Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Il femminicidio di Fatima Zeeshan a Versciaco di San Candido

Vittima:
Fatima Zeeshan
Presunto killer:
Mustafa Zeeshan
Località:
Versciaco di San Candido
Data:
30 gennaio 2020
Uno scorcio della Chiesa Collegiata di San Candido in provincia di Bolzano

Uno scorcio della Chiesa Collegiata di San Candido in provincia di Bolzano (di Rufus46, licenza CC BY-SA 3.0)

Voce su Fatima Zeeshan

Fatima Zeeshan, 28 anni, originaria del Pakistan, è stata ritrovata morta nell'alloggio in cui risiedeva a Versciaco, frazione di San Candido in Val Pusteria, nella provincia di Bolzano.

Uno scorcio della Chiesa Collegiata di San Candido in provincia di Bolzano

Uno scorcio della Chiesa Collegiata di San Candido in provincia di Bolzano (di Rufus46, licenza CC BY-SA 3.0)

La donna era incinta, quasi al nono mese di gravidanza, e insieme a lei aveva perso la vita anche il bambino che portava in grembo. Al rinvenimento furono notate svariate ecchimosi sul corpo, segni di una precedente violenta aggressione a colpi di calci e pugni.‍‍[1] La vittima divideva l'abitazione col proprio compagno, Mustafa Zeeshan, connazionale di 38 anni.

Costui nelle ore successive fu condotto in caserma. Nell'interrogatorio di fronte agli inquirenti non aveva fornito alcuna motivazione sul decesso della moglie. Nei suoi confronti fu emesso un provvedimento di fermo con l'accusa di omicidio volontario aggravato.‍‍[2]‍‍[3] L'esame autoptico aveva stabilito il decesso della vittima per asfissia meccanica acuta da soffocamento.‍‍[4]

In seguito era emerso che Fatima aveva intenzione di separarsi dal compagno ed era pronta ad allontanarsi dall'abitazione. I militari in casa il giorno del delitto avevano trovato una borsa da viaggio, piena degli indumenti della donna.

L'indiziato fu rinviato a giudizio. Nel corso del dibattimento il fratello della vittima aveva testimoniato che Mustafa trattava la ventottenne come se fosse una prigioniera, chiusa a chiave in casa per lunghe ore affinché le impedisse di uscire.‍[5][6]

Note

  1. Morta a Versciaco, domani l'autopsia. ANSA.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 31 gennaio 2020.
  2. Donna incinta trovata morta in casa, sul corpo segni di violenza. Fermato il marito per omicidio pluriaggravato. il Dolomiti. Archiviato dall'originale. Consultato il 31 gennaio 2020.
  3. Donna morta a San Candido, arrestato il marito. Alto Adige. Archiviato dall'originale. Consultato il 31 gennaio 2020.
  4. Versciaco: la 28enne è stata soffocata. ANSA.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 2 febbraio 2020.
  5. Omicidio Versciaco: Fatima Zeeshan voleva fuggire. Aveva preparato la valigia. La voce di Bolzano. Archiviato dall'originale. Consultato il 19 gennaio 2022.
  6. Uxoricidio di Versciaco, la vittima aveva preparato la valigia. Alto Adige. Archiviato dall'originale. Consultato il 19 gennaio 2022.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.