Menu Ricerca voce
Menu

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Il femminicidio di Maria Adalgisa Nicolai a Portici

Vittima:
Maria Adalgisa Nicolai
Killer:
Giovanni Fabbrocino
Località:
Portici
Data:
27 luglio 2020
Foto della Chiesa di San Vincenzo a San Severino Lucano in provincia di Potenza dove si sono svolti i funerali di Maria Adalgisa Nicolai
Foto della Chiesa di San Vincenzo a San Severino Lucano in provincia di Potenza dove si sono svolti i funerali di Maria Adalgisa Nicolai (di Francesco Dattoli, licenza CC BY-SA 4.0)
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+
Foto di Portici dal porto del Granatello
Foto di Portici dal porto del Granatello (di PiE81, licenza CC BY-SA 4.0)

Maria Adalgisa Nicolai, 58 anni, è stata uccisa dal compagno Giovanni Fabbrocino, 65 anni, la sera del 27 luglio 2020 a Portici in provincia di Napoli.‍[1][2]

L'uomo si è gettato dal terzo piano dello stabile dove entrambi risiedevano nel centro della città, a pochi passi dalla linea ferroviaria Circumvesuviana. Alcuni vicini hanno allertato i soccorsi dopo aver notato il sessantacinquenne esanime, riverso sull'asfalto. Sul posto sono intervenuti i poliziotti e i carabinieri che per accedere nell'appartamento dove si trovava la donna, si sono dovuti arrampicare su un'impalcatura, montata su una parte dell'edificio per alcuni lavori di ristrutturazione. Quando sono entrati, hanno rinvenuto il corpo della cinquantottenne senza vita, martoriato da numerose ferite d'arma da taglio.‍[3][4]

Il personale medico non ha potuto fare altro che constatare il decesso per entrambi. Lui era disoccupato mentre lei, originaria di San Severino Lucano in provincia di Potenza, era una docente ricercatrice della Facoltà di Agraria dell'Università Federico II di Napoli, dove si era laureata nel 1991.

Foto della Chiesa di San Vincenzo a San Severino Lucano in provincia di Potenza dove si sono svolti i funerali di Maria Adalgisa Nicolai
Foto della Chiesa di San Vincenzo a San Severino Lucano in provincia di Potenza dove si sono svolti i funerali di Maria Adalgisa Nicolai (di Francesco Dattoli, licenza CC BY-SA 4.0)

L'omicidio-suicidio sarebbe avvenuto al culmine di una violenta lite. L'uomo avrebbe prima colpito la vittima con un martello, facendole perdere coscienza, poi si è accanito con rabbia sul suo corpo, sventrandolo con un coltello da cucina, probabilmente nel tentativo di sezionarlo e occultarlo a pezzi. Addirittura parti di organi interni sono stati sparsi sul pavimento e il cuore sarebbe stato strappato via dal petto a mani nude.‍[5] Tuttavia il sessantacinquenne non è riuscito nel suo intento e, colto dalla disperazione, si è lanciato giù per porre fine alla propria esistenza.

La coppia conviveva da circa cinque anni, ma non in maniera costante. Dalle testimonianze raccolte, i due avrebbero discusso animatamente già nelle ore precedenti e i vicini avevano udito diverse urla provenire dal luogo della tragedia.‍[3][4] Sul posto non sono stati rinvenuti biglietti o messaggi lasciati per spiegare il gesto. Gli investigatori hanno interrogato alcuni conoscenti per cercare di comprendere le motivazioni delle ultime liti. Secondo vari racconti, Fabbrocino aveva un particolare timore nel contrarre il Coronavirus e sarebbe stato insofferente all'ipotesi che la compagna potesse passare da sola le vacanze nel proprio paese di origine, San Severino.‍[6][7]

Ufficialmente non erano mai state registrate segnalazioni o denunce per maltrattamenti, ma la ricercatrice circa un mese prima del delitto si era rivolta alla Onlus Gazebo Rosa che gestisce un centro antiviolenza in provincia di Napoli. Secondo quanto riferito dalla presidente dell'associazione, Rosa Visciano, la vittima veniva maltrattata e minacciata frequentemente dall'uomo che avrebbe dovuto assumere degli psicofarmaci, ma non poteva perché era ipocondriaco.‍[8]

Note

  1. Omicidio-suicidio a Portici: accoltella la compagna docente universitaria e si lancia dal balcone di casa. Il Mattino.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 28 luglio 2020.
  2. Uccide la compagna a coltellate e si lancia dal balcone. Roma. Archiviato dall'originale. Consultato il 28 luglio 2020.
  3. a b Squarta la compagna e si lancia nel vuoto: omicidio-suicidio nel Vesuviano. Il Fatto Vesuviano. Archiviato dall'originale. Consultato il 28 luglio 2020.
  4. a b Portici, massacra e uccide la compagna poi si lancia dal balcone: era terrorizzato dal Covid. Vesuvio Live. Archiviato dall'originale. Consultato il 28 luglio 2020.
  5. Dramma di Portici, la macabra scoperta dopo l'autopsia sul corpo di Giovanna. InterNapoli.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 29 luglio 2020.
  6. Omicidio-suicidio a Portici, ipotesi lite scaturita da una vacanza. la Repubblica. Archiviato dall'originale. Consultato il 29 luglio 2020.
  7. Omicidio-suicidio, i funerali della ricercatrice uccisa dal compagno nel suo paese d'origine. NapoliToday. Archiviato dall'originale. Consultato il 29 luglio 2020.
  8. ''Maria Adalgisa si era rivolta all'associazione Gazebo rosa''. La Sirtide. Archiviato dall'originale. Consultato l'1 agosto 2020.
FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.