Il femminicidio di Anna Turina a Malavicina di Roverbella

Vittima:
Anna Turina
Presunto killer:
Enrico Zenatti
Località:
Malavicina di Roverbella
Data:
9 dicembre 2021
Uno scorcio del municipio di Roverbella in provincia di Mantova

Uno scorcio del municipio di Roverbella in provincia di Mantova (di Massimo Telò, licenza CC BY-SA 3.0)

Voce su Anna Turina

Anna Turina, 73 anni, era stata trovata morta nel corso del tardo pomeriggio del 9 dicembre 2021 all'interno della propria abitazione a Malavicina, frazione di Roverbella in provincia di Mantova.‍[1]

Uno scorcio del municipio di Roverbella in provincia di Mantova

Uno scorcio del municipio di Roverbella in provincia di Mantova (di Massimo Telò, licenza CC BY-SA 3.0)

A compiere la drammatica scoperta furono i figli. L'anziana era riversa sul pavimento, ai piedi di una scala interna della casa. In un primo momento si ipotizzò il decesso in seguito a un incidente domestico: un malore oppure una caduta accidentale. Le lesioni da taglio riportate dalla donna furono attribuite alle schegge della lastra di vetro, collocata sotto il corrimano della scala, andata in frantumi.

Tuttavia il personale sanitario giunto sul posto aveva segnalato alcune ambiguità, richiedendo l'intervento dei Carabinieri. La successiva ispezione del medico legale consentì di stabilire la compatibilità della morte della vittima con un'azione volontaria delittuosa ad opera di un soggetto terzo. La settantatreenne sarebbe stata aggredita con un'arma da taglio e spinta giù dalle scale. Il decesso avvenne per dissanguamento.

L'anziana, madre di due figli adulti, era rimasta vedova l'anno precedente. In meno di ventiquattro ore le indagini dei militari, coordinati dalla Procura di Mantova, portarono il giorno seguente all'arresto in "quasi flagranza" del genero della vittima, Enrico Zenatti, 54 anni, marito della figlia. L'uomo conviveva con la moglie nella stessa abitazione, risiedendo in un alloggio differente su un piano separato rispetto a quello della suocera.‍[2]

L'uomo si proclamò innocente, ma l'attività investigativa aveva raccolto gravi elementi indiziari nei confronti del cinquantaquattrenne, tra cui le immagini di alcune telecamere di videosorveglianza installate nei dintorni che lo filmavano mentre entrava e usciva dalla casa in un lasso di tempo compatibile con l'ipotesi dell'omicidio. Inoltre sui vestiti indossati da Zenatti sarebbero state rinvenute tracce ematiche della vittima.‍[3]

Secondo le prime ricostruzioni, il delitto sarebbe maturato nell'ambito di una vicenda molto complessa, caratterizzata da profondi contrasti che duravano da anni tra il genero e la suocera, scaturiti in tensioni e frequenti litigi.‍[4][5] Zenatti fu condotto in carcere con l'accusa di omicidio.

Lo stesso uomo venne arre­stato nel 2005 con l'accusa di aver ucciso, a Verona, due pro­sti­tute suda­me­ri­cane: Luciana Lino Da Jesus, 29 anni, e Yolanda Garcia Holguin, 38 anni.‍[6] La ventinovenne brasiliana, madre di un figlio di 3 anni rimasto nel paese d'origine, fu trovata morta nel pomeriggio del 5 marzo 2004, avvolta in un lenzuolo nella camera da letto dell'appartamento dove riceveva nel capoluogo scaligero. Sarebbe stata strangolata il precedente 28 febbraio, ma l'assassino pulì il luogo avendo cura di non lasciare tracce e rendere complicate le indagini.‍[7]

La trentottenne colombiana invece scomparve dall'aprile del 2003. Il suo cadavere non fu mai ritrovato, sarebbe stato sotterrato. Molti indizi portavano a Zenatti che nel 2006 venne con­dan­nato in primo grado a 18 anni. Due anni dopo però fu assolto in Appello e la sen­tenza fu con­fer­mata nel 2009 dalla Cas­sa­zione. Dopo circa tre anni di reclusione, l'uomo innocente fu scarcerato.‍[8]

Il 13 dicembre 2021 il cinquantaquattrenne, ascoltato nell'interrogatorio di garanzia, continuò a ribadire la propria estraneità in merito alla morte della suocera, affermando che l'anziana era caduta a causa di un incidente domestico. Differente la ricostruzione della Procura che invece sosteneva l'omicidio. La vittima sarebbe stata aggredita e ferita mortalmente alla gola. Le armi da taglio utilizzate per il delitto sarebbero dei coltelli e una forbice, non ritrovate però dagli investigatori.‍[9][10]

Il giudice per le indagini preliminari convalidò l'arresto e dispose la custodia cautelare in carcere ravvisando il pericolo di reiterazione del reato e sottolineando che la versione dell'uomo non coincideva con quella dei figli della signora Turina. Lo stesso gip tuttavia escluse l'aggravante della premeditazione e i pericoli di fuga e di inquinamento delle prove. Riconosciuta all'accusa invece l'aggravante di aver agito approfittando della minorata difesa dell'anziana.‍[11]

Nei mesi successivi la relazione del medico legale confermò che la lesione alla gola, che aveva causato il decesso della settantatreenne, si verificò dopo l'arrivo di Zenatti nell'abitazione. Il cinquantaquattrenne però aveva dichiarato agli inquirenti che al suo arrivo in casa aveva trovato l'anziana già a terra con un vistoso taglio alla gola da cui perdeva sangue.‍[12]

Nell'estate del 2022 l'indiziato fu rinviato a giudizio immediato. Secondo la ricostruzione finale della Procura, la vittima sarebbe stata uccisa per impedirle di rivelare ai familiari di un precedente tentativo di omicidio messo in atto dal genero.‍[13][14]

L'anziana sarebbe stata aggredita con un'arma da taglio usata, in un primo momento, per scollarle il cuoio capelluto e poi per reciderle la carotide, la giugulare e la trachea. La settantatreenne però non sarebbe morta subito, infatti ebbe modo di inviare un messaggio di aiuto alla figlia che accorse in casa e vide la madre in stato di semicoscienza. Soltanto in seguito la signora Turina si accasciò sul pavimento fino a perdere la vita, deceduta per dissanguamento.‍[15][16]

Zenatti, interrogato nel corso del processo di primo grado in un'udienza del gennaio 2023, ribadì la propria innocenza di fronte al pm. L'imputato ammise di essere l'individuo che, ripreso dalle telecamere di videosorveglianza della zona, entrava nell'abitazione della vittima, tranne in un caso secondo cui, a suo dire, nella casa non si sarebbe introdotto lui, ma uno sconosciuto.‍[17]

Il successivo 30 gennaio, il consulente incaricato dalla difesa ascoltato al processo, sostenne che parte delle lesioni all'anziana siano state provocate da una caduta accidentale della stessa lungo la scala all'interno dell'abitazione. La restante parte delle ferite sarebbero sì state indotte con una lama ma, stando agli elementi di tempo e di luogo addotti dalla ricostruzione investigativa della scena del crimine, comunque non addebitabili all'imputato.

La vittima sarebbe stata in piedi e non seduta quando fu raggiunta dai fendenti mortali. Inoltre le lesioni al collo sarebbero state inferte quantomeno in un minuto anziché una manciata di secondi. In sostanza, sempre secondo il medico legale chiamato a testimoniare dalla difesa, sarebbe da escludere che le coltellate siano state inferte prima dell'arrivo sul posto dei familiari, e quindi solo successivamente all'arrivo in casa della figlia.‍[18]

Il 16 marzo 2023 la Corte d'Assise di Mantova condannò l'imputato all'ergastolo con 9 mesi di isolamento diurno e il riconoscimento delle aggravanti del nesso teleologico (uccise la donna affinché non raccontasse di aver tentato di toglierle la vita), dell'aver agito con crudeltà e del rapporto di parentela con la vittima.‍[19][20] I giudici ravvisarono la crudeltà poiché il taglio alla gola sarebbe stato praticato con sei diverse incisure, atte ad aumentare le sofferenze della vittima, utilizzando tra l'altro modalità esecutive spiegabili con l'esigenza di non farsi scoprire dai figli della settantatreenne.

Secondo le motivazioni della sentenza di primo grado, Zenatti aggredì una prima volta la suocera sulle scale dell'abitazione, probabilmente dopo aver avuto un litigio con lei. L'uomo avrebbe pensato di averla eliminata al primo tentativo e lasciò l'abitazione. L'anziana però riprese conoscenza e telefonò alla figlia, chiedendole aiuto. Quest'ultima avvisò il marito, lo stesso Zenatti, che con una scusa riuscì ad allontanare la moglie e il fratello di lei, per ritornare da solo in casa ed avere una seconda opportunità di ammazzare la vittima, sperando di non essere scoperto.‍[21]

Il 16 febbraio 2024 la Corte d'Appello di Brescia confermò la condanna all'ergastolo.‍[22][23] Le motivazioni della sentenza di secondo grado individuarono il presunto movente del delitto in un prestito di 15 mila euro che la settantatreenne non aveva concesso a Zenatti: "incattivito dalle circostanze, dall'esito sfavorevole della prima aggressione, l'uomo infierì con particolare brutalità sulla signora Turina, senza remore, senza pietà, quasi a punirla di non essere prima deceduta, forse per vendicarsi ulteriormente di quel prestito a lui tanto necessario, che ella invece non gli aveva concesso".‍[24]

Note

  1. Anziana uccisa in casa a Roverbella: i Carabinieri hanno fermato il genero. la Voce Di Mantova · Archiviato dall'originale. Consultato il 12 dicembre 2021.
  2. Sembrava incidente ma è stata uccisa: arrestato genero, un veronese assolto da omicidio nel 2008. TgVerona Telenuovo · Archiviato dall'originale. Consultato il 12 dicembre 2021.
  3. Sangue sugli abiti del presunto omicida di Malavicina, inquadrato mentre entrava dalla suocera. Gazzetta di Mantova · Archiviato dall'originale. Consultato il 14 dicembre 2021.
  4. Arrestato per l'assassinio della suocera. Nel 2008 era stato assolto da un'accusa di duplice omicidio. L'Arena · Archiviato dall'originale. Consultato il 12 dicembre 2021.
  5. Omicidio Anna Turina, il genero Enrico Zenatti accusato e assolto per due delitti nel 2005: ora l'arresto per la morte della suocera. Corriere.it · Archiviato dall'originale. Consultato il 12 dicembre 2021.
  6. Arrestato per l' omicidio di due prostitute è un serial killer, scavategli sotto casa. la Repubblica · Archiviato dall'originale. Consultato il 12 dicembre 2021.
  7. Mantova, le ombre di Enrico Zenatti: dai cold case di Luciana e Jolanda al delitto Turina, una vita di misteri. Corriere.it · Archiviato dall'originale. Consultato il 16 dicembre 2021.
  8. Non uccise le lucciole, assolto. la Tribuna di Treviso · Archiviato dall'originale. Consultato il 12 dicembre 2021.
  9. Omicidio di Malavicina, Zenatti respinge le accuse ma resta in carcere. Mantovauno.it · Archiviato dall'originale. Consultato il 14 dicembre 2021.
  10. Zenatti: "Non sono stato io". Telemantova · Archiviato dall'originale. Consultato il 14 dicembre 2021.
  11. Per il gip può uccidere ancora. Ecco perché resta in carcere Enrico Zenatti (che respinge le accuse). la Voce Di Mantova · Archiviato dall'originale. Consultato il 16 dicembre 2021.
  12. Un raptus improvviso dietro l'omicidio di Anna Turina. la Voce Di Mantova · Archiviato dall'originale. Consultato il 13 marzo 2022.
  13. "Aveva già aggredito la suocera. La uccise per non farla parlare". L'Arena · Archiviato dall'originale. Consultato il 4 agosto 2022.
  14. Delitto di Malavicina, l'accusa: uccise la suocera per non farla parlare. Gazzetta di Mantova · Archiviato dall'originale. Consultato il 4 agosto 2022.
  15. Assassinio della suocera, i figli della donna: "Mia madre mi ha detto: el me copa!". L'Arena · Archiviato dall'originale. Consultato il 18 ottobre 2022.
  16. Anna Turina morì dissanguata, l'omicida di Roverbella la uccise con un'arma da taglio. Gazzetta di Mantova · Archiviato dall'originale. Consultato il 18 ottobre 2022.
  17. Omicidio di Malavacina, Zenatti nega d'aver ucciso la suocera. Mantovauno.it · Archiviato dall'originale. Consultato il 13 gennaio 2023.
  18. Delitto Turina, il consulente della difesa: "Qualcuno ha ucciso, ma non l'imputato". la Voce Di Mantova · Archiviato dall'originale. Consultato il 31 gennaio 2023.
  19. Uccise la suocera, Zenatti è stato condannato all'ergastolo. Verona Oggi · Archiviato dall'originale. Consultato il 18 marzo 2023.
  20. Uccise la suocera nella sua casa di Malavicina: ergastolo per Enrico Zenatti. Mantovauno.it · Archiviato dall'originale. Consultato il 18 marzo 2023.
  21. Ergastolo a Zenatti: "Uccise con crudeltà la suocera aumentandone le sofferenze". VeronaSera · Archiviato dall'originale. Consultato il 10 agosto 2023.
  22. Uccise la suocera, ergastolo confermato per Enrico Zenatti. L'Arena · Archiviato dall'originale. Consultato il 17 febbraio 2024.
  23. Omicidio di Malavicina di Roverbella, ergastolo confermato in appello per Zenatti. Mantovauno.it · Archiviato dall'originale. Consultato il 17 febbraio 2024.
  24. Zenatti, l'omicidio della suocera in due atti: "La massacrò per 15 mila euro, voleva punirla di essere sopravvissuta". Corriere.it · Consultato il 28 maggio 2024.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.