Menu Ricerca voce
Menu

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia precedente

Il femminicidio di Laureta Zyberi a Genova

Vittima:
Laureta Zyberi
Killer:
Eduart Zyberi
Località:
Genova
Data:
31 gennaio 2020
Foto dall'alto del quartiere Sant'Eusebio di Genova innevato
Foto dall'alto del quartiere Sant'Eusebio di Genova innevato
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+

Laureta Zyberi, 43 anni, di origini albanesi, è stata trovata morta nella casa dove lavorava come colf il 31 gennaio 2020 nel quartiere Sant'Eusebio della circoscrizione Molassana della città di Genova.

Foto dall'alto del quartiere Sant'Eusebio di Genova innevato
Foto dall'alto del quartiere Sant'Eusebio di Genova innevato

Ad allertare i soccorsi è stato il datore di lavoro della donna: di rientro nell'abitazione, ha notato il corpo senza vita della vittima con accanto il marito, Eduart Zyberi, 54 anni, gravemente ferito.

Il coniuge della quarantatreenne aveva tentato di suicidarsi ed è stato trasportato d'urgenza in ospedale. Grazie all'intervento del personale sanitario è riuscito a salvarsi ed è stato messo fuori pericolo. Le sue condizioni hanno comunque richiesto l'esecuzione di un delicato intervento chirurgico e il ricovero per diversi giorni

Nei suoi confronti la procura di Genova ha disposto il fermo con l'accusa di omicidio. Il cinquantaquattrenne era passato a prendere la moglie al lavoro come faceva di solito, poi sarebbe avvenuto il delitto al culmine di un violento litigio. L'arma utilizzata durante l'aggressione sarebbe un coltello, lo stesso con il quale l'uomo si è autolesionato.‍[1][2]

Dal letto dell'ospedale dove era ricoverato, il signor Eduart ha confessato il gesto pur non fornendo alcuna motivazione. Il giudice per le indagini preliminari ha convalidato il fermo.‍[3]

Note

  1. ^ Femminicidio a Genova, uccide la moglie e tenta il suicidio. Il Secolo XIX. Archiviato dall'originale. Consultato l'1 febbraio 2020.
  2. ^ Genova, uccide la moglie e tenta il suicidio a Molassana. TELENORD. Archiviato dall'originale. Consultato l'1 febbraio 2020.
  3. ^ Femminicidio di via Terpi, migliorano le condizioni del marito che aveva tentato il suicidio. Genova 24. Archiviato dall'originale. Consultato il 6 febbraio 2020.
FemminicidioItalia.info utilizza cookie analitici e di profilazione. Puoi consultare ulteriori informazioni e negare il consenso al loro utilizzo accedendo all'informativa estesa presente alla pagina cookie policy. Cliccando su OK o continuando la navigazione, acconsenti all'utilizzo di tutti i cookie.