Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Il femminicidio di Barbara Grandi a Trecate

Vittima:
Barbara Grandi
Presunto killer:
Domenico Horvat
Località:
Trecate
Data:
20 novembre 2019
Foto del Santuario della Madonna delle Grazie a Trecate

Foto del Santuario della Madonna delle Grazie a Trecate (di Alessandro Vecchi, licenza CC BY-SA 3.0)

Voce su Barbara Grandi

Uno scorcio di Piazza Cavour a Trecate in provincia di Novara

Uno scorcio di Piazza Cavour a Trecate in provincia di Novara (di Ateneo, licenza CC-BY-SA 3.0)

Barbara Grandi, 37 anni, è stata uccisa nella notte tra il 19 e il 20 novembre 2019 all'interno dell'abitazione in cui risiedeva a Trecate, comune della provincia di Novara.‍‍[1]

La donna lavorava come badante e conviveva con il compagno Domenico Horvat, disoccupato di 30 anni, con il quale stava insieme da circa tre anni e dalla loro relazione era nato un bambino. I due avevano già avuto figli da precedenti relazioni: lei tre, lui uno. In precedenza i servizi sociali intervennero per togliere a entrambi l'affido dei bambini che, in seguito, furono adottati da altre famiglie.‍‍[2]

Il delitto si consumò nel corso della notte al culmine di una violenta aggressione nella casa dove la coppia conviveva. Nelle prime ore del mattino l'uomo aveva chiamato i soccorsi riferendo che lui e la compagna erano stati vittime di una rapina finita male. I sanitari giunti sul posto non poterono fare altro che constatare il decesso della donna, il cui corpo presentava numerose ferite d'arma da taglio.‍ Secondo la prima ispezione medico legale, i fendenti non erano meno di quaranta.‍[1]

Horvat fu sottoposto a fermo e condotto in caserma.‍‍[3] Nell'interrogatorio dinanzi ai militari il trentenne raccontò che durante la notte una banda di romeni aveva fatto irruzione in casa. Costoro avrebbero prima aggredito lui, facendogli perdere i sensi, poi avrebbero ucciso la compagna. L'uomo avrebbe ripreso coscienza alle prime luci dell'alba, chiamando i soccorsi.

Per gli inquirenti, tale versione non aveva alcun riscontro plausibile. Nella serata del 20 novembre l'indiziato venne trasferito nel carcere di Novara.‍‍[4] Due giorni dopo, di fronte al giudice per le indagini preliminari, Horvat si avvalse della facoltà di non rispondere. Nei suoi confronti fu convalidato il fermo e disposta la custodia cautelare in carcere con l'accusa di omicidio volontario aggravato.‍‍[5]

L'autopsia sulla salma della vittima aveva rilevato circa 77 fendenti sferrati in varie parti del corpo. La donna soffrì una lunga agonia durata diverse ore prima di perdere la vita. L'uomo avrebbe continuato ad accoltellarla anche in seguito al decesso. L'aggressione sarebbe partita dal salotto per poi spostarsi in bagno, dove la trentasettenne fu rinvenuta dai sanitari in un lago di sangue. L'arma da taglio utilizzata dall'assassino non fu mai ritrovata.‍‍[6]‍‍[7]

Foto del Santuario della Madonna delle Grazie a Trecate

Foto del Santuario della Madonna delle Grazie a Trecate (di Alessandro Vecchi, licenza CC BY-SA 3.0)

Le ulteriori indagini aggravarono la posizione di Horvat che nel corso dei mesi continuò a ribadire la propria versione nonostante le evidenze raccolte dagli inquirenti. La coppia stava vivendo un periodo di crisi, testimoniato anche dai vicini che li sentivano spesso litigare. Anche il padre della vittima era a conoscenza delle numerose discussioni fra i due, al termine delle quali la donna aveva la peggio.

Lui stesso aveva raccontato di una denuncia partita dall'ospedale di Magenta, dopo che la figlia, malmenata dal compagno, si era presentata al pronto soccorso con un dito rotto.‍‍[2] La signora Grandi aveva anche registrato con il cellulare diverse minacce pronunciate dal trentenne. L'ultima risale proprio a circa mezz'ora prima del delitto quando la donna, uscita di casa, ricevette una chiamata: "Se torni, ti massacro".

Nell'autunno del 2020 Horvat fu rinviato a giudizio. Venne confermata nei suoi confronti l'accusa di omicidio volontario, alla quale si aggiunsero le aggravanti della premeditazione e dei futili motivi, oltre alla contestazione del reato di maltrattamenti in famiglia.‍‍[8] Nel febbraio del 2021, ascoltato in un'udienza del processo di fronte ai giudici, l'uomo continuò a proclamarsi innocente, ribadendo la versione degli sconosciuti entrati in casa che avrebbero aggredito lui e la compagna.‍‍[9]

Il 12 febbraio 2021 la Corte d'Assise di Novara aveva condannato l'imputato all'ergastolo, senza isolamento diurno ed escludendo l'aggravante della premeditazione.‍‍[10]‍‍[11] Nelle motivazioni della sentenza i giudici avevano sottolineato i "numerosi, coerenti e schiaccianti elementi di prova", ai quali andava aggiunta la "totale incapacità di fornire una razionale spiegazione alternativa dei fatti".‍[12] Il 9 marzo 2022 la Corte d'Appello di Torino aveva confermato il fine pena mai nei confronti dell'uomo.‍[13][14]

Note

  1. a b Femminicidio: donna uccisa a coltellate dal compagno durante una lite. la Repubblica. Archiviato dall'originale. Consultato il 20 novembre 2019.
  2. a b "Non sono riuscito a proteggere mia figlia". Prima Milano Ovest. Archiviato dall'originale. Consultato il 14 dicembre 2020.
  3. Donna uccisa in casa, fermato il marito. ANSA. Archiviato dall'originale. Consultato il 20 novembre 2019.
  4. Omicidio a Trecate, secondo il compagno sarebbero stati degli sconosciuti ad aggredirli in casa. Quotidiano Piemontese. Archiviato dall'originale. Consultato il 24 novembre 2019.
  5. Donna uccisa a Trecate, convalidato il fermo per il compagno. Sky TG24. Archiviato dall'originale. Consultato il 23 novembre 2019.
  6. Omicidio di Trecate, l'assassino ha infierito sul corpo di Barbara con più di 80 coltellate. Quotidiano Piemontese. Archiviato dall'originale. Consultato il 26 novembre 2019.
  7. Delitto di Trecate: "Barbara è stata colpita da 77 coltellate". La Stampa. Archiviato dall'originale. Consultato il 17 maggio 2020.
  8. Uccisa a coltellate a Trecate, il compagno va a processo. La Stampa. Archiviato dall'originale. Consultato il 16 ottobre 2020.
  9. "Non ho ucciso io Barbara". Prima Milano Ovest. Archiviato dall'originale. Consultato il 7 febbraio 2021.
  10. Uccise la compagna a coltellate, condannato all'ergastolo. La voce di Novara. Archiviato dall'originale. Consultato il 13 febbraio 2021.
  11. Delitto di Barbara Grandi: ergastolo per Horvat, il compagno della donna. Stampa Diocesana Novarese. Archiviato dall'originale. Consultato il 13 febbraio 2021.
  12. "Ha ucciso Barbara con brutale violenza e gratuita spietatezza". Prima Milano Ovest. Archiviato dall'originale. Consultato il 10 marzo 2022.
  13. Uccise la compagna con 70 coltellate, confermato in appello l'ergastolo per Domenico Horvat. la Repubblica. Archiviato dall'originale. Consultato il 10 marzo 2022.
  14. Ergastolo confermato per Domenico Horvat, uccise la compagna con 70 coltellate. La Gazzetta Torinese. Archiviato dall'originale. Consultato il 10 marzo 2022.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.