Menu Ricerca voce
Menu
Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Il femminicidio di Ilenia Fabbri a Faenza

Vittima:
Ilenia Fabbri
Killer:
Pierluigi Barbieri
Presunto killer:
Claudio Nanni
Località:
Faenza
Data:
6 febbraio 2021
Foto del Palazzo del Podestà in Piazza del Popolo a Faenza
Foto del Palazzo del Podestà in Piazza del Popolo a Faenza (di Rosapicci, licenza CC BY-SA 4.0)

Ilenia Fabbri, 46 anni, è stata trovata morta la mattina di sabato 6 febbraio 2021 nell'abitazione in cui risiedeva a Faenza in provincia di Ravenna.‍[1][2]

Foto scattata dalla Piazza della Libertà a Faenza. Sullo sfondo la Torre dell'Orologio.
Foto scattata dalla Piazza della Libertà a Faenza. Sullo sfondo la Torre dell'Orologio (di Gianni Careddu, licenza CC BY-SA 4.0).

La donna era separata dall'ex marito e aveva una figlia di 21 anni. A scoprire il corpo senza vita è stata la fidanzata di quest'ultima, presente in casa quella mattina perché, ospite della famiglia, era rimasta lì a dormire. La figlia ventunenne e il padre invece non erano presenti in quel momento nell'abitazione perché erano usciti per recarsi a Osnago (Lecco) per comprare un automobile.

La ragazza aveva lasciato l'appartamento poco prima delle ore 6.00, quando il genitore era passato a prenderla in macchina. Pochi minuti dopo la compagna in casa era stata svegliata a causa di un frastuono e aveva sentito delle forti urla. In quegli attimi concitati aveva anche visto una sagoma allontanarsi, registrata in seguito pure in strada da una telecamera di videosorveglianza della zona. Di conseguenza la telefonata alla figlia della vittima, effettuata intorno alle 6.06, da cui seguirà l'allarme rivolto alle forze dell'ordine.‍[3]

Secondo le testimonianze, anche alcuni vicini di casa avrebbero sentito delle urla. La giovane barricata in camera, preoccupata e sotto shock, era poi uscita trovando il cadavere della signora Fabbri disteso sul pavimento. Poco dopo sul posto sono giunti gli agenti del locale commissariato di Polizia, coordinati dalla Procura di Ravenna. La prima ispezione medico legale sul corpo della quarantaseienne aveva rilevato una profonda ferita al collo, segno che la donna era stata uccisa al culmine di un'aggressione.

La signora Fabbri lavorava come impiegata in una concessionaria di auto di Imola. Dal 2018 era separata da Claudio Nanni, 53 anni, contro il quale aveva avuto diverse cause pendenti in tribunale in merito alla divisione del patrimonio coniugale. La quarantaseienne negli ultimi tempi aveva iniziato una nuova relazione con un altro uomo. Lei abitava da sola con la figlia e, il giorno precedente, aveva ospitato la fidanzata della giovane. L'ex marito saltuariamente tornava nell'abitazione per andare a trovare la figlia.‍[4][5]

Nei giorni successivi l'autopsia ha confermato il decesso della vittima per un singolo colpo di coltello sferrato alla parte laterale del collo che ha provocato la recisione di vena e arteria.‍[6] La Procura ha prima aperto un fascicolo d'inchiesta contro ignoti,‍[7] poi ha iscritto nel registro degli indagati l'ex marito Claudio Nanni con l'ipotesi di reato di concorso in omicidio pluriaggravato.‍[8]

Gli investigatori hanno scoperto che il rapporto fra i due ex coniugi dopo la separazione era abbastanza travagliato. Nel 2017 la signora Fabbri aveva denunciato l'uomo per maltrattamenti, ma quel procedimento era stato poi archiviato e per lui non risultavano precedenti penali.‍[7] Tuttavia, per un'aggressione fisica avvenuta nell'ottobre del 2017, nella quale la afferrò alle spalle con forza con una mano dietro il collo e le fece sbattere la testa contro il muro,‍[9] aveva ricevuto un decreto penale di condanna.‍[10][11]

I sospetti verso il cinquantatreenne si sono così addensati sempre di più durante le indagini. Un testimone aveva raccontato agli inquirenti di aver sentito Nanni pronunciare la frase "se continua così, prima o poi mando qualcuno a farle la festa", riferendosi all'ex moglie all'uscita da un incontro con l'avvocato civilista per il processo in corso in tribunale. Oltre alle pratiche legali per il divorzio, la donna aveva promosso nei confronti dell'ex marito un contenzioso per la cessione di un'attività commerciale e il mancato compenso di una somma di denaro legata alle sue prestazioni lavorative.‍[12][13]

La richiesta di risarcimento da parte della quarantaseienne ammontava a circa 500 mila euro, manifestando in seguito l'intenzione di abbassare le pretese pur di non scendere sotto i 100 mila. Successivamente è emerso anche che nel 2019 l'uomo avrebbe chiesto a un'ex compagna informazioni sulla conoscenza di una persona che potesse fare del male alla ex moglie affermando "lei mi vuole rovinare, mi chiede un sacco di soldi". Inoltre la Procura avrebbe depositato agli atti diverse testimonianze in cui lo stesso, a partire dal 2018, direttamente o indirettamente, avrebbe minacciato di morte la ex coniuge.‍[14][15] Un timore che la donna avrebbe confidato a una sua amica, riferendo che se lei avesse vinto anche l'ultima causa in tribunale, lui l'avrebbe uccisa.

In merito alla diffusione di indiscrezioni su un suo probabile coinvolgimento nel delitto, la figlia e la sorella dell'indagato hanno tenuto a sottolineare l'innocenza del cinquantatreenne.‍[16][17] Tuttavia, nella notte tra il 2 il 3 marzo 2021, per Claudio Nanni e un suo conoscente, Pierluigi Barbieri, 52 anni, è stata emessa un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, essendo ritenuti rispettivamente il mandante e l'esecutore materiale dell'omicidio. Il provvedimento, richiesto dalla Procura e accolto dal giudice per le indagini preliminari, è stato basato sulle risultanze investigative che hanno raccolto gravi elementi indiziari.‍[18][19]

Foto del Palazzo del Podestà in Piazza del Popolo a Faenza
Foto del Palazzo del Podestà in Piazza del Popolo a Faenza (di Rosapicci, licenza CC BY-SA 4.0)

Secondo gli inquirenti, il delitto sarebbe stato pianificato per il profondo astio covato nei confronti della vittima in seguito alla separazione e per i contenziosi economici in corso in tribunale, tra cui la richiesta di risarcimento e la perdita della proprietà della casa (in cui è avvenuto il delitto) che era stata assegnata alla quarantaseienne. Esecuzione programmata la mattina del 6 febbraio 2021 quando Nanni doveva recarsi in provincia di Lecco insieme alla figlia per svolgere una faccenda.

Episodio che avrebbe rappresentato l'alibi per lui, non essendo nell'appartamento al momento dell'aggressione mortale. L'obiettivo sarebbe stato quello di far ritrovare il cadavere nel pomeriggio e far passare la vicenda come una rapina finita male, ma il piano è stato parzialmente rovinato per la presenza in casa della fidanzata della figlia, di cui l'uomo non era al corrente. Una situazione che ha fatto subito scattare l'allarme, costringendolo a tornare indietro e facendo in modo che il corpo senza vita fosse rinvenuto in mattinata.‍[10][11]

Barbieri è un pluripregiudicato residente a Bagno, frazione di Reggio Emilia, condannato in abbreviato a 5 anni di reclusione dal Tribunale di Forlì per una spedizione punitiva nei confronti di un disabile a Predappio nel febbraio del 2020.‍[20] Lo stesso era a piede libero perché la pena non era definitiva, ma per quei fatti era stato in cella e, nell'agosto del 2020, scarcerato. L'uomo si trovava a Faenza il giorno dell'omicidio. Sono stati registrati vari contatti risalenti alle settimane precedenti all'omicidio fra lui e il presunto mandante, che si conoscevano da tempo avendo in comune la passione per le moto. Altri contatti sarebbero intercorsi fra i due in modo frequente, ma sarebbero stati cancellati in modo permanente e mai più recuperati: particolare che ha insospettito gli investigatori, rivolgendo l'attenzione su di loro.‍[21][22]

Il successivo 8 marzo, nell'interrogatorio di garanzia di fronte al gip, Pierluigi Barbieri ha confessato l'omicidio raccontando che l'amico gli aveva promesso un compenso di circa 20 mila euro e un automobile.‍[23] Il sicario avrebbe dovuto uccidere la vittima stordendola, strangolandola e buttandola giù dalle scale. Tuttavia, nel mettere in atto il piano, si sarebbero verificati alcuni imprevisti che hanno modificato l'esecuzione.

La donna ha urlato e opposto resistenza tentando di difendersi. Un vicino, sentendo le forti grida, ha suonato il citofono. Inoltre un telefono aveva iniziato a squillare. Il tutto mentre nell'appartamento era presente anche la fidanzata della figlia, barricata in camera. L'aggressore così, compreso di avere poco tempo, ha recuperato un coltello presente in casa e l'ha colpita alla gola. Claudio Nanni però non ha confermato completamente tale versione, riferendo al giudice di aver soltanto incaricato Barbieri di "intimidire l'ex moglie, non di ucciderla".‍[24][25]

In altri interrogatori, a cui è stato sottoposto il sicario reo confesso nel corso del mese di marzo, sono emersi ulteriori dettagli. I due indiziati avrebbero tentato per due volte di uccidere la vittima prima del 6 febbraio 2021. Piani che sarebbero stati architettati nei mesi precedenti, ma falliti durante l'esecuzione. In particolare, Barbieri avrebbe dovuto far scomparire la quarantaseienne dentro a un trolley per poi cospargerla di acido e gettarla in una buca.‍[26]

Su indicazione dell'uomo, la Polizia ha individuato quella buca localizzata nella campagne faentine, nonché una vanga, dell'acido e un trolley nel magazzino dell'officina del presunto mandante. Lo stesso cinquantaduenne ha inoltre aggiunto di aver gettato, in un campo adiacente a una piazzola dell'autostrada A14 tra Faenza e Imola, un manico di un martello con cui aveva provato a soffocare la vittima la mattina del 6 febbraio, prima di toglierle la vita con un fendente d'arma da taglio alla gola. In merito alle suddette dichiarazioni rilasciate da Barbieri, Nanni si è avvalso della facoltà di non rispondere in successivi interrogatori.‍[27][28]

Note

  1. Omicidio a Faenza, 46enne accoltellata alla gola. CorriereRomagna. Archiviato dall'originale. Consultato l'8 febbraio 2021.
  2. Omicidio di Faenza: chi era Ilenia Fabbri. La separazione poi una nuova vita. ilrestodelcarlino.it. Archiviato dall'originale. Consultato l'8 febbraio 2021.
  3. Omicidio di Faenza, la chiamata dell'amica mentre Ilenia moriva: 20 minuti di paura. ilrestodelcarlino.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 14 febbraio 2021.
  4. Da un coltello lavato i possibili indizi per trovare l'assassino di Ilenia Fabbri. Ravenna&Dintorni. Archiviato dall'originale. Consultato l'8 febbraio 2021.
  5. Uccisa a Faenza, quindici minuti di buio nelle indagini. la Repubblica. Archiviato dall'originale. Consultato l'8 febbraio 2021.
  6. L'autopsia su Ilenia: uccisa da una sola coltellata al collo. CorriereRomagna. Archiviato dall'originale. Consultato l'8 febbraio 2021.
  7. a b Faenza: donna uccisa, spuntano le vecchie denunce per violenza. Ma si esclude la pista passionale. Corriere.it. Archiviato dall'originale. Consultato l'8 febbraio 2021.
  8. Delitto a Faenza: indagato l'ex marito di Ilenia per omicidio in concorso. ANSA. Archiviato dall'originale. Consultato il 14 febbraio 2021.
  9. Omicidio Faenza, "Ilenia minacciata da ex marito per anni". Adnkronos. Archiviato dall'originale. Consultato il 5 marzo 2021.
  10. a b Faenza, il femminicidio di Ilenia Fabbri: "L'ex marito avido e paranoico, voleva annientarla da anni". la Repubblica. Archiviato dall'originale. Consultato il 4 marzo 2021.
  11. a b Delitto Ilenia, tra Nanni e il killer due incontri e 36 telefonate. CorriereRomagna. Archiviato dall'originale. Consultato il 4 marzo 2021.
  12. L'ex marito di Ilenia disse "Mando uno a farle la festa". Ravenna Web Tv. Archiviato dall'originale. Consultato il 14 febbraio 2021.
  13. Omicidio Fabbri: frasi compromettenti dell'ex marito raccolti da un testimone. Ravenna&Dintorni. Archiviato dall'originale. Consultato il 14 febbraio 2021.
  14. Omicidio Faenza, "Conosci qualcuno per far del male a Ilenia?". ilrestodelcarlino.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 3 marzo 2021.
  15. Uccisa a Faenza: ex chiese 'conosci chi può farle male?'. ANSA. Archiviato dall'originale. Consultato il 3 marzo 2021.
  16. Omicidio Ilenia, parla la famiglia dell'ex: "Non è lui il mandante". CorriereRomagna. Archiviato dall'originale. Consultato il 19 febbraio 2021.
  17. Omicidio di Faenza, la figlia di Ilenia Fabbri: "Mio padre è innocente". ilrestodelcarlino.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 19 febbraio 2021.
  18. Omicidio di Ilenia Fabbri: arrestato l'ex marito e un suo conoscente, sono ritenuti mandante ed esecutore materiale del delitto. RavennaNotizie.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 3 marzo 2021.
  19. Omicidio di Ilenia Fabbri, arrestati l'ex marito e un conoscente. ANSA. Archiviato dall'originale. Consultato il 3 marzo 2021.
  20. Delitto di Faenza, l'altro arrestato aggredì disabile a Predappio. CorriereRomagna. Archiviato dall'originale. Consultato il 3 marzo 2021.
  21. Delitto Ilenia. Il ritratto dell'uomo accusato di essere il killer. CorriereRomagna. Archiviato dall'originale. Consultato il 4 marzo 2021.
  22. L'accusa: l'ex marito Claudio Nanni ha fatto uccidere Ilenia Fabbri da un pluripregiudicato che conosceva da tempo. RavennaNotizie.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 3 marzo 2021.
  23. Omicidio Ilenia Fabbri. Sentito Nanni, l'ex marito: "volevo solo intimidirla". RavennaNotizie.it. Archiviato dall'originale. Consultato l'8 marzo 2021.
  24. Faenza, il femminicidio di Ilenia Fabbri pianificato da un anno. la Repubblica. Archiviato dall'originale. Consultato il 9 marzo 2021.
  25. Delitto di Ilenia, il piano del killer: "Doveva cadere dalle scale". CorriereRomagna. Archiviato dall'originale. Consultato il 9 marzo 2021.
  26. Ilenia Fabbri, trovata la fossa: "L'aveva scavata il marito". ilrestodelcarlino.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 24 marzo 2021.
  27. Omicidio Faenza, acido per far sparire il corpo di Ilenia Fabbri. ilrestodelcarlino.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 23 marzo 2021.
  28. Il piano era far sparire Ilenia Fabbri in una buca. Sequestrati vanga e acido. Ravenna&Dintorni. Archiviato dall'originale. Consultato il 23 marzo 2021.
FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.