Il femminicidio di Graziella Mansi a Castel del Monte di Andria

Vittima:
Graziella Mansi
Killer:
Pasquale Tortora, Michele Zagaria, Domenico Margiotta, Giuseppe Di Bari e Vincenzo Coratella
Località:
Castel del Monte di Andria
Data:
19 agosto 2000
Panorama dall'alto della Fortezza di Castel del Monte ad Andria

Panorama della Fortezza di Castel del Monte ad Andria (di Giovanni L90, licenza CC BY-SA 4.0)

Voce su Graziella Mansi

Panorama dall'alto della Fortezza di Castel del Monte ad Andria

Panorama della Fortezza di Castel del Monte ad Andria (di Giovanni L90, licenza CC BY-SA 4.0)

Graziella Mansi, 8 anni, fu arsa viva nel corso del tardo pomeriggio del 19 agosto 2000 all'interno del bosco di Castel del Monte, frazione della città di Andria nella regione Puglia.‍[1]

La bambina era in compagnia del nonno nei pressi della fortezza di Castel del Monte, noto monumento medievale del XIII secolo costruito da Federico II di Svevia. Per il caldo e la sete, la piccola si allontanò per andare a prendere dell'acqua a una fontanella non molto distante dal posto. Lì fu avvicinata da un giovane Pasquale Tortora, 18 anni, che con una scusa la portò nel bosco che circonda la fortezza. La vittima fu torturata e data alle fiamme. Il corpo senza vita, carbonizzato, fu rinvenuto in serata, alcune ore dopo la segnalazione della scomparsa, a circa 2 Km di distanza dal luogo dove era stata adescata.‍[2][3]

Già nelle ore successive al drammatico ritrovamento, Tortora finì nel mirino degli investigatori. Il ragazzo fu interrogato e crollò, confessando l'omicidio. Nei giorni successivi, lo stesso indiziato chiamò in causa altri quattro amici, complici nell'assassinio. Si tratta di Michele Zagaria, Domenico Margiotta, Giuseppe Di Bari e Vincenzo Coratella. Questi ultimi, di età compresa fra i 18 e i 20 anni, avevano tutti partecipato commossi ai funerali della bambina prima di essere fermati e condotti in carcere.‍[4]

Secondo l'accusa, i cinque ragazzi avevano sequestrato la vittima per burlarsi di lei e torturarla, tentando anche un abuso sessuale. Alcuni di loro sostennero che "ci stavano pensando da tempo" a giocare con il fuoco. Motivo che portò la Procura a contestare la premeditazione del delitto. Tuttavia quel che poteva sembrare un gioco, fu fatale per la povera bambina, ricoperta completamente dalle fiamme.

Furono tutti e cinque rinviati a giudizio. Tortora unico reo confesso. Gli altri inizialmente ammisero le loro responsabilità, poi ritrattarono e si proclamarono innocenti.‍[5] Tortora fu condannato a 30 anni di reclusione al termine del processo celebrato in rito abbreviato.

A Zagaria, Margiotta, Di Bari e Coratella, che invece scelsero il rito ordinario, fu inflitto l'ergastolo.‍[6][7] Nella notte tra il 13 e il 14 dicembre 2008, Coratella si suicidò, impiccandosi nella cella del carcere dove era detenuto.‍[8][9]

Note

  1. La storia della piccola Graziella Mansi, abusata e bruciata viva dal branco a 8 anni. Fanpage · Archiviato dall'originale.
  2. "Ti faccio vedere gli animali". Così ha attirato Graziella. la Repubblica · Archiviato dall'originale.
  3. La confessione del pedofilo. "Era bella, mi piaceva". la Repubblica · Archiviato dall'originale.
  4. Fermati quattro giovani per l'omicidio di Graziella. la Repubblica · Archiviato dall'originale.
  5. Margiotta e Zagaria ritrattano: "Non uccidemmo noi Graziella". la Repubblica · Archiviato dall'originale.
  6. Andria, bimba bruciata viva, quattro condanne all'ergastolo. la Repubblica · Archiviato dall'originale.
  7. Assassini di Graziella, confermati gli ergastoli. la Repubblica · Archiviato dall'originale.
  8. Lecce, violentò e bruciò viva bimba, si uccide nel carcere. La Gazzetta del Mezzogiorno · Archiviato dall'originale.
  9. Andria, Graziella Mansi uccisa 19 anni fa: ma non è fatta ancora giustizia. La Gazzetta del Mezzogiorno · Archiviato dall'originale.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.