Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Il femminicidio di Adele Bruno a Lamezia Terme

Vittima:
Adele Bruno
Killer:
Daniele Gatto
Località:
Lamezia Terme
Data:
31 ottobre 2011
Uno scorcio della Cattedrale dei Santi Pietro e Paolo a Lamezia Terme, in provincia di Catanzaro, dove sono stati celebrati i funerali di Adele Bruno

Uno scorcio della Cattedrale dei Santi Pietro e Paolo a Lamezia Terme, in provincia di Catanzaro, dove sono stati celebrati i funerali di Adele Bruno

Voce su Adele Bruno

Adele Bruno, 27 anni, conosciuta come Adelina, fu ritrovata morta la mattina del giorno del suo compleanno, il 31 ottobre 2011, in un uliveto nelle campagne del quartiere Capizzaglie a Lamezia Terme, comune in provincia di Catanzaro.‍‍[1]

Uno scorcio della Cattedrale dei Santi Pietro e Paolo a Lamezia Terme, in provincia di Catanzaro, dove sono stati celebrati i funerali di Adele Bruno

Uno scorcio della Cattedrale dei Santi Pietro e Paolo a Lamezia Terme, in provincia di Catanzaro, dove sono stati celebrati i funerali di Adele Bruno

La vittima era scomparsa il giorno precedente, dopo essere uscita insieme a Daniele Gatto, 28 anni, con il quale in passato aveva avuto una relazione. Il ragazzo in serata comunicò ai genitori di Adelina che la loro figlia era sparita e lui non riusciva più a mettersi in contatto con lei. Successivamente si presentò in commissariato per effettuare la denuncia di scomparsa, mentendo ai poliziotti e partecipando anche alle ricerche della dispersa.

Però nel corso della notte, colto dai rimorsi e dai sensi di colpa, Gatto rivelò a un suo parente sacerdote di aver ucciso la giovane. Il prete lo convinse a costituirsi in commissariato, dove si recò la mattina seguente confessando il delitto di fronte agli inquirenti. Fu lui stesso a condurre gli agenti sulla scena del crimine, facendo ritrovare il cadavere della vittima.

Secondo le ricostruzioni delle indagini, Adelina rifiutò l'ennesima richiesta avanzata dal ventottenne di riallacciare la loro relazione ormai chiusa. Per questo motivo scoppiò una lite che degenerò in una violenta aggressione. La ragazza tentò invano di scappare, ma lui prima la strangolò, poi la sfregiò ripetutamente al volto con delle canne appuntite e infine ne abbandonò il corpo esanime nei pressi di un casolare nelle campagne lametine.‍‍[2]‍‍[3]

Precedentemente alla relazione con la giovane, Gatto si era lasciato alle spalle un altro rapporto dal quale era nato un figlio. Sottoposto a una perizia psichiatrica, il reo confesso valutato capace di intendere e di volere nel momento del delitto.‍‍[4]‍‍[5] Rinviato a giudizio in rito abbreviato, l'imputato fu condannato‍‍[6] in via definitiva a 30 anni di reclusione per omicidio volontario aggravato.‍‍[7]‍‍[8]

Note

  1. Giovane donna trovata cadavere nelle campagne del lametino. CN24. Archiviato dall'originale.
  2. Lamezia: Omicidio Adele Bruno, 30 anni a Daniele Gatto. il Lametino.it. Archiviato dall'originale.
  3. Uccise e sfregiò la fidanzata a Lamezia, condannato a 30 anni. CN24. Archiviato dall'originale.
  4. Lamezia: Omicidio Adele Bruno, Gatto era capace di intendere e volere secondo il perito. il Lametino.it. Archiviato dall'originale.
  5. Omicidio Bruno: ecco perché Daniele Gatto è stato condannato a 30 anni. Lamezia in strada. Archiviato dall'originale.
  6. Lamezia: Omicidio Adele Bruno, confermata in appello condanna a 30 anni per Gatto. il Lametino.it. Archiviato dall'originale.
  7. In ricordo di Adele Bruno. LaC News24. Archiviato dall'originale.
  8. Lamezia, sette anni fa veniva ritrovato il corpo senza vita di Adele Bruno. CN24. Archiviato dall'originale.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.