Il femminicidio di Sonia Di Maggio a Specchia Gallone di Minervino di Lecce

Vittima:
Sonia Di Maggio
Killer:
Salvatore Carfora
Località:
Specchia Gallone di Minervino di Lecce
Data:
1 febbraio 2021
Foto del Palazzo Baronale di Specchia Gallone, uno dei monumenti più rappresentativi della frazione del Comune di Minervino di Lecce
Foto del Palazzo Baronale di Specchia Gallone, uno dei monumenti più rappresentativi della frazione del Comune di Minervino di Lecce (di Marzoide88, licenza GNU FDL 1.3)
Foto del Palazzo Baronale di Specchia Gallone, uno dei monumenti più rappresentativi della frazione del Comune di Minervino di Lecce
Foto del Palazzo Baronale di Specchia Gallone, uno dei monumenti più rappresentativi della frazione del Comune di Minervino di Lecce (di Marzoide88, licenza GNU FDL 1.3)

Sonia Di Maggio, 29 anni, è stata uccisa la sera del 1º febbraio 2021 a Minervino di Lecce. La vittima si trovava in strada, nella frazione di Specchia Gallone, insieme al suo fidanzato quando all'improvviso è stata aggredita da un individuo.‍‍[1]‍‍[2]

Costui era Salvatore Carfora, 39 anni, ex compagno della giovane. Armato di coltello, sferrò numerosi fendenti alla ventinovenne. Il fidanzato tentò di difenderla, ma nulla poté contro la furia dell'aggressore. Sonia si era accasciata al suolo in un lago di sangue. Vani i tentativi dei sanitari giunti sul posto che provarono a rianimarla, ma le lesioni riportate furono troppo gravi.

Carfora era originario di Torre Annunziata (Napoli) e aveva precedenti specifici per violenza. Nel 2011 avrebbe accoltellato un parcheggiatore abusivo nel suo paese. In passato aveva minacciato sia la sua ex che il nuovo compagno di lei.‍‍[3] La giovane però non lo aveva denunciato per paura di ritorsioni. Lui si era recato a Specchia Gallone appositamente per attuare l'agguato mortale. Dopo aver inflitto le fatali coltellate, si dileguò.

Sonia Di Maggio era originaria di Rimini e si trovava in Puglia per stare accanto al nuovo fidanzato. La mattina seguente, 2 febbraio, il trentanovenne era stato rintracciato e fermato dalla Polizia di Otranto mentre tentava di raggiungere la vicina stazione ferroviaria per lasciare il Salento e tornare in Campania.‍‍[4]‍‍[5]

Interrogato dagli inquirenti nelle ore successive, Carfora fornì una parziale ammissione, accompagnando gli agenti sul luogo dove aveva gettato l'arma del delitto, un coltello a serramanico da sub. L'uomo aveva un passato problematico: nel precedente mese di giugno era stato dimesso dall'ospedale psichiatrico di Aversa (Napoli).‍‍[6]‍‍[7]

Nei suoi confronti fu contestato il reato di omicidio volontario aggravato dalla premeditazione e dallo stalking.‍‍[8]‍‍[9] Il 5 febbraio, nell'interrogatorio di fronte al giudice per le indagini preliminari, il trentanovenne rilasciò una piena confessione, rispondendo a tutte le domande e ricostruendo le fasi concitate della vicenda.‍‍[10] Di conseguenza fu convalidato il fermo e disposta la custodia cautelare in carcere.

Nell'ordinanza il giudice sottolineò che l'uomo era apparso freddo e lucido, raccontando gli eventi senza un minimo di resipiscenza. Per lui Sonia non doveva permettersi di rifarsi una vita con un altro uomo e, se fosse rimasto in libertà, avrebbe ucciso anche il nuovo compagno. Per conoscere la ventinovenne e nascondere i suoi precedenti con la giustizia, Carfora aveva usato un altro nome, Alessandro. Ma lei nei mesi successivi aveva scoperto la sua vera identità. Durante la relazione, la vittima era stata anche picchiata diverse volte dal trentanovenne.‍‍[11]‍‍[12]

L'esame autoptico aveva rilevato circa venti coltellate sferrate con ferocia e brutalità tra il collo e la testa. Nel luglio del 2021 il reo confesso fu rinviato a giudizio immediato. La Procura aveva contestato anche l'aggravante dei futili motivi.‍[13][14]

Note

  1. Accoltellata per strada muore in una pozza di sangue. Si cerca l'ex compagno, shock a Specchia Gallone. Leccenews24. Archiviato dall'originale. Consultato il 2 febbraio 2021.
  2. Accoltellata per strada al collo, muore dissanguata donna di 29 anni. LeccePrima. Archiviato dall'originale. Consultato il 2 febbraio 2021.
  3. Femminicidio nel Salento, l'ex scrisse a Sonia e al fidanzato: "Siete due morti che camminano". la Repubblica. Archiviato dall'originale. Consultato il 7 febbraio 2021.
  4. Lecce, la 29enne uccisa in strada con 20 coltellate. Confessa l'ex compagno napoletano di 39 anni. La Gazzetta del Mezzogiorno. Archiviato dall'originale. Consultato il 2 febbraio 2021.
  5. Ventinovenne uccisa a coltellate nel Salento, fermato per omicidio il suo ex: era in fuga. la Repubblica. Archiviato dall'originale. Consultato il 2 febbraio 2021.
  6. Femminicidio nel Salento, uccide la ex fidanzata con 20 coltellate. E confessa. L'HuffPost. Archiviato dall'originale. Consultato il 2 febbraio 2021.
  7. Uccisa a coltellate a Specchia Gallone, preso l'ex fidanzato. Ha confessato. Leccenews24. Archiviato dall'originale. Consultato il 2 febbraio 2021.
  8. Sonia Di Maggio, Carfora accusato di omicidio premeditato. Chiamamicitta. Archiviato dall'originale. Consultato il 3 febbraio 2021.
  9. Ventinovenne uccisa dall'ex nel Salento, l'assassino aveva programmato tutto: è partito da Napoli con il coltello. la Repubblica. Archiviato dall'originale. Consultato il 3 febbraio 2021.
  10. Omicidio Sonia, ritrovato il coltello con cui è stata uccisa. Il Killer ha confessato. Telerama News. Archiviato dall'originale. Consultato il 6 febbraio 2021.
  11. Femminicidio nel Salento:per killer 'non doveva rifarsi vita'. ANSA. Archiviato dall'originale. Consultato il 7 febbraio 2021.
  12. Femminicidio in Salento, gip convalida il fermo del reo confesso. Il killer: "Lei non doveva rifarsi una vita". La Gazzetta del Mezzogiorno. Archiviato dall'originale. Consultato il 7 febbraio 2021.
  13. 29enne uccisa a coltellate a Specchia Gallone. Procura chiede processo per ex fidanzato. Giudice accoglie la richiesta. Leccenews24. Archiviato dall'originale. Consultato l'11 luglio 2021.
  14. Accoltellò per strada la ex fidanzata, disposto il giudizio immediato. LeccePrima. Archiviato dall'originale. Consultato l'11 luglio 2021.
FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.