Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Il femminicidio di Anna Rosa Fontana a Matera

Vittima:
Anna Rosa Fontana
Killer:
Paolo Chieco
Località:
Matera
Data:
7 dicembre 2010

Voce su Anna Rosa Fontana

Anna Rosa Fontana, 38 anni, fu uccisa a coltellate dall'ex compagno Paolo Chieco, 53 anni, il 7 dicembre 2021 sull'uscio di casa a Matera.‍[1][2]

La donna in passato era stata sposata con un altro uomo, con il quale aveva avuto due figli, poi sopraggiunse la separazione e l'incontro con Chieco, un manovale di Matera che risiedeva a circa 300 metri dall'abitazione della vittima. Anche quella relazione però giunse al termine, nonostante la nascita di un'altra bambina.

Chieco però non si era mai rassegnato alla decisione dell'ex compagna, mettendo in atto una lunga serie di persecuzioni. Nel luglio del 2005, aggredì la donna nell'abitazione di lei, accoltellandola più volte davanti a uno dei figli che all'epoca aveva 7 anni.

Per quell'episodio Chieco fu condannato in rito abbreviato a 8 anni di reclusione in primo grado, ridotti poi a 6 anni in Appello, scontati perlopiù ai domiciliari. Il provvedimento restrittivo però non servì a placare l'uomo che in seguitò provò comunque a maltrattare e perseguitare la vittima.

Nell'ottobre del 2009, dopo aver scontato per intero la precedente condanna, Chieco con un pretestò riuscì a ottenere un appuntamento con la signora Fontana. Nel corso dell'incontro, lui le legò una corda al collo e la portò sul ciglio di un burrone, minacciando di lanciarla nel vuoto.

La vittima fortunatamente si salvò dopo essere riuscita a inviare diversi messaggi con il cellulare ai parenti. La donna denunciò nuovamente l'ennesima aggressione, ma nei confronti dell'uomo fu riconosciuto soltanto il reato di stalking e fu disposto a suo carico il divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dall'ex compagna.

Chieco tese un ultimo agguato alla donna l'anno successivo, la sera di martedì 7 dicembre 2010. Il cinquantatreenne la stava nuovamente seguendo in strada. Lei si accorse di lui e avvisò telefonicamente le forze dell'ordine che, però, le avrebbero risposto di non poter intervenire perché avevano bisogno di cogliere il malintenzionato in flagranza. Un comportamento che i legali della famiglia della vittima definirono omissivo.‍[3]

La trentottenne tentò invano di rifugiarsi a casa ma, prima che lei riuscisse a rientrare nella propria abitazione, l'ex compagno la raggiunse e la aggredì a coltellate. Quella volta i fendenti si rivelarono fatali.‍[4]

Rinviato a giudizio per omicidio, Paolo Chieco fu processato in rito abbreviato e nel febbraio del 2012 fu condannato a 30 anni di reclusione dalla Corte d'Assise di Matera.‍[5] Il successivo mese di novembre la sentenza fu confermata dalla Corte d'Appello di Potenza.‍[6]

Note

  1. 10 anni fa moriva a Matera Anna Rosa Fontana, brutalmente assassinata dal suo ex. Il ricordo della deputata Ascari. TRM network. Archiviato dall'originale.
  2. Vittima di femminicidio, Anna Rosa e le (vane) denunce ai Carabinieri: "Dille di non chiamare più". Fanpage. Archiviato dall'originale.
  3. "Oltre 13 milioni per la morte di Anna Rosa. Forze di Polizia colpevoli". La Gazzetta del Mezzogiorno. Archiviato dall'originale.
  4. Storia di Anna Rosa uccisa due volte in cinque anni. La Stampa. Archiviato dall'originale.
  5. Omicidio Anna Rosa Fontana, il gup Rosa Bia condanna Paolo Chieco a 30 anni di carcere. SassiLive. Archiviato dall'originale.
  6. Potenza, uccise la ex, condanna confermata: "In carcere 30 anni". La Gazzetta del Mezzogiorno. Archiviato dall'originale.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.