Il femminicidio di Alessandra Cità ad Albignano d'Adda di Truccazzano

Vittima:
Alessandra Cità
Killer:
Antonio Vena
Località:
Albignano d'Adda di Truccazzano
Data:
19 aprile 2020
Foto della Chiesa di San Majolo Abate ad Albignano d'Adda di Truccazzano in provincia di Milano
Foto della Chiesa di San Majolo Abate ad Albignano d'Adda di Truccazzano in provincia di Milano (di Geobia, licenza CC BY-SA 3.0)

Alessandra Cità, 47 anni, è stata uccisa dall'ex compagno Antonio Vena, coetaneo, nel corso della notte tra il 18 e il 19 aprile 2020 ad Albignano d'Adda, frazione di Truccazzano in provincia di Milano.‍‍[1]‍‍[2]

Foto della Chiesa di San Majolo Abate ad Albignano d'Adda di Truccazzano in provincia di Milano
Foto della Chiesa di San Majolo Abate ad Albignano d'Adda di Truccazzano in provincia di Milano (di Geobia, licenza CC BY-SA 3.0)

Dopo aver compiuto il delitto, l'uomo era andato a costituirsi alla caserma dei Carabinieri di Cassano d'Adda, confessando le proprie responsabilità. Di fronte ai militari riferì di aver tolto la vita alla donna perché lei voleva lasciarlo.

La vittima fu freddata nel sonno mentre dormiva sul letto della sua abitazione. L'arma utilizzata dal quarantasettenne era un fucile a pompa, regolarmente intestato alla donna. La signora Cità lavorava come dipendente Atm, era una conducente di tram. La relazione con Vena era durata circa 9 anni. La rottura sarebbe avvenuta nelle precedenti settimane, al termine di un periodo di crisi intercorso fra i due.

Nonostante ciò, avevano continuato a frequentarsi da conoscenti. Entrambi originari di Ganci (Palermo), si trasferirono anni prima in Lombardia: lui aveva trovato lavoro a Bressanone (Bolzano). Secondo quanto testimoniato dai vicini, solitamente l'uomo tornava nell'abitazione dell'ex compagna ad Albignano nei fine settimana. Tuttavia, a causa delle restrizioni per la pandemia di Coronavirus, l'azienda in cui il quarantasettenne era impiegato aveva chiuso, così la donna lo ospitò nel proprio appartamento. Purtroppo la convivenza forzata, mista alla non accettazione della fine del loro rapporto, degenerò nel delitto.‍‍[3]

Vena era precedentemente sposato con un'altra donna, con la quale conviveva a Chiusa (Bolzano) e aveva avuto un figlio. L'ex moglie lo aveva denunciato due volte per maltrattamenti. In particolare, in un episodio avvenuto nel 2012, l'aveva seguita in auto per poi tamponarla e farla uscire fuori strada. In seguito si erano separati e lui si era legato ad Alessandra Cità.‍‍[4]‍‍[5]

Nei confronti dell'uomo fu disposto il fermo con l'accusa di omicidio volontario.‍‍[3] Il 21 aprile, nell'interrogatorio di garanzia, il quarantasettenne si disse pentito per il gesto commesso. Il giudice per le indagini preliminari convalidò il fermo disponendo la custodia cautelare in carcere.‍‍[6]

Nel gennaio del 2021 la Procura di Milano aveva chiuso le indagini, confermando l'accusa di omicidio volontario aggravato.‍‍[7] Nel successivo mese di marzo, l'uomo era stato rinviato a giudizio in rito ordinario.‍ Il giudice per l'udienza preliminare aveva respinto l'istanza della difesa di concedere il rito abbreviato.‍[8]‍‍[9]

In un udienza del mese di giugno, l'imputato aveva testimoniato in aula sostenendo nuovamente di essersi pentito di aver ucciso l'ex compagna. Secondo il suo racconto, dopo cena la donna gli avrebbe ammesso l'esistenza di una nuova presunta relazione, chiarendo dunque che con lui era finita. Poi nel corso della notte l'uomo imbracciò il fucile e sparò mentre lei stava dormendo. Resosi conto di quanto aveva fatto, andò a costituirsi dai Carabinieri.‍[10]

Il 6 luglio 2021 la Corte d'Assise di Milano, accogliendo la richiesta della pubblica accusa, lo aveva condannato all'ergastolo.‍[11] Nelle motivazioni della sentenza i giudici ritennero che il delitto fu premeditato, non dando credito alla versione dell'imputato, né concedendo le attenuanti generiche.‍[12]

Note

  1. Omicidio di Truccazzano, assassino a San Vittore. Chi è la vittima. Prima la Martesana. Archiviato dall'originale. Consultato il 19 aprile 2020.
  2. Dramma a Truccazzano: spara in testa alla compagna e la uccide, poi si costituisce. ilgiorno.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 19 aprile 2020.
  3. a b Alessandra, la tranviera Atm ammazzata nel sonno dal compagno con un colpo di fucile. MilanoToday. Archiviato dall'originale. Consultato il 19 aprile 2020.
  4. Uccide compagna durante la notte con un colpo di fucile: il Covid li costringeva a convivere. Il Messaggero. Archiviato dall'originale. Consultato il 20 aprile 2020.
  5. Uccide la compagna nel milanese. Era già stato denunciato dalla ex moglie. Rai News. Archiviato dall'originale. Consultato il 20 aprile 2020.
  6. Femminicidio nel Milanese, Antonio Vena si dice pentito e distrutto. Alto Adige. Archiviato dall'originale. Consultato il 22 aprile 2020.
  7. Femminicidio nel milanese, verso richiesta processo per Vena. ANSA. Archiviato dall'originale. Consultato il 15 gennaio 2021.
  8. Femmicidio a Truccazzano, processo in Corte d'Assise. ilgiorno.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 3 marzo 2021.
  9. Femminicidio durante lockdown, uomo a processo in Assise. ANSA. Archiviato dall'originale. Consultato il 3 marzo 2021.
  10. "Ho preso il fucile e ho sparato verso di lei". Parla in aula Antonio Vena l'assassino di Alessandra Cità. Prima la Martesana. Archiviato dall'originale. Consultato il 23 giugno 2021.
  11. Albignano, ergastolo all'assassino di Alessandra Cità. Prima la Martesana. Archiviato dall'originale. Consultato il 7 luglio 2021.
  12. "Mi prenderò le mie soddisfazioni". E dopo l'sms, le sparò nel sonno. ilgiorno.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 24 luglio 2021.
FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.