Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Il femminicidio di Carmen Vernica a Cave

Vittima:
Carmen Vernica
Presunto killer:
Antonio Brigida
Località:
Cave
Data:
7 maggio 2019
Uno scorcio panoramico del borgo di Cave in provincia di Roma

Uno scorcio panoramico del borgo di Cave (di RGiannotti1, licenza CC BY-SA 3.0)

Voce su Carmen Vernica

Uno scorcio panoramico del borgo di Cave in provincia di Roma

Uno scorcio panoramico del borgo di Cave (di RGiannotti1, licenza CC BY-SA 3.0)

Carmen Vernica, 45 anni, era stata uccisa dal marito Antonio Brigida, 59 anni, la mattina del 7 maggio 2019 a Cave, comune in provincia di Roma.

Il delitto si consumò nella casa della coppia dove l'uomo aveva sparato alla moglie utilizzando la propria pistola, regolarmente detenuta. Furono i vicini ad allertare i Carabinieri e i soccorsi medici. Per la quarantacinquenne di origini romene non si poté fare altro che constatare il decesso.

I militari giunti sul posto rinvennero l'omicida in casa con la pistola ancora tra le mani. Brigida si consegnò spontaneamente ai militari senza opporre resistenza. Nei confronti dell'uomo, impiegato come barelliere del 118, fu formulata l'accusa di omicidio volontario.‍‍[1]‍‍[2]

Secondo le ricostruzioni, la coppia viveva da separati in casa. La donna, madre di una figlia di 30 anni, aveva ormai preso la decisione di lasciare l'abitazione ed era in procinto di preparare le valigie per andare via.‍[3] L'uomo esplose contro di lei circa sette proiettili. Il cinquantanovenne avrebbe infierito sulla vittima sparando alcuni colpi quando lei era già senza vita.

Brigida fu rinviato a giudizio. A suo carico furono contestate le aggravanti della premeditazione e della crudeltà. Nel febbraio del 2022 la Corte d'Assise di Roma lo aveva condannato all'ergastolo. Il verdetto escluse l'aggravante della crudeltà.‍[4][5]

Le motivazioni della sentenza evidenziarono il movente del omicidio dettato soltanto dalla deliberata volontà di punire la vittima per non lasciarle autonomia, libertà e dignità. L'uomo si assunse il diritto di porre fine alla vita della sua compagna nel momento in cui lei aveva deciso di lasciarlo definitivamente. Furono sei i proiettili sparati in sequenza all'indirizzo della donna. Il primo quando lei era in piedi e fronteggiava l'imputato, poi gli altri quando la quarantacinquenne era già caduta a terra.‍[6]

Note

  1. Femminicidio a Cave: Carmen Vermica uccisa dal marito a colpi di pistola. RomaToday. Archiviato dall'originale. Consultato il 9 maggio 2019.
  2. Femminicidio a Cave. Il 69enne Antonio Brigida, durante una lite spara ed uccide la moglie Carmen, romena di 45 anni. Cronache Cittadine. Archiviato dall'originale. Consultato il 15 maggio 2019.
  3. Cave, l'omicidio di Carmen non va dimenticato. Il Quotidiano del Lazio. Archiviato dall'originale. Consultato il 28 febbraio 2022.
  4. Sparò alla moglie, condanna all'ergastolo. Canale Dieci. Archiviato dall'originale. Consultato il 28 febbraio 2022.
  5. Româncă ucisă de soțul italian, bărbatul a fost condamnat la închisoare pe viață. Rotalianul. Archiviato dall'originale. Consultato il 28 febbraio 2022.
  6. Uccise la moglie con sei colpi di pistola, le motivazioni: "un femminicidio da manuale". Canale Dieci. Consultato il 19 maggio 2022.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.