Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

L'omicidio di Tina Boero a Rocchetta Nervina

Vittima:
Tina Boero
Presunto killer:
Fulvio Sartori
Località:
Rocchetta Nervina
Data:
19 aprile 2021
Uno scorcio panoramico di Rocchetta Nervina. Nella foto il torrente Barbaira passante per il centro storico

Uno scorcio panoramico di Rocchetta Nervina. Nella foto il torrente Barbaira passante per il centro storico (di Davide Papalini, licenza CC BY-SA 3.0).

Voce su Tina Boero

Uno scorcio panoramico di Rocchetta Nervina. Nella foto il torrente Barbaira passante per il centro storico

Uno scorcio panoramico di Rocchetta Nervina. Nella foto il torrente Barbaira passante per il centro storico (di Davide Papalini, licenza CC BY-SA 3.0).

Tina Boero, 80 anni, fu uccisa dal marito Fulvio Sartori, 81 anni.‍‍[1]

L'omicidio si consumò nelle prime ore del mattino del 19 aprile 2021 all'interno dell'abitazione della coppia a Rocchetta Nervina in provincia di Imperia. L'uomo, armato di coltello, aveva sgozzato la moglie nel letto matrimoniale. L'ottantunenne uccise anche Luna, la cagnolina di famiglia, e poi aveva tentato di suicidarsi, tagliandosi le vene.

Non riuscendo nell'intento, l'anziano allertò i soccorsi. Sul posto giunsero i sanitari e le forze dell'ordine. Sartori fu trasportato e ricoverato all'ospedale di Imperia, non in pericolo di vita. Piantonato dai militari, fu sottoposto ad arresto. Nell'immediatezza dei fatti, fu ignoto il motivo per il quale l'uomo avesse compiuto quel gesto. L'ottantunenne era un ex alpino ed ex guardia forestale in pensione.‍‍[2]

Secondo le ricostruzioni, lui e la moglie litigavano spesso, ma non risultavano episodi di maltrattamenti pregressi. La vittima seguiva uno specifico regime alimentare per motivi di salute, ma non era gravemente malata. Anche l'anziano non aveva gravi problemi di salute, ma non fu escluso che potesse essere depresso.‍‍[3]

Il successivo 21 aprile, interrogato dal giudice per le indagini preliminari, Sartori si avvalse della facoltà di non rispondere. Il gip convalidò l'arresto mentre l'uomo rimase ricoverato nel reparto di psichiatria dell'ospedale di Imperia.‍‍[4] Dall'esame autoptico, oltre al profondo taglio alla gola, emersero anche diverse lesioni agli arti della donna, indicative di un tentativo della vittima di difendersi nel corso dell'aggressione mortale.‍‍[5]‍‍[6]

Durante le indagini l'anziano non aveva mai chiarito i motivi del gesto. Sartori fu rinviato a giudizio con le accuse di omicidio volontario e animalicidio aggravati dalla crudeltà, i futili motivi, la minorata difesa della vittima e il legame di parentela. La Procura e il Tribunale di Imperia disposero delle perizie psichiatriche che avevano attribuito all'imputato un vizio parziale di mente nel momento del delitto. La pubblica accusa avanzò una richiesta di pena di 20 anni.‍[7]

Il 10 maggio 2022 l'anziano fu condannato in primo grado a 16 anni di reclusione. La sentenza aveva riconosciuto la seminfermità mentale, escluso le aggravanti della crudeltà, dei futili motivi e del rapporto coniugale, e ritenuto l'uccisione del cane come reato in continuazione rispetto all'omicidio della moglie.‍[8][9]

Nelle motivazioni del verdetto fu sottolineato che l'imputato aveva commesso il delitto in quanto la depressione maggiore, che lo aveva avviluppato, gli obnubilava la capacità volitiva e di controllo. L'anziano soffriva di angoscia, insonnia, rimuginazione e perdita della percezione del futuro. Venuta meno la sua capacità di analisi e di verifica di una possibile alternativa, l'unico modo per farla finita era porre fine alla vita di tutti, compresa la sua.‍[10]

Note

  1. Rocchetta Nervina: omicidio questa mattina in via Umberto, 81enne uccide la moglie. Sanremonews.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 22 aprile 2021.
  2. Anziano uccide la moglie nell'Imperiese. la Repubblica. Archiviato dall'originale. Consultato il 22 aprile 2021.
  3. Rocchetta Nervina, arrestato l'anziano che ha ucciso la moglie. Riviera24. Archiviato dall'originale. Consultato il 22 aprile 2021.
  4. Omicidio a Rocchetta, Sartori fa scena muta davanti al gip. Riviera24. Archiviato dall'originale. Consultato il 22 aprile 2021.
  5. Omicidio di lunedì a Rocchetta Nervina: si è avvalso della facoltà di non rispondere Fulvio Sartori. Sanremonews.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 25 aprile 2021.
  6. Omicidio di Rocchetta Nervina, alle 16 i funerali di Tina Boero. Prima la Riviera. Archiviato dall'originale. Consultato il 25 aprile 2021.
  7. Imperia: omicidio Rocchetta Nervina. Pm chiede 20 anni per Fulvio Sartori. "Delitto abominevole. L'imputato spinto da un odio represso verso la moglie". Imperiapost. Archiviato dall'originale. Consultato il 6 maggio 2022.
  8. Uccise la moglie e il cane: Fulvio Sartori condannato a 16 anni e 4 mesi. Prima la Riviera. Archiviato dall'originale. Consultato il 16 maggio 2022.
  9. Sgozzò la moglie e il cane: Fulvio Sartori condannato a 16 anni e 4 mesi di carcere. Riconosciuta la semi infermità mentale. "Non è il mostro che è stato dipinto". Imperiapost. Archiviato dall'originale. Consultato il 16 maggio 2022.
  10. Imperia, omicidio Boero: "Sartori era depresso, l'unica via d'uscita in fondo al tunnel è stata quella di uccidere la moglie e il cane". Imperianews.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 25 settembre 2022.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.