Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

L'omicidio di Nadia Debora Bergamini a Latina

Vittima:
Nadia Debora Bergamini
Presunto killer:
Antonio Salvatore Zappalà
Località:
Latina
Data:
14 gennaio 2022
Uno scorcio panoramico dell'alto della città di Latina

Uno scorcio panoramico dell'alto della città di Latina (di Gaetano Rap, licenza CC BY 2.0)

Voce su Nadia Debora Bergamini

Uno scorcio panoramico dell'alto della città di Latina

Uno scorcio panoramico dell'alto della città di Latina (di Gaetano Rap, licenza CC BY 2.0)

Nadia Debora Bergamini, 70 anni, perse la vita il 14 gennaio 2022 all'ospedale Santa Maria Goretti di Latina.‍[1]

L'anziana, residente alla periferia del capoluogo laziale, in zona Morbella, aveva problemi di deambulazione per i quali era costretta alla sedia a rotelle. Nel corso della giornata di venerdì 14 gennaio, mentre era in casa con il genero, fu violentemente percossa. Sconosciuti i motivi dell'aggressione.

L'uomo, Antonio Salvatore Zappalà, 44 anni, era originario della Sicilia e già noto alle forze dell'ordine per diversi precedenti. Secondo le prime ricostruzioni, la vittima gli avrebbe chiesto un favore e lui, esasperato, avrebbe colpito ripetutamente l'anziana fino a farla cadere a terra. Dopodiché si sarebbe comportato come se nulla fosse successo.‍[2][3]

Poi nel pomeriggio una delle figlie della settantenne, moglie di Zappalà, rincasata nell'abitazione aveva trovato la madre sulla sedia a rotelle, agonizzante e con i chiari segni delle lesioni da trauma riportate. Nel frattempo il marito non avrebbe saputo riferire nulla in merito alle circostanze che avevano causato il ferimento della vittima.

Immediata la chiamata dei soccorsi da parte della figlia. I sanitari accorsi sul posto trasportarono la signora Bergamini in ospedale. Tuttavia, nonostante gli sforzi dei medici che l'avevano sottoposta in codice rosso a un delicato intervento chirurgico, la settantenne non riuscì a sopravvivere. Morì poche ore dopo, nel corso della serata.

Sul caso fu subito allertata la Polizia che aveva accompagnato Zappalà in Questura. Sugli indumenti che indossava sarebbero state notate delle tracce di sangue, ma l'uomo si dimostrò confuso sull'accaduto, arrivando persino a negare di aver colpito la suocera. Gli accertamenti degli agenti permisero però di raccogliere gravi indizi di colpevolezza a suo carico.‍[4] Il quarantaquattrenne fu così sottoposto ad arresto e condotto in carcere con l'accusa di lesioni gravissime perpetrate ai danni della vittima.‍[5][6]

Determinanti ai fini delle ricostruzioni le testimonianze di alcuni vicini di casa. Fra suocera e genero in passato ci sarebbero stati degli attriti per questioni familiari, ma nulla che facesse presagire l'efferato gesto. Zappalà, interrogato dal giudice per le indagini preliminari il successivo 17 gennaio, si avvalse della facoltà di non rispondere. Nei suoi confronti fu convalidata la custodia cautelare in carcere.‍[7]

I primi risultati dell'autopsia avevano evidenziato che il corpo della donna era disseminato di ematomi compatibili con le reiterate percosse ipotizzate dagli inquirenti.‍[8][9] Il successivo mese di dicembre l'uomo fu rinviato a giudizio con l'accusa di omicidio volontario. La difesa aveva chiesto l'esecuzione di una perizia psichiatrica per verificare la capacità di intendere e volere del proprio assistito, ma l'istanza fu rigettata dal giudice per l'udienza preliminare.‍[10][11]

Nell'udienza del gennaio 2023, Zappalà rilasciò dichiarazioni spontanee e chiese perdono per il gesto commesso, ammettendo di aver colpito la suocera con qualche schiaffo, ma senza la volontà di ucciderla.‍[12]

Note

  1. Latina, picchiata dal compagno della figlia: muore in ospedale. Adnkronos. Archiviato dall'originale. Consultato il 19 gennaio 2022.
  2. Massacra di botte la suocera, fino a provocarne la morte. Arrestato un 44enne. Il Caffè. Archiviato dall'originale. Consultato il 19 gennaio 2022.
  3. È un pregiudicato siciliano l'arrestato per l'omicidio della donna di Latina. Latina Quotidiano. Archiviato dall'originale. Consultato il 19 gennaio 2022.
  4. Omicidio di via Casorati: "Perdeva sangue dalla bocca". Latinaoggi.eu. Archiviato dall'originale. Consultato il 19 gennaio 2022.
  5. Latina, pesta a morte la suocera. LatinaCorriere.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 19 gennaio 2022.
  6. Uccide la suocera riempendola di botte, arrestato un 44enne. Latinaoggi.eu. Archiviato dall'originale. Consultato il 19 gennaio 2022.
  7. Belitto Bergamini, il 44enne non risponde all'interrogatorio: gip convalida carcere. Latina TU. Archiviato dall'originale. Consultato il 19 gennaio 2022.
  8. Eseguita l'autopsia sul corpo di Nadia Bergamini: i primi riscontri. Latina Quotidiano. Archiviato dall'originale. Consultato il 21 gennaio 2022.
  9. Anziana uccisa, prime verità. Latinaoggi.eu. Archiviato dall'originale. Consultato il 21 gennaio 2022.
  10. Uccise la suocera a botte, a giudizio per omicidio volontario aggravato. LatinaToday. Archiviato dall'originale. Consultato il 17 dicembre 2022.
  11. Uccisa dal genero a Latina: rinviato a giudizio per omicidio volontario. Latina TU. Archiviato dall'originale. Consultato il 17 dicembre 2022.
  12. Omicidio Bergamini, Zappalà imputato per l'omicidio della suocera chiede perdono. Latina TU. Archiviato dall'originale. Consultato il 14 gennaio 2023.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.