Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

L'omicidio di Anna Alexandra Hrynkiewicz a Palermo

Vittima:
Anna Alexandra Hrynkiewicz
Presunto killer:
Carlo Di Liberto
Località:
Palermo
Data:
10 maggio 2019
Foto della Villa Belmonte nel quartiere Noce di Palermo

Foto della Villa Belmonte nel quartiere Noce di Palermo (di Miceli Vincenzo, licenza CC BY-SA 4.0)

Voce su Anna Alexandra Hrynkiewicz

Anna Alexandra Hrynkiewicz, 45 anni, originaria della Polonia, è stata trovata morta nella notte tra il 9 e il 10 maggio 2019, riversa a terra su un marciapiede del quartiere Noce di Palermo, poco distante dall'abitazione dove conviveva insieme al compagno Carlo Di Liberto, 43 anni.‍[1]

Foto della Villa Belmonte nel quartiere Noce di Palermo

Foto della Villa Belmonte nel quartiere Noce di Palermo (di Miceli Vincenzo, licenza CC BY-SA 4.0)

Il cadavere della donna presentava una profonda ferita alla testa. I primi risultati dell'esame autoptico avevano avanzato l'ipotesi che il decesso potesse essere avvenuto per infarto. Tuttavia la lesione al capo non era stata causata dalla caduta, ma da un colpo inferto con un oggetto contundente.‍[2]

Il compagno della vittima, interrogato poche ore dopo il rinvenimento del corpo senza vita in strada, aveva ammesso di aver avuto un litigio con la quarantacinquenne in casa e di averla anche schiaffeggiata. Poi non aveva aggiunto altro, rendendosi estraneo alle responsabilità nella morte della stessa e avvalendosi della facoltà di non rispondere. La Procura di Palermo aveva comunque iscritto l'uomo nel registro degli indagati con l'accusa di omicidio.

Due anni dopo è arrivata la svolta nel caso. Il 17 giugno 2021 la Polizia ha eseguito un'ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di Di Liberto. Secondo le risultanze delle indagini, l'alterco tra l'uomo e la donna sarebbe continuato anche fuori dall'abitazione. Sarebbe stato lui a tramortirla, colpendola violentemente alla testa, per poi abbandonarla esanime sul marciapiede e lasciare che fossero i vicini a individuarla e allertare i soccorsi.‍[3][4]

La relazione fra i due sarebbe stata caratterizzata da una lunga serie di litigi e scontri, frutto di violenze fisiche e morali che la vittima subiva da tempo tra le mura domestiche.‍[5][6]

Note

  1. Donna trovata morta in strada. L'autopsia chiarirà le cause. Live Sicilia. Archiviato dall'originale. Consultato il 18 giugno 2021.
  2. Il giallo della donna trovata morta in via Settembrini, ieri l'autopsia non ha chiarito tutti i dubbi. BlogSicilia. Archiviato dall'originale. Consultato il 18 giugno 2021.
  3. Femminicidio nel quartiere Noce di Palermo, arrestato il convivente. Sicilia News24. Archiviato dall'originale. Consultato il 18 giugno 2021.
  4. Donna trovata morta alla Noce, svolta nelle indagini: dopo 2 anni arrestato il compagno. PalermoToday. Archiviato dall'originale. Consultato il 18 giugno 2021.
  5. Accusato di femminicidio in via Settembrini nel 2019, arrestato un palermitano di 45 anni. BlogSicilia. Archiviato dall'originale. Consultato il 18 giugno 2021.
  6. Donna trovata morta in strada a Palermo, arrestato il suo ex compagno. ilSicilia.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 18 giugno 2021.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.