Il femminicidio di Loredana Scalone a Stalettì

Vittima:
Loredana Scalone
Killer:
Sergio Giana
Località:
Stalettì
Data:
24 novembre 2020
Foto della Chiesa del SS.Rosario a Stalettì in provincia di Catanzaro dove sono stati celebrati i funerali di Loredana Scalone
Foto della Chiesa del SS.Rosario a Stalettì in provincia di Catanzaro dove sono stati celebrati i funerali di Loredana Scalone (di Nicholas Gemini, licenza CC BY-SA 3.0)
Foto dello scoglio di Pietragrande
Foto dello scoglio di Pietragrande (di Salvatore Migliari, licenza CC BY 3.0)

Loredana Scalone, 52 anni, era stata trovata morta la sera del 24 novembre 2020 tra gli scogli di Pietragrande, località del comune di Stalettì in provincia di Catanzaro.‍‍[1]

La donna presentava numerose ferite d'arma da taglio al corpo. Secondo le testimonianze dei familiari, era scomparsa nel corso delle ore precedenti, durante la giornata. Gli ultimi ad averla vista sarebbero stati i datori di lavoro, una famiglia di Stalettì per la quale la cinquantaduenne era impiegata come collaboratrice domestica. Nel pomeriggio alcuni parenti, preoccupati perché non riuscivano più a mettersi in contatto con lei, presentarono la denuncia di sparizione.

Le indagini condotte dai Carabinieri di Soverato e dal Comando Provinciale di Catanzaro permisero di ritrovare in serata il cadavere della vittima. I militari nelle ore precedenti avevano fermato un conoscente della donna, Sergio Giana, 36 anni, originario di Badolato (Catanzaro), sospettato di essere coinvolto nella scomparsa della signora Scalone. L'uomo era sposato e avrebbe avuto una relazione extraconiugale con la vittima, la quale a sua volta era separata. Nel corso dell'interrogatorio fu proprio il trentaseienne a indicare dove si trovava il corpo senza vita della donna, rendendone possibile il ritrovamento.

Foto della Chiesa del SS.Rosario a Stalettì in provincia di Catanzaro dove sono stati celebrati i funerali di Loredana Scalone
Foto della Chiesa del SS.Rosario a Stalettì in provincia di Catanzaro dove sono stati celebrati i funerali di Loredana Scalone (di Nicholas Gemini, licenza CC BY-SA 3.0)

Nei suoi confronti furono contestati i reati di occultamento di cadavere e omicidio volontario con le aggravanti della premeditazione, dei motivi abbietti e futili e dell'aver commesso il fatto in danno di una persona alla quale era legato da una relazione affettiva.‍‍[2]‍‍[3] Giana durante il colloquio avrebbe prima dichiarato che la donna fosse caduta, poi avrebbe affermato di aver avuto una colluttazione con lei e di essere stato aggredito, invocando la legittima difesa.‍‍[4]‍‍[5] Infine, messo sotto torchio dalle evidenze investigative, confessò le proprie responsabilità.‍‍[6]

Secondo ricostruzioni, il trentaseienne avrebbe occultato il cadavere tra gli scogli per poi lasciare il posto e ritornare diverse ore dopo per infierire ulteriormente sul corpo senza vita con altri fendenti. Avrebbe poi cercato di ripulire la scena del crimine con l'ammoniaca, probabilmente per tentare di cancellare le tracce e sviare le indagini. Impossessatosi del cellulare della vittima, avrebbe persino mandato un messaggio alla figlia della cinquantaduenne.‍‍[7] Al termine dell'udienza di convalida del fermo, il giudice per le indagini preliminari confermò la custodia cautelare in carcere nei confronti di Giana.‍‍[8]

L'esame autoptico svolto sulla salma della vittima aveva confermato le lesioni d'arma da taglio contando circa 28 coltellate. La donna durante l'aggressione avrebbe subito un tentativo di strangolamento.‍‍[9]‍‍[10] Il decesso era avvenuto per insufficienza respiratoria acuta con shock emorragico, lacerazioni polmonari e fratture.

Nel settembre dell'anno successivo, dopo la chiusura delle indagini da parte della Procura, il reo confesso è stato rinviato a giudizio immediato.‍[11]

Note

  1. Uccisa a coltellate e trovata tra gli scogli, fermato un uomo di Badolato. Soverato Web. Archiviato dall'originale. Consultato il 25 novembre 2020.
  2. Femminicidio nel Catanzarese, donna di Stalettì uccisa a coltellate: fermato un 36enne. LaC News24. Archiviato dall'originale. Consultato il 25 novembre 2020.
  3. Stalettì, 51enne uccisa dal compagno nel giorno contro la violenza sulle donne. CN24. Archiviato dall'originale. Consultato il 25 novembre 2020.
  4. La lucidità del presunto assassino di Loredana: torna sulla scogliera, infierisce sul corpo, usa il suo telefono. CatanzaroInforma. Archiviato dall'originale. Consultato il 25 novembre 2020.
  5. Femminicidio a Stalettì, il presunto assassino si difende: "È stata Loredana ad aggredirmi". LaC News24. Archiviato dall'originale. Consultato il 25 novembre 2020.
  6. Donna uccisa a Stalettì, l'omicida ha confessato. Ma le indagini continuano. Corriere della Calabria. Archiviato dall'originale. Consultato il 25 novembre 2020.
  7. Uccisa a coltellate, l'autore ha confessato: ha portato lui il corpo tra gli scogli. QuiCosenza.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 26 novembre 2020.
  8. Donna uccisa e nascosta su una scogliera, convalidato il fermo per il compagno. Zoom 24. Archiviato dall'originale. Consultato il 28 novembre 2020.
  9. Femminicidio Stalettì, l'autopsia: ventotto coltellate inferte a Loredana. Gazzetta del Sud. Archiviato dall'originale. Consultato il 3 dicembre 2020.
  10. Femminicidio a Pietragrande: domani i funerali di Loredana Scalone. Prima di accoltellarla l'assassino ha cercato di strangolarla. Eco della Locride. Archiviato dall'originale. Consultato il 3 dicembre 2020.
  11. Uccise l'ex amante con 28 coltellate nel Catanzarese, l'assassino a processo. Calabria7. Archiviato dall'originale. Consultato il 3 settembre 2021.
FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.