Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Il femminicidio di Annamaria Ascolese a Marino

Vittima:
Annamaria Ascolese
Killer:
Antonio Boccia
Località:
Marino
Decesso:
Roma
Data:
21 aprile 2021
Foto della Fontana del Tritone. Sullo sfondo la Basilica di San Barnaba nella piazza omonima del centro storico di Marino, comune sui Colli Albani nell'area dei Castelli Romani.

Foto della Fontana del Tritone. Sullo sfondo la Basilica di San Barnaba nella piazza omonima del centro storico di Marino, comune sui Colli Albani nell'area dei Castelli Romani.

Voce su Annamaria Ascolese

Annamaria Ascolese, 49 anni, è morta nel corso della notte tra il 20 e il 21 aprile 2021 all'ospedale San Camillo di Roma.‍‍[1]

Foto della Fontana del Tritone. Sullo sfondo la Basilica di San Barnaba nella piazza omonima del centro storico di Marino, comune sui Colli Albani nell'area dei Castelli Romani.

Foto della Fontana del Tritone. Sullo sfondo la Basilica di San Barnaba nella piazza omonima del centro storico di Marino, comune sui Colli Albani nell'area dei Castelli Romani.

La donna era stata ricoverata, cinque giorni prima, in gravi condizioni al nosocomio del quartiere Gianicolense della capitale dopo essere stata raggiunta da svariati colpi di proiettile sparati dal marito Antonio Boccia, 56 anni, nell'abitazione in cui la coppia risiedeva, a Marino in provincia di Roma.

L'uomo era un vicebrigadiere dei Carabinieri, impiegato presso la Direzione Centrale per i Servizi Antidroga. Dopo aver ferito la moglie, ha utilizzato la stessa pistola d'ordinanza per suicidarsi. A dare l'allarme sono stati alcuni vicini di casa nel pomeriggio del 16 aprile 2021, dopo aver sentito il rumore degli spari provenire dall'appartamento dei due coniugi.‍‍[2]‍‍[3]

La quarantanovenne, insegnante alla scuola elementare Anna Frank di Frattocchie (frazione di Marino), è stata trasportata in elisoccorso al nosocomio San Camillo dove è stata sottoposta a diversi interventi chirurgici per strapparla alla morte.

Purtroppo, però, dopo cinque giorni di agonia, la donna ha perso la vita. Troppo gravi le ferite subite durante la sparatoria. La vicenda ha dunque avuto esito in un drammatico caso di omicidio-suicidio.‍‍[1]‍‍[4] Annamaria e Antonio si erano stabiliti da anni a Marino, ma entrambi erano originari di Sarno, un comune della provincia di Salerno.‍‍[5]

Secondo le ricostruzioni, la relazione coniugale era andata in crisi negli ultimi tempi. La coppia era sposata da circa 10 anni. Quando le forze dell'ordine sono intervenute nell'abitazione, hanno trovato una valigia della vittima, presumibilmente pronta per lasciare la casa e trasferirsi da una parente. Una decisione che, a quanto pare, non era stata accettata di buon grado dal marito.‍‍[4]

Note

  1. a b Marino, è morta Annamaria Ascolese. L'insegnante originaria di Sarno non ce l'ha fatta. Castelli Notizie. Archiviato dall'originale. Consultato il 21 aprile 2021.
  2. Dopo la lite spara alla moglie: credendola morta, si uccide. Lei è gravissima. Il Caffè.tv. Archiviato dall'originale. Consultato il 21 aprile 2021.
  3. Carabiniere spara alla moglie e si toglie la vita. Gravi le condizioni della donna. RomaToday. Archiviato dall'originale. Consultato il 21 aprile 2021.
  4. a b Morta dopo 5 giorni di agonia Annamaria Ascolese, ferita dal marito suicida. Il Caffè.tv. Archiviato dall'originale. Consultato il 21 aprile 2021.
  5. Sarno prega per Annamaria, la donna sparata dal marito: "Siamo tutti con te". Salernonotizie.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 21 aprile 2021.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.