Menu Ricerca voce
Menu
Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Il femminicidio di Teodora Casasanta a Carmagnola

Vittima:
Teodora Casasanta
Presunto killer:
Alexandro Vito Riccio
Località:
Carmagnola
Data:
29 gennaio 2021
Uno scorcio della Piazza di Sant'Agostino, uno dei luoghi più rinomati di Carmagnola, con la Chiesa omonima e il Monumento ai Caduti
Uno scorcio della Piazza di Sant'Agostino, uno dei luoghi più rinomati di Carmagnola, con la Chiesa omonima e il Monumento ai Caduti (di Angelo Miele, licenza CC BY-SA 4.0)

Teodora Casasanta, 39 anni, e il figlio Ludovico, 5 anni, sono stati uccisi nella notte tra il 28 e il 29 gennaio 2021 dal marito e padre Alexandro Vito Riccio, 39 anni.‍[1][2]

Il drammatico episodio è avvenuto nell'abitazione familiare a Carmagnola in provincia di Torino. Secondo le ricostruzioni, il padre di famiglia, impiegato come rappresentante commerciale, ha aggredito mortalmente la moglie e il figlio con numerose coltellate.

Uno scorcio della Piazza di Sant'Agostino, uno dei luoghi più rinomati di Carmagnola, con la Chiesa omonima e il Monumento ai Caduti
Uno scorcio della Piazza di Sant'Agostino, uno dei luoghi più rinomati di Carmagnola, con la Chiesa omonima e il Monumento ai Caduti (di Angelo Miele, licenza CC BY-SA 4.0)

Il gesto sarebbe stato premeditato, poiché sul posto è stato ritrovato un biglietto su cui il trentanovenne avrebbe espresso l'intenzione di togliere la vita alla coniuge e al bambino. La coppia era sposata dal 2014. Prima di trasferirsi a Carmagnola, risiedevano nella città di origine dell'uomo, Nichelino, comune alle porte del capoluogo Torinese.‍[3]

Dopo il duplice omicidio, Riccio ha tentato di suicidarsi tagliandosi le vene e gettandosi dal balcone del suo appartamento, ma è riuscito a sopravvivere. Ferito e con diverse fratture al corpo, si è trascinato al suolo fino a tornare anche all'interno dall'abitazione. Nel frattempo i vicini, allertati dal trambusto e dalle urla della vittima, hanno chiamato i soccorsi. I Carabinieri giunti sul posto hanno individuato e preso in custodia il trentanovenne. Sottoposto a fermo di indiziato di delitto, è stato trasportato in ospedale. Ricoverato, non in pericolo di vita, i medici hanno stabilito una prognosi di circa sessanta giorni.

La signora Casasanta era originaria di Roccacasale, comune abruzzese della provincia de L'Aquila.‍[4] Impiegata come psicologa e operatrice socio sanitaria, aveva da diverso tempo annunciato la volontà di chiudere la relazione matrimoniale e separarsi dal coniuge. Una decisione non accettata di buon grado da Riccio che aveva confidato, ai suoi stretti conoscenti e sul proprio profilo Facebook, i problemi con la moglie.‍[5]

A causa del ricovero in ospedale, i Carabinieri non hanno potuto procedere all'interrogatorio di Riccio nei giorni immediatamente seguenti al fatto. Nel confronti dell'uomo è stato convalidato il fermo con l'accusa di omicidio volontario aggravato dalla crudeltà. L'esame autoptico ha rilevato circa 15 fendenti sul corpo della moglie e 8 su quello del figlio. L'aggressore avrebbe prima accoltellato le vittime nel letto, poi si sarebbe accanito su di loro pestandoli con diversi oggetti presenti in casa, tra cui il televisore.‍[6][7]

Note

  1. Duplice omicidio a Carmagnola: uccide la moglie e il figlio di cinque anni, si getta dal balcone e si salva. TorinoToday. Archiviato dall'originale. Consultato il 29 gennaio 2021.
  2. Dramma a Carmagnola: padre uccide moglie e figlio di 5 anni, poi tenta invano il suicidio. Torino Oggi. Archiviato dall'originale. Consultato il 29 gennaio 2021.
  3. È di Nichelino Vito Riccio, l'uomo che a Carmagnola ha ucciso moglie e figlioletto di 5 anni. L'Eco del Chisone. Archiviato dall'originale. Consultato il 29 gennaio 2021.
  4. Torino, mamma e figlio uccisi: la donna era di Roccacasale. Il Capoluogo. Archiviato dall'originale. Consultato il 29 gennaio 2021.
  5. La moglie voleva lasciarlo: così lui l'ha uccisa e poi ha fatto lo stesso con il figlio di 5 anni. TorinoSud.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 29 gennaio 2021.
  6. Quindici coltellate alla moglie e otto al figlio, aggravante della crudeltà all'assassino di Carmagnola. la Repubblica. Archiviato dall'originale. Consultato il 2 febbraio 2021.
  7. Teodora, a Carmagnola l'ultima vittima della ferocia di un uomo. Sul suo corpo 15 coltellate. TorinoToday. Archiviato dall'originale. Consultato il 2 febbraio 2021.
FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.