Visualizza menu Visualizza campo di ricerca
Visualizza menu

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia precedente

Il femminicidio di Nicoleta Neata Vasilica a Modena

Vittima:
Nicoleta Neata Vasilica
Killer:
Raffaele Esposito
Località:
Modena
Data:
10 settembre 2018
Scorcio dall'alto di Savignano sul Panaro in provincia di Modena
Scorcio dall'alto di Savignano sul Panaro in provincia di Modena (di Luca Nacchio, licenza CC BY-SA 4.0)
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+

Nicoleta Neata Vasilica è stata uccisa da Raffaele Esposito, 34 anni, e ritrovata carbonizzata il 10 settembre 2018 nella zona di San Donnino della città di Modena.

Il corpo della vittima è stato scoperto nella zona del percorso natura, poco lontano dai laghetti per la pesca sportiva che circondano il fiume Panaro. Le condizioni non permettevano l'immediato riconoscimento. Dagli esami autoptici è emerso che la donna sarebbe stata data alle fiamme in un periodo temporale che va dal 1° settembre al momento del ritrovamento e il cadavere è rimasto sempre all'aperto, non integro, probabilmente straziato da animali selvatici. Dopo la scoperta, la procura di Modena ha aperto un'inchiesta per distruzione di cadavere e omicidio pluriaggravato dalle sevizie e da motivi abietti e futili.‍[1][2]

Nelle settimane successive è avvenuta l'identificazione. Nicoleta Neata Vasilica era una prostituta rumena di 31 anni. Sarebbe stata uccisa per soffocamento o per percosse da bastonate, in un luogo diverso dal punto in cui è stata ritrovata. La sua identità è stata svelata grazie a un chiodo endomidollare, rinvenuto tra i resti, che le era stato impiantato in un'operazione chirurgica dovuta a un incidente stradale nella quale era rimasta coinvolta nel 2013 a Vicenza.

Scorcio dall'alto di Savignano sul Panaro in provincia di Modena
Scorcio dall'alto di Savignano sul Panaro in provincia di Modena (di Luca Nacchio, licenza CC BY-SA 4.0)

Le indagini della procura hanno permesso di individuare anche il responsabile della sua morte. Fra le ceneri del cadavere della vittima erano stati trovati i frammenti di un libro scolastico. Su uno di essi era riportato il nome della figliastra di Raffaele Esposito, un cuoco originario di Napoli e residente a Savignano sul Panaro, nel Modenese. Il trentaquattrenne negli anni precedenti aveva commesso piccoli reati contro il patrimonio. Oltre all'omicidio di Vasilica. l'uomo era stato anche accusato di violenza sessuale e tentato sequestro di persona ai danni di altre due donne. Il precedente 28 agosto aveva aggredito sessualmente una conoscente della sua compagna, imbavagliata e bendata, in un garage di Zocca (Modena), mentre il 2 settembre aveva tentato il sequestro in strada di una diciottenne a Savignano sul Panaro, qualificandosi come carabiniere.

Esposito era già stato arrestato e condotto in carcere dopo il tentativo di sequestro. Per il caso Vasilica si è visto raggiungere da una nuova ordinanza di custodia cautelare, notificata direttamente nella casa circondariale. Interrogato sul caso, il trentaquattrenne ha ammesso di essere l'autore della violenza sessuale, ma si è reso estraneo all'omicidio attribuendo la responsabilità a sconosciuti. Versione che è stata ritenuta inverosimile dagli inquirenti. La vittima di Zocca lo ha riconosciuto e le registrazioni di alcune telecamere di videosorveglianza hanno individuato la sua auto nelle vicinanze di tutti e tre i casi oggetto di indagine. È stato incastrato anche dai tabulati telefonici che hanno rilevato contatti fra lui e la vittima tra il 29 e il 30 agosto.‍[3][4]

L'uomo è stato rinviato a giudizio e il 21 novembre 2019, al termine del processo svolto secondo la formula del rito abbreviato, è stato condannato all'ergastolo per i reati di omicidio volontario aggravato, occultamento di cadavere, violenza sessuale e tentato sequestro di persona.[5]

Note

  1. ^ Cadavere a San Donnino, è un omicidio. ilrestodelcarlino.it. Archiviato dall'originale.
  2. ^ Cadavere carbonizzato a Modena: inchiesta per omicidio pluriaggravato. Repubblica.it. Archiviato dall'originale.
  3. ^ Modena, il delitto della donna carbonizzata: "Killer incastrato da un nome su un manuale scolastico". Repubblica.it. Archiviato dall'originale.
  4. ^ Modena, omicidio di San Donnino: "Ecco come abbiamo trovato l'assassino". Gazzetta di Modena. Archiviato dall'originale.
  5. ^ Omicidio e incendio di cadavere a S. Donnino, tentata violenza a Zocca e tentato sequestro a Savignano: ergastolo. Gazzetta di Modena. Archiviato dall'originale.
FemminicidioItalia.info utilizza cookie analitici e di profilazione. Puoi consultare ulteriori informazioni e negare il consenso al loro utilizzo accedendo all'informativa estesa presente alla pagina cookie policy. Cliccando su OK o continuando la navigazione, acconsenti all'utilizzo di tutti i cookie.