Il femminicidio di Alessandra Zorzin a Valdimolino di Montecchio Maggiore

Vittima:
Alessandra Zorzin
Killer:
Marco Turrin
Località:
Valdimolino di Montecchio Maggiore
Data:
15 settembre 2021
Il Duomo di Santa Maria e San Vitale a Montecchio Maggiore dove sono stati celebrati i funerali di Ale Zorzin
Il Duomo di Santa Maria e San Vitale a Montecchio Maggiore dove sono stati celebrati i funerali di Ale Zorzin (da mapio.net)
Uno scorcio panoramico di Montecchio Maggiore in provincia di Vicenza. In alto sui colli il Castello della Villa e il Castello della Bellaguardia.
Uno scorcio panoramico di Montecchio Maggiore in provincia di Vicenza. In alto sui colli il Castello della Villa e il Castello della Bellaguardia (di Filippo Mazzaia, licenza CC BY-SA 3.0).

Alessandra Zorzin, 21 anni, è stata uccisa nel corso del primo pomeriggio del 15 settembre 2021 all'interno della propria abitazione a Valdimolino, frazione del comune di Montecchio Maggiore in provincia di Vicenza.‍[1][2]

A compiere l'omicidio fu un suo conoscente, Marco Turrin, guardia giurata di 38 anni. L'uomo si recò a casa della giovane in mattinata. Più tardi i vicini avrebbero sentito delle forti urla provenire dall'abitazione, probabilmente a causa di un violento litigio, poi un rumore sordo. Il trentottenne in seguito lasciò il posto allontanandosi a bordo della sua auto.

I residenti provarono a mettersi in contatto con la giovane senza avere riposte. Dunque, preoccupati, avevano allertato il marito, l'unico ad avere le chiavi di casa. Fu quest'ultimo a scoprire il corpo senza vita della moglie all'interno dell'appartamento, freddata da un colpo di pistola.

La ragazza era madre di una bambina di due anni. La piccola non era presente in casa nel momento del delitto. La giovane lavorava come parrucchiera in un locale della zona e conviveva insieme marito da circa un anno e mezzo.

Il Duomo di Santa Maria e San Vitale a Montecchio Maggiore dove sono stati celebrati i funerali di Ale Zorzin
Il Duomo di Santa Maria e San Vitale a Montecchio Maggiore dove sono stati celebrati i funerali di Ale Zorzin (da mapio.net)

Turrin era residente a Vigodarzere in provincia di Padova. Le forze dell'ordine si misero subito messe sulle sue tracce, considerato come il principale sospettato. Il trentottenne rimase in fuga per diverse ore, fino in serata quando fu localizzato nell'area di Creazzo (Vicenza). Alla vista dei militari si suicidò all'interno della propria auto, sparandosi un colpo di pistola alla testa.

Secondo le testimonianze, l'uomo era un frequentatore abituale della casa dove risiedeva la ventunenne. Turrin aveva riferito alla propria famiglia di avere una ragazza, tanto che il padre sapeva che lui e la vittima si frequentavano da circa sei mesi.‍[3][4]

La guardia giurata possedeva due pistole, una legata al suo lavoro e un'altra per uso personale. Avrebbe compiuto il delitto con quest'ultima, sparando alla giovane all'altezza dello zigomo sinistro, prima di allontanarsi dell'abitazione e darsi alla fuga.‍[5][6]

Note

  1. Uccisa ventunenne: omicida in fuga, il cadavere scoperto in casa dal marito. Lascia bimba di 2 anni. Caccia a 38enne padovano: si è sparato. Il Gazzettino. Archiviato dall'originale. Consultato il 17 settembre 2021.
  2. Guardia giurata di Padova ammazza una ragazza di 21 anni e poi si toglie la vita. TgPadova Telenuovo. Archiviato dall'originale. Consultato il 17 settembre 2021.
  3. Il papà del killer di Alessandra: "Marco era felice, si frequentavano da 7 mesi". Il Gazzettino. Archiviato dall'originale. Consultato il 17 settembre 2021.
  4. Femminicidio di Alessandra Zorzin, il killer Marco Turrin diceva di avere una fidanzata. ilrestodelcarlino.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 17 settembre 2021.
  5. "Assassinate per il loro rifiuto verso due maschi". VicenzaToday. Archiviato dall'originale. Consultato il 17 settembre 2021.
  6. Femminicidio Zorzin, l'omicida ha sparato a bruciapelo: l'autopsia conferma la dinamica. ilrestodelcarlino.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 20 settembre 2021.
FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.