Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

L'omicidio di Francesca Galatro a Vallo Della Lucania

Vittima:
Francesca Galatro
Località:
Vallo Della Lucania
Data:
17 agosto 2020
Uno scorcio di Vallo Della Lucania in provincia di Salerno

Uno scorcio di Vallo Della Lucania in provincia di Salerno (di Ziegler175, licenza CC BY-SA 3.0)

Voce su Francesca Galatro

Uno scorcio di Vallo Della Lucania in provincia di Salerno

Uno scorcio di Vallo Della Lucania in provincia di Salerno (di Ziegler175, licenza CC BY-SA 3.0)

Francesca Galatro, 66 anni, era stata trovata morta la mattina del 17 agosto 2020 all'interno del centro di accoglienza per persone senza fissa dimora di Vallo Della Lucania, comune in provincia di Salerno.‍‍[1]

A far scattare l'allarme fu un assistente sociale del centro che, entrando nella camera dove risiedeva la donna, scoprì il corpo senza vita della vittima riversa sul letto con un coltello conficcato nel petto.

La sessantaseienne era una transgender che diversi anni prima aveva cambiato il proprio nome all'anagrafe. Originaria di Buonabitacolo (Salerno), si era laureata in ingegneria e per un certo periodo aveva anche insegnato. Stabilitasi a Vallo Della Lucania, negli ultimi tempi aveva avuto problemi con l'alcol ed era caduta in depressione. Era stata seguita dai sanitari del Sert fino alla permanenza nel centro di accoglienza. Il Tribunale di Vallo le aveva nominato un amministratore di sostegno.

I rilievi della scientifica sulla scena del crimine esclusero l'ipotesi del suicidio. Nelle ore successive all'accaduto, le indagini dei Carabinieri portarono al provvedimento di fermo nei confronti di un uomo, considerato il compagno della vittima.‍‍[2]‍‍[3] Si trattava di Giuseppe Verdoliva, 63 anni, originario di Rutino, comune del Cilento in provincia di Salerno. Aveva precedenti penali a proprio carico ed era ospite dello stesso centro in cui risiedeva la sessantaseienne.

Interrogato dai militari, avrebbe fornito delle parziali ammissioni di responsabilità. Nello specifico, l'uomo avrebbe riferito di aver colpito la signora Francesca con un coltello, ma senza farle particolarmente del male. Quando lui l'aveva lasciata da sola in camera, lei non avrebbe avuto particolari problemi. Il sospettato presuppose che fosse stato qualcun altro ad affondare la lama nel petto della vittima, causandone la morte.

Una versione che tuttavia lasciò perplessi gli inquirenti, che ordinarono per il sessantatreenne il trasferimento in carcere dopo aver formalizzato l'accusa di omicidio. Secondo le ricostruzioni della Procura di Vallo, il cilentano sarebbe stato l'unico responsabile del delitto, che avrebbe compiuto per motivi di gelosia. I due avrebbero avuto una relazione da diverso tempo, programmando anche di sposarsi in futuro.

Il 19 agosto, nell'interrogatorio di garanzia di fronte al giudice per le indagini preliminari, l'uomo respinse ogni addebito. Nei suoi confronti fu convalidato il fermo. In seguito per accertare le condizioni di salute dell'indiziato, il legale difensore aveva richiesto l'esecuzione di una perizia psichiatrica. L'istanza però non fu accolta dagli inquirenti.‍‍[4]‍‍[5]

Sull'arma del delitto, un coltello da cucina, non furono trovate le impronte digitali del presunto omicida. L'esame autoptico inoltre non avrebbe del tutto escluso la possibilità che la vittima si fosse tolta la vita da sola. Tuttavia nel 2021 la Procura chiuse le indagini e richiese per il sessantatreenne il giudizio immediato.‍‍[6]‍‍[7]

Verdoliva venne ammesso a processo e nel corso del dibattimento la Corte d'Assise di Salerno aveva disposto una perizia psichiatrica per valutare lo stato di salute dell'imputato. L'esito dell'esame stabilì l'incapacità di intendere e di volere dell'uomo. Il procedimento fu dunque sospeso e Verdoliva venne scarcerato per essere trasferito in una struttura adibita alla propria cura.‍[8][9]

Note

  1. Giallo a Vallo della Lucania: "Francesca aveva ancora il coltello nel petto". Giornale del Cilento. Archiviato dall'originale. Consultato il 19 agosto 2020.
  2. Vallo, morte Francesca Galatro: uccisa per gelosia? Info Cilento. Archiviato dall'originale. Consultato il 19 agosto 2020.
  3. Omicidio di Francesca Galatro. La gelosia alla base della morte della donna originaria di Buonabitacolo. Ondanews.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 19 agosto 2020.
  4. Vallo, omicidio Francesca Galatro: convalidato arresto del compagno. Info Cilento. Archiviato dall'originale. Consultato il 20 agosto 2020.
  5. Vallo, omicidio Francesca Galatro: eseguita l'autopsia. Info Cilento. Archiviato dall'originale. Consultato il 22 agosto 2020.
  6. Vallo della Lucania, omicidio Galatro: Verdoliva alla sbarra. Giornale del Cilento. Archiviato dall'originale. Consultato il 6 marzo 2021.
  7. Omicidio Francesca Galatro, originaria di Buonabitacolo, l'11 marzo marzo via al processo. Italia2Tv. Archiviato dall'originale. Consultato il 6 marzo 2021.
  8. Accusato di omicidio in Cilento, no al processo: "È incapace". Il Mattino.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 15 novembre 2021.
  9. "Incapace di intendere e di volere". Stop al processo a Verdoliva per la morte di Francesca Galatro, originaria di Buonabitacolo. Ondanews.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 15 novembre 2021.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.