Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Il femminicidio di Maria Corazza a Torvaianica di Pomezia

Vittima:
Maria Corazza
Killer:
Domenico Raco
Località:
Torvaianica di Pomezia
Data:
14 giugno 2019
Uno scorcio di Torvaianica di Pomezia

Uno scorcio di Torvaianica di Pomezia (di Ra Boe, licenza CC BY-SA 3.0)

Voce su Maria Corazza

Maria Corazza e Domenico Raco furono trovatii morti carbonizzati all'interno di un auto incendiata la mattina del 14 giugno 2019 a Torvaianica, frazione del comune di Pomezia in provincia di Roma.

Uno scorcio di Torvaianica di Pomezia

Uno scorcio di Torvaianica di Pomezia (di Ra Boe, licenza CC BY-SA 3.0)

Il rogo del veicolo scoppiò intorno alle 8,30 in un terreno isolato di via San Pancrazio. Negli stessi istanti i residenti della zona sentirono un forte boato e avvisarono i Vigili del Fuoco che, successivamente, accorsero sul posto. Dopo aver domato le fiamme, i pompieri insieme ai militari avevano rinvenuto l'uomo, 39 anni, seduto al posto di guida mentre la donna, 48 anni, era accovacciata sul sedile posteriore.

Lei, sposata, era impiegata come addetta alle pulizie. Lui, di origini calabresi, era un amico di famiglia, trasferitosi a Pomezia da diversi anni per lavorare come elettricista. Maria era uscita quella mattina, poche ore prima, insieme al marito per accompagnare la figlia di 13 anni a scuola. L'utilitaria distrutta dall'incendio era di proprietà della madre. L'ispezione della scientifica sul luogo del rogo consentì di recuperare un coltello all'interno dell'abitacolo.‍‍[1]‍‍[2]

La Procura di Velletri che condusse le indagini aveva inizialmente ipotizzato che il dramma fosse l'esito di un omicidio-suicidio. Secondo le ricostruzioni, le vittime del rogo avrebbero avuto una relazione clandestina e, probabilmente, l'uomo non avrebbe accettato un eventuale rifiuto da parte della quarantottenne. Il coinvolgimento del marito fu escluso poiché lo stesso, con la conferma di persone terze, accertò che quella mattina si trovava altrove, lontano dal luogo dell'incendio.

Dall'autopsia svolta sul cadavere di Raco fu stabilito il decesso dell'uomo per l'esalazione del monossido di carbonio sprigionato durante la combustione. Su di lui non erano presenti segni di violenza. Sulla donna, invece, l'ispezione medica individuò una ferita d'arma da taglio compatibile con il coltello ritrovato all'interno del veicolo.‍‍[3]

Una successiva autopsia, più dettagliata, confermò che la signora Corazza era morta per una coltellata al cuore. Il fendente l'aveva stroncata sul colpo, infatti nei polmoni non furono rilevate tracce di monossido di carbonio. Questi elementi confermarono la tesi che il trentanovenne avesse aggredito la donna, togliendole la vita, per poi suicidarsi chiudendosi con lei nell'auto mentre divampava l'incendio.‍‍[4]

Note

  1. Roma, il rogo della coppia a Torvaianica: "Uccisi e bruciati per vendetta". Il Messaggero. Archiviato dall'originale. Consultato il 24 giugno 2019.
  2. Omicidio di Torvaianica, l'ipotesi dopo l'autopsia: "Maria Corazza accoltellata, poi Domenico Raco si è dato fuoco". Il Fatto Quotidiano. Archiviato dall'originale. Consultato il 24 giugno 2019.
  3. Giallo Torvaianica: "Maria Corazza uccisa a coltellate, poi Raco si è gettato nel rogo". RomaToday. Archiviato dall'originale. Consultato il 24 giugno 2019.
  4. Giallo Torvaianica, Maria uccisa da coltellata al cuore. Adnkronos. Archiviato dall'originale. Consultato il 24 giugno 2019.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.