Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Il femminicidio di Piera Napoli a Palermo

Vittima:
Piera Napoli
Killer:
Salvatore Baglione
Località:
Palermo
Data:
7 febbraio 2021
Uno scorcio panoramico dall'alto della città di Palermo

Uno scorcio panoramico dall'alto della città di Palermo (di Bengt Nyman, licenza CC BY 2.0)

Voce su Piera Napoli

Piera Napoli, cantante di 32 anni e madre di tre figli, è stata uccisa la mattina del 7 febbraio 2021 all'interno dell'abitazione in cui risiedeva a Palermo, nel quartiere Cruillas.

Uno scorcio panoramico dall'alto della città di Palermo

Uno scorcio panoramico dall'alto della città di Palermo (di Bengt Nyman, licenza CC BY 2.0)

Il marito della donna, Salvatore Baglione, 37 anni, intorno alle ore 13.00 dello stesso giorno si era costituito alla caserma Uditore dei Carabinieri per confessare il delitto.‍‍[1]‍‍[2] L'aggressione mortale era stata compiuta in casa mentre erano presenti due dei tre figli della coppia, che però non si sarebbero accorti di nulla, né avrebbero assistito al dramma. Nelle ore successive l'uomo aveva accompagnato i due minorenni dai nonni, dove si trovava l'altro fratello. Poi, ritornato nella dimora familiare, aveva fatto le valige e si era presentato dai militari.

Il corpo senza vita della trentaduenne fu rinvenuto in seguito dai Carabinieri nel bagno dell'appartamento e presentava varie ferite d'arma da taglio inferte con un coltello da cucina. Secondo le testimonianze dei conoscenti, il rapporto fra la signora Napoli e il marito negli ultimi tempi si era incrinato. Il padre della vittima riferì ai giornalisti che lei non aveva lasciato l'abitazione soltanto per stare accanto ai figli. Durante l'interrogatorio in caserma, Baglione avrebbe raccontato di aver compiuto il gesto perché la moglie lo tradiva e quella mattina gli aveva detto di non amarlo più.‍‍[3]‍‍[4]

Circa due settimane prima la Polizia era intervenuta nella casa della coppia per sedare un'ennesima lite. In quell'occasione la donna non avrebbe voluto far rientrare il marito nell'appartamento. L'uomo nelle tre notti seguenti avrebbe dormito in macchina. La trentaduenne non aveva mai sporto denuncia per maltrattamenti. I due erano sposati dal 2006.‍[5]

Dopo essersi costituito, il trentasettenne fu fermato e condotto in carcere con l'accusa di omicidio volontario aggravato dalla premeditazione, dalla crudeltà e dai futili motivi.‍‍[6] Nell'interrogatorio di garanzia di fronte al giudice per le indagini preliminari, Baglione ribadì la sua confessione, precisando di aver compiuto un gesto d'impeto. Nei suoi confronti fu convalidato il fermo e disposta la custodia cautelare in carcere.

Il gip ritenne sussistente il pericolo di fuga e, concordando con l'ipotesi della Procura, non diede credito alla versione dell'uomo precisando nell'ordinanza che il trentasettenne aveva atteso che si addensassero i propri sospetti su una presunta relazione extraconiugale della moglie per porre in essere un gesto programmato da tempo.‍‍[7]‍‍[8] L'esame autoptico aveva rilevato circa una decina di fendenti sulla salma della vittima, in particolare al tronco, alla testa e al volto. La donna aveva tentato, invano, di difendersi durante la fatale aggressione.‍‍[9]

Nel mese di giugno fu disposto il giudizio immediato in rito ordinario per il reo confesso.‍[10][11] Nel corso del processo i parenti della signora Napoli avevano testimoniato che Baglione, convinto che la moglie lo stesse tradendo, era diventato troppo possessivo e soffocante nei confronti della vittima. In un'occasione in particolare, avrebbe persino ingaggiato un investigatore privato per seguire la coniuge.‍[12]

Nell'aprile del 2022 la Corte d'Assise di Palermo dispose una perizia psichiatrica per stabilire la capacità di intendere e di volere dell'imputato nel momento del delitto.‍[13]

Note

  1. Femminicidio a Palermo, cantante neomelodica uccisa in casa con un coltello da cucina: il marito confessa. Giornale di Sicilia. Archiviato dall'originale. Consultato il 7 febbraio 2021.
  2. Femminicidio a Palermo, uccisa una cantante, marito ha confessato. QdS. Archiviato dall'originale. Consultato il 7 febbraio 2021.
  3. Delitto a Cruillas, la confessione: "Mi tradiva e ha detto di non amarmi più, così l'ho uccisa". PalermoToday. Archiviato dall'originale. Consultato l'8 febbraio 2021.
  4. Le coltellate, il cadavere in casa per ore: una domenica di orrore. Live Sicilia. Archiviato dall'originale. Consultato l'8 febbraio 2021.
  5. L'intervento della polizia, le chat segrete e la lite fatale: tutti i retroscena del delitto di Cruillas. PalermoToday. Archiviato dall'originale. Consultato il 9 febbraio 2021.
  6. L'omicidio di Piera Napoli, un mese fa aveva chiamato la polizia. La confessione del marito: "I figli erano a casa, non si sono accorti di nulla". la Repubblica. Archiviato dall'originale. Consultato l'8 febbraio 2021.
  7. Omicidio cantante neomelodica, fermo convalidato per il marito. La Sicilia. Archiviato dall'originale. Consultato il 9 febbraio 2021.
  8. Delitto di Cruillas, il gip: "L'assassino covava da mesi il desiderio di uccidere la moglie". PalermoToday. Archiviato dall'originale. Consultato l'11 febbraio 2021.
  9. L'autopsia su Piera Napoli: "Delitto efferato, uccisa con decine di coltellate". ilSicilia.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 12 febbraio 2021.
  10. Confessò di aver ucciso la moglie, rischia l'ergastolo il marito di Piera Napoli. Monreale News. Archiviato dall'originale. Consultato il 12 giugno 2021.
  11. Omicidio di Piera Napoli, il marito a processo per omicidio premeditato. BlogSicilia. Archiviato dall'originale. Consultato il 12 giugno 2021.
  12. La madre di Piera Napoli contro il genero: "Era ossessivo e geloso, quel giorno ha ucciso anche me". PalermoToday. Archiviato dall'originale. Consultato il 16 dicembre 2021.
  13. Omicidio di Piera Napoli, il marito era lucido quando la accoltellò? I giudici dispongono una perizia. PalermoToday. Archiviato dall'originale. Consultato il 28 aprile 2022.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.