Menu Ricerca voce
Menu
Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Il femminicidio di Concetta Liuzzo a Montebello Jonico

Vittima:
Concetta Liuzzo
Killer:
Carmelo Minniti
Località:
Montebello Jonico
Data:
30 ottobre 2020
Foto della Chiesa del Santissimo Salvatore a Montebello Jonico in provincia di Reggio Calabria dove si sono svolti i funerali di Concetta Liuzzo
Foto della Chiesa del Santissimo Salvatore a Montebello Jonico in provincia di Reggio Calabria dove si sono svolti i funerali di Concetta Liuzzo (su concessione di BeWeB - Beni Culturali Ecclesiastici in Web)
Foto della Chiesa del Santissimo Salvatore a Montebello Jonico in provincia di Reggio Calabria dove si sono svolti i funerali di Concetta Liuzzo
Foto della Chiesa del Santissimo Salvatore a Montebello Jonico in provincia di Reggio Calabria dove si sono svolti i funerali di Concetta Liuzzo (su concessione di BeWeB - Beni Culturali Ecclesiastici in Web)

Concetta Liuzzo, 68 anni, è stata uccisa nel pomeriggio del 30 ottobre 2020 nella sua abitazione di Zuccalà, località del comune di Montebello Jonico in provincia di Reggio Calabria.‍[1][2]

A compiere l'omicidio è stato il marito della vittima, Carmelo Minniti, 69 anni. L'uomo, per motivi non ancora del tutto chiari, ha aggredito la moglie a colpi d'arma da taglio, utilizzando un'ascia. Dopodiché ha telefonato ai Carabinieri per costituirsi, avvertendo anche uno dei suoi figli che risiedeva nello stesso comune. La coppia ha anche un'altra figlia che si era trasferita a Londra.‍[3][4]

L'anziano, ex dipendente dell'ospedale Morelli di Reggio Calabria, è stato accompagnato in caserma. Di fronte ai militari e al pubblico magistrato, il sessantanovenne ha confessato il delitto dicendosi pentito per il gesto commesso.

Il pensionato ha riferito di assumere senza prescrizione, da oltre cinque anni, degli psicofarmaci per "autocurarsi" una depressione che nessun medico gli aveva diagnosticato. Una circostanza confermata dal suo avvocato che, in una nota, ha aggiunto che il proprio assistito anni prima aveva cominciato a manifestato comportamenti anormali, tanto da essere sottoposto a cure presso uno psichiatra, ma l'ex infermiere aveva poi interrotto le sedute preferendo curarsi da sè. Il sessantanovenne ha anche ammesso che fra lui e la moglie nell'ultimo periodo c'erano stati diversi litigi scaturiti per motivi di gelosia.‍[5]

Secondo il racconto fornito agli inquirenti, l'uomo viveva una sorta di paranoia che lo portava a credere, erroneamente, che la coniuge lo tradisse. In passato avrebbe addirittura installato un sistema di videosorveglianza in casa nel tentativo di scovare l'inesistente amante della moglie.

Minniti è stato arrestato e condotto nel carcere di Reggio Calabria a disposizione dell'autorità giudiziaria.‍[6]

Note

  1. Montebello Jonico. Pensionato uccide la moglie a colpi d'ascia. ReggioTV. Archiviato dall'originale. Consultato il 31 ottobre 2020.
  2. Femminicidio a Montebello Jonico, donna uccisa a colpi d'ascia. Il Reggino. Archiviato dall'originale. Consultato il 31 ottobre 2020.
  3. Femminicidio a Montebello Jonico, 60enne uccisa a colpi d'ascia dal marito. LaC News24. Archiviato dall'originale. Consultato il 31 ottobre 2020.
  4. Caso di femminicidio nel reggino, donna uccisa a Montebello Jonico. CN24. Archiviato dall'originale. Consultato il 31 ottobre 2020.
  5. Reggio Calabria, il femminicidio che sconvolge Montebello: "Melo e Concetta erano una coppia stupenda, tragedia passionale per troppa gelosia". Stretto Web. Archiviato dall'originale. Consultato l'1 novembre 2020.
  6. Montebello Jonico. Pensionato uccide la moglie a colpi d'ascia: "sospettava tradimenti". ReggioTV. Archiviato dall'originale. Consultato il 31 ottobre 2020.
FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.