Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Il femminicidio di Alessandra Piga a Colombiera di Castelnuovo Magra

Vittima:
Alessandra Piga
Killer:
Yassin Erroum
Località:
Colombiera di Castelnuovo Magra
Data:
12 giugno 2021
Uno scorcio panoramico di Castelnuovo Magra scattato dalla torre del Castello nel centro storico

Uno scorcio panoramico di Castelnuovo Magra scattato dalla torre del Castello (di Elisabetta Bignami, licenza CC BY-SA 4.0)

Voce su Alessandra Piga

Alessandra Piga, 25 anni, è stata uccisa nel corso del pomeriggio di sabato 12 giugno 2021 all'interno di una villetta a Colombiera, frazione del comune di Castelnuovo Magra in provincia di La Spezia.‍[1][2]

Uno scorcio panoramico di Castelnuovo Magra scattato dalla torre del Castello nel centro storico

Uno scorcio panoramico di Castelnuovo Magra scattato dalla torre del Castello (di Elisabetta Bignami, licenza CC BY-SA 4.0)

La ragazza, originaria di Maracalagonis (Cagliari), partì dalla Sardegna pochi giorni prima per raggiungere la Liguria. Si recò nell'abitazione dell'ex compagno, Yassin Erroum, 30 anni, originario del Nordafrica. La coppia era sposata dal febbraio del 2019. Insieme avevano convissuto a Carrara e in Lunigiana, poi nel marzo del 2021 si trasferirono a Castelnuovo.‍[3] Il successivo mese maggio lei si volle allontanare dal marito, tornando dai genitori in Sardegna. Dalla loro relazione era nato un figlio di un anno e mezzo.‍[4]

La giovane e il bambino raggiunsero la villetta del trentenne durante il pomeriggio del 12 giugno, accompagnati da un'amica. Erroum e Piga avrebbero dovuto affrontare una discussione legata alla loro separazione e alla gestione del figlio. Purtroppo nel corso del colloquio in casa era scoppiata una violenta lite. La vittima fu colpita dall'uomo con diverse coltellate. Nell'appartamento era presente anche la nuova compagna del magrebino che, per proteggersi dalla furia dell'aggressore, si chiuse nel bagno dell'abitazione portandosi dietro suo figlio (avuto con Erroum) e il bambino della venticinquenne.‍[5][6]

Ad allertare i soccorsi sarebbe stata l'amica della vittima, rimasta fuori dalla villetta. Sul posto giunsero i Carabinieri che avevano invitato il trentenne a costituirsi mentre lui si era barricato in casa. Nel frattempo i Vigili del Fuoco aiutarono la donna e due bambini in bagno a uscire tramite una finestra. Quando i militari fecero irruzione all'interno, Erroum aveva ferito alcuni di loro con un coltello, poi venne bloccato e trasportato in ospedale in stato di alterazione. Vani i tentativi dei sanitari di rianimare Alessandra Piga, ormai già deceduta a causa delle gravi lesioni d'arma da taglio ricevute.‍[7]

Il trentenne nelle ore successive, mentre era piantonato dai Carabinieri, avrebbe ammesso il delitto spiegando di aver perso la testa quando l'ex compagna gli aveva chiesto una grossa somma di denaro per fargli vedere il figlio. Nei giorni seguenti il magrebino, terminate le cure mediche in ospedale, fu condotto in carcere.‍[5]. Nel corso dell'interrogatorio di garanzia, tenutosi il 16 giugno, Erroum aveva confessato il delitto rispondendo a tutte le domande poste dal giudice per le indagini preliminari. Nei suoi confronti fu convalidata la custodia cautelare con l'accusa di omicidio volontario aggravato.‍[8][9]

Nel maggio del 2022 l'uomo fu rinviato a giudizio.‍[10]

Note

  1. Uccisa a coltellate davanti al figlio, la tragedia di Castelnuovo. Città della Spezia. Archiviato dall'originale. Consultato il 13 giugno 2021.
  2. Omicidio a Castelnuovo Magra, 25enne uccisa in casa davanti al figlio e all'amica. lanazione.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 13 giugno 2021.
  3. Delitto di Castelnuovo Magra: le liti, la fuga di lei e il massacro. lanazione.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 14 giugno 2021.
  4. 25enne di Maracalagonis uccisa dall'ex con una coltellata nello Spezzino. L'Unione Sarda.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 13 giugno 2021.
  5. a b Uccisa dal marito, l'audio shock: "Voleva 200 euro e ho perso la testa". lanazione.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 16 giugno 2021.
  6. Femminicidio di Castelnuovo Magra, sul muro una scritta con il sangue: "Lo amo". Il Tirreno. Archiviato dall'originale. Consultato il 17 giugno 2021.
  7. Chiusa in casa con l'assassino e l'amica morta. "Doveva essere un pomeriggio di mare...". lanazione.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 13 giugno 2021.
  8. Erroum ha ricostruito l'omicidio di Castelnuovo, arresto convalidato. Città della Spezia. Archiviato dall'originale. Consultato il 17 giugno 2021.
  9. Femminicidio a Castelnuovo Magra, la confessione dell'assassino: "L'ho uccisa perché non voleva più farmi vedere il bimbo". Il Secolo XIX. Archiviato dall'originale. Consultato il 17 giugno 2021.
  10. Uccise la compagna. Il processo in Assise inizierà l'11 luglio. lanazione.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 18 maggio 2022.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.