Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

L'omicidio di Luisa Ciarelli a Torino di Sangro

Vittima:
Luisa Ciarelli
Presunto killer:
Domenico Giannichi
Località:
Torino di Sangro
Data:
29 novembre 2019
La parte alta della facciata della Chiesa di San Salvatore a Torino di Sangro dove sono stati celebrati i funerali di Luisa Ciarelli

La parte alta della facciata della Chiesa di San Salvatore a Torino di Sangro dove sono stati celebrati i funerali di Luisa Ciarelli

Voce su Luisa Ciarelli

La parte alta della facciata della Chiesa di San Salvatore a Torino di Sangro dove sono stati celebrati i funerali di Luisa Ciarelli

La parte alta della facciata della Chiesa di San Salvatore a Torino di Sangro dove sono stati celebrati i funerali di Luisa Ciarelli

Luisa Ciarelli, 65 anni, è stata uccisa dal marito Domenico Giannichi, 68 anni, la mattina del 29 novembre 2019 a Torino di Sangro in provincia di Chieti.

Il delitto si consumò nelle campagne di contrada Montesecco, a poche centinaia di metri dall'abitazione della coppia, dove nel corso di un'uscita i due avevano avuto un violento litigio. Al culmine dell'alterco, l'anziano aggredì la vittima con calci, pugni e bastonate alla testa, stroncandole la vita.‍‍[1]‍‍[2]

In seguito abbandonò il cadavere in una scarpata e tornò a casa per telefonare ai parenti e confessare l'efferato gesto. Giannichi fu fermato dai Carabinieri giunti sul posto e successivamente trasportato in stato confusionale al pronto soccorso per curare le ferite rimediate durante l'aggressione alla moglie.‍‍[3]

Il 2 dicembre, nell'udienza di convalida del fermo di fronte al giudice per le indagini preliminari, il sessantottenne si assunse le proprie responsabilità confermando che fra lui e la coniuge si era accesa un'aspra discussione, degenerata nell'omicidio.‍[4] L'avvocato dell'uomo aggiunse che il proprio assistito, nel periodo precedente al delitto, soffriva di disturbi di natura psichica, probabilmente sorti in seguito alla scoperta di un problema di salute.‍‍[5]

Nei mesi successivi l'esame autoptico effettuato sulla salma della vittima stabilì il decesso per una "sublussazione rotatoria atlanto-epistrofea". Ovvero, al termine dell'aggressione, il sessantottenne aveva torto il collo alla moglie, causandole una lesione midollare con conseguente arresto cardiocircolatorio. Nell'autunno del 2020 la Procura di Vasto chiuse le indagini e contestò a Giannichi l'omicidio volontario aggravato dai futili motivi, dalla crudeltà e dal rapporto coniugale.‍‍[6] Nel gennaio del 2021 l'anziano fu rinviato a giudizio.‍‍[7]

Nel corso del processo la difesa aveva puntato alla derubricazione del reato a omicidio preterintenzionale. La Corte dispose una perizia psichiatrica che evidenziò nell'imputato una depressione con manifestazioni psicotiche congrue e incongrue all'umore, in associazione al disturbo di adattamento e marcati elementi ipocondriaci, ossessivi e compulsivi di entità e natura tale da scemare grandemente la capacità di intendere e di volere. In base a codesti risultati la Corte d'Assise di Lanciano riconobbe all'anziano il vizio parziale di mente.

Nel gennaio del 2022 il Tribunale stabilì il trasferimento di Giannichi dal carcere in una struttura sanitaria protetta di Rosello (Chieti), contestualmente preso in carico dal centro di salute mentale di Lanciano.‍[8]

Il 18 marzo 2022 la Corte d'Assise di Lanciano aveva condannato l'imputato a 22 anni di reclusione. La sentenza aveva riconosciuto la volontarietà dell'omicidio, pur considerando il vizio parziale di mente e concedendo le attenuanti equivalenti alle aggravanti contestate.‍[9][10]

Note

  1. Donna di 65 anni uccisa dal marito a Torino di Sangro. zonalocale. Archiviato dall'originale. Consultato il 29 novembre 2019.
  2. Omicidio Torino di Sangro. La lite tra coniugi per chi doveva guidare. Sequestrati abiti insanguinati. Abruzzo Live TV. Archiviato dall'originale. Consultato il 2 dicembre 2019.
  3. Luisa, colpita ripetutamente e uccisa mentre scappava dal marito. ChietiToday. Archiviato dall'originale. Consultato il 29 novembre 2019.
  4. Vasto: Omicidio Ciarelli: "Domenico non ricorda perfettamente cosa sia accaduto". Vastoweb.com. Archiviato dall'originale. Consultato il 2 dicembre 2019.
  5. Omicidio di Torino di Sangro, Giannichi "ha riferito ciò che riesce a ricordare di quella mattina". zonalocale. Archiviato dall'originale. Consultato il 2 dicembre 2019.
  6. Omicidio Torino di Sangro. Indagini chiuse: Luisa Ciarelli morì per una torsione del collo. Abruzzo Live TV. Archiviato dall'originale. Consultato il 6 dicembre 2020.
  7. Omicidio di Torino di Sangro, processo per Giannichi in Corte d'Assise. zonalocale. Archiviato dall'originale. Consultato il 24 gennaio 2021.
  8. Omicidio Torino di Sangro. Dopo oltre due anni di carcere Giannichi trasferito in struttura psichiatrica. Abruzzo Live TV. Archiviato dall'originale. Consultato il 22 gennaio 2022.
  9. Torino di Sangro, uccise la moglie: condannato a 22 anni. Rete8. Archiviato dall'originale. Consultato il 18 marzo 2022.
  10. Uccise la moglie a Torino di Sangro: Giannicchi condannato a 22 anni. VideoCittà. Archiviato dall'originale. Consultato il 19 marzo 2022.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.