Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Il femminicidio di Simona Michelangeli a Roma

Vittima:
Simona Michelangeli
Località:
Roma
Data:
18 gennaio 2022
Il Ponte di Ferro, chiamato anche Ponte dell'Industria, a Roma

Il Ponte di Ferro, chiamato anche Ponte dell'Industria, a Roma (di GBartoli, licenza CC BY-SA 4.0)

Voce su Simona Michelangeli

Il Ponte di Ferro, chiamato anche Ponte dell'Industria, a Roma

Il Ponte di Ferro, chiamato anche Ponte dell'Industria, a Roma (di GBartoli, licenza CC BY-SA 4.0)

Simona Michelangeli, 41 anni, è stata trovata morta nel corso del pomeriggio del 18 gennaio 2022 all'interno dell'abitazione dove risiedeva in zona Marconi a Roma, nei pressi del Ponte di Ferro tra i quartieri Ostiense e Gianicolese.‍[1]

Ad allertare i soccorsi con una telefonata al 118 era stato il convivente di 42 anni. L'uomo aveva dichiarato di aver rinvenuto la compagna sul letto in crisi respiratoria. I sanitari giunti sul posto però hanno trovato la quarantunenne già morta, con diversi lividi sul corpo definiti sospetti. I medici hanno dunque segnalato la vicenda alla Polizia del locale commissariato di San Paolo.

Nelle ore seguenti gli agenti hanno fermato il compagno della vittima con l'accusa di maltrattamenti in famiglia. Lo stesso, interrogato dagli inquirenti, si sarebbe contraddetto più volte e avrebbe fornito una versione dei fatti non chiara. All'esito dei primi riscontri delle indagini, gli investigatori hanno scoperto che la donna in passato aveva già denunciato il convivente, proprio per maltrattamenti.‍[2]

Il successivo 26 gennaio il quarantaduenne è stato arrestato in flagranza dalla Polizia. Il provvedimento è stato eseguito su ordine del giudice per le indagini preliminari, che ha disposto la misura restrittiva in carcere su richiesta della locale Procura della Repubblica.‍[3][4]

Secondo le ricostruzioni, la vittima sarebbe stata sottoposta dal convivente a ripetute violenze fisiche. Nei confronti dell'uomo gli inquirenti avrebbero raccolto gravi indizi in merito ai maltrattamenti, perpetrati per mesi ai danni della compagna attraverso vessazioni, percosse e isolamento sociale. Episodi a cui la stessa non sarebbe stata sottratta nemmeno nelle ore precedenti alla chiamata al 118 di martedì 18 gennaio, in seguito alla quale i sanitari non avevano potuto fare altro che constatare il decesso.‍[5]

Le indagini della Polizia sono incentrate sulle dinamiche della coppia per accertare il contesto in cui viveva la vittima e, attraverso gli esami medico legali, chiarire le esatte cause della morte.

Note

  1. Roma, donna morta al quartiere San Paolo: fermato il compagno. Sembra che la coppia vivesse momenti di tensione. Leggo.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 29 gennaio 2022.
  2. Donna di 41 anni trovata morta in casa: aveva denunciato il compagno per maltrattamenti. Fanpage. Archiviato dall'originale. Consultato il 29 gennaio 2022.
  3. Simona, picchiata e uccisa nella sua casa: arrestato il compagno. Today. Archiviato dall'originale. Consultato il 29 gennaio 2022.
  4. Uccide di botte la fidanzata, poi chiama 118: "Correte, sta male". Il Riformista. Archiviato dall'originale. Consultato il 29 gennaio 2022.
  5. Simona Michelangeli trovata morta in casa a San Paolo: era piena di lividi arrestato il compagno. Fanpage. Archiviato dall'originale. Consultato il 29 gennaio 2022.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.