riuscì a fare luce sul caso.

Rosalia aveva deciso di separarsi dal marito, con il quale aveva avuto un figlio, ma questo non era consentito dalle regole di Cosa Nostra. L'intenzione della giovane sarebbe stata quella di continuare una relazione extraconiugale che, secondo le voci dell'epoca, portava avanti da tempo con un cugino di secondo grado. La situazione aveva gettato enorme discredito sul padre Nino, boss dell'Acquasanta.

A risentirne furono anche i vertici dell'organizzazione mafiosa che vollero punire quel comportamento che diffuse non poche maldicenze sul conto della famiglia. Al padre della venticinquenne sarebbe stata comunicata la decisione di eliminare la figlia e lui non si sarebbe minimamente opposto, avallando di fatto l'esecuzione. Così venne premeditato l'omicidio e inscenata la rapina allo scopo di uccidere Rosalia.

Nel 2003 nuove indagini portarono all'arresto di Antonino Pipitone con l'accusa di essere il mandante dell'uccisione della figlia.‍[3] L'uomo però, nonostante il rinvio a giudizio, fu successivamente assolto per insufficienza di prove.

Tuttavia una nuova inchiesta,‍[4] avviata in seguito alla pubblicazione nel 2012 della storia della vittima in un libro scritto dal figlio,‍[5] condusse nel luglio del 2019 alla condanna a 30 anni di reclusione per i boss Vincenzo Galatolo e Nino Madonia.‍[6][7] Non si poté procedere invece nei confronti del padre Antonino perché nel frattempo era deceduto. La sentenza fu confermata in Appello nel giugno del 2020.‍[8]

Note

  1. Lia Pipitone. Libera. Archiviato dall'originale.
  2. Lia, meglio morta che separata. la Repubblica. Archiviato dall'originale.
  3. Arrestato boss mafioso, fece uccidere la figlia adultera. la Repubblica. Archiviato dall'originale.
  4. Lia Pipitone, riaperta indagine sulla sua morte. Alcuni pentiti: uccisa su ordine del padre capomafia. Corriere.it. Archiviato dall'originale.
  5. Alessio Cordaro: "Il nonno boss fece uccidere mia madre". Il racconto choc. Oggi. Archiviato dall'originale.
  6. Omicidio Lia Pipitone, due boss condannati a 30 anni. Il padre chiese di ucciderla perché voleva essere libera. MeridioNews. Archiviato dall'originale.
  7. "Lia Pipitone uccisa da Cosa nostra. Bastò il sospetto che tradiva il marito". la Repubblica. Archiviato dall'originale.
  8. "Disonorò il padre e fu uccisa". Omicidio Lia Pipitone, 2 condanne. Live Sicilia. Archiviato dall'originale.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.