Menu Ricerca voce
Menu
Domani sarà la Giornata Internazionale per l'eliminazione della violenza contro le Donne.

È una ricorrenza importante che, nell'obiettivo di eliminare qualsiasi forma di violenza nella piena affermazione dei diritti di tutti gli esseri umani, pone una marcata attenzione sul fenomeno della violenza contro le donne.

È stata ufficialmente istituita dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 17 dicembre 1999 con la risoluzione 54/134 che richiamava i principi espressi nella risoluzione 48/104 del 23 dicembre 1993 sull'eliminazione della violenza contro le donne.

Il suddetto documento riconosce che la violenza contro le donne rappresenta, storicamente, la manifestazione della disuguaglianza tra i generi che ha portato nel tempo gli uomini alla dominazione e alla discriminazione nei confronti delle donne. Fenomeni che hanno ostacolato l'avanzamento delle donne nella società, spesso ponendole in posizioni di subordinazione.

Per questi motivi l'Assemblea ha ritenuto urgente il bisogno di instituire una giornata per ricordare che la violenza perpetrata sulle donne costituisce un ostacolo all'uguaglianza, la sicurezza, la libertà, l'integrità e la dignità di tutti gli esseri umani.

È stato scelto quel giorno per commemorare le "Sorelle Mirabal", tre donne uccise il 25 novembre del 1960 nella Repubblica Dominicana per essersi opposte alla dittatura di Rafael Trujillo, presidente che aveva governato il paese centroamericano dal 1930 al 1961.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Il femminicidio di Maria Corazza a Torvaianica di Pomezia

Vittima:
Maria Corazza
Killer:
Domenico Raco
Località:
Torvaianica di Pomezia
Data:
14 giugno 2019
Foto di Torvaianica
Foto di Torvaianica (di Ra Boe, licenza CC BY-SA 3.0)
Foto di Torvaianica
Foto di Torvaianica (di Ra Boe, licenza CC BY-SA 3.0)

Maria Corazza e Domenico Raco sono stati ritrovati morti carbonizzati all'interno di un auto incendiata la mattina del 14 giugno 2019 a Torvaianica, frazione del comune di Pomezia in provincia di Roma.

Il rogo del veicolo è scoppiato intorno alle 8 e 30 in un terreno isolato di via San Pancrazio. Negli stessi istanti i residenti della zona hanno sentito un boato avvisando i vigili del fuoco che successivamente sono accorsi sul posto. Dopo aver domato le fiamme i militari hanno rinvenuto l'uomo, 39 anni, seduto al posto di guida mentre la donna, 48 anni, era accovacciata sul sedile posteriore. Lei, sposata, era impiegata come addetta alle pulizie. Lui, calabrese, era un amico di famiglia, trasferitosi a Pomezia da diversi anni per lavorare come elettricista. Maria era uscita quella mattina poche ore prima insieme al marito per accompagnare la figlia di 13 anni a scuola. L'utilitaria distrutta dall'incendio era di proprietà della madre. L'ispezione della scentifica sul luogo del rogo ha recuperato un coltello all'interno dell'abitacolo.‍[1][2]

La procura di Velletri che ha condotto le indagini ha inizialmente ipotizzato che il dramma fosse il risultato di un omicidio-suicidio. Secondo le ricostruzioni, le vittime del rogo avrebbero avuto una relazione clandestina e probabilmente l'uomo non avrebbe accettato un eventuale rifiuto da parte della quarantottenne. Il coinvolgimento del marito è stato escluso poiché lo stesso ha accertato, con la conferma di persone terze, che quella mattina si trovava altrove lontano dal luogo della tragedia. Dall'autopsia svolta sul cadavere di Raco è emerso che l'uomo è morto per aver esalato il monossido di carbonio sprigionato durante la combustione. Su di lui non erano presenti segni di violenza. Sulla donna invece in una prima ispezione medica è stata individuata una ferita d'arma da taglio compatibile col coltello ritrovato all'interno del veicolo.‍[3]

La successiva autopsia sul suo corpo ha permesso di accertare che Maria Corazza è morta per una coltellata al cuore che l'ha uccisa sul colpo. Nei polmoni non erano presenti tracce di monossido di carbonio. Questi elementi confermano la tesi che il trentanovenne abbia aggredito la donna togliendole la vita per poi suicidarsi chiudendosi con lei nell'auto mentre divampava l'incendio.‍[4]

Note

  1. Roma, il rogo della coppia a Torvaianica: "Uccisi e bruciati per vendetta". Il Messaggero. Archiviato dall'originale. Consultato il 24 giugno 2019.
  2. Omicidio di Torvaianica, l'ipotesi dopo l'autopsia: "Maria Corazza accoltellata, poi Domenico Raco si è dato fuoco". Il Fatto Quotidiano. Archiviato dall'originale. Consultato il 24 giugno 2019.
  3. Giallo Torvaianica: "Maria Corazza uccisa a coltellate, poi Raco si è gettato nel rogo". Roma Today. Archiviato dall'originale. Consultato il 24 giugno 2019.
  4. Giallo Torvaianica, Maria uccisa da coltellata al cuore. Adnkronos. Archiviato dall'originale. Consultato il 24 giugno 2019.
FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.