Il femminicidio di Angela Dargenio a Torino

Vittima:
Angela Dargenio
Presunto killer:
Massimo Bianco
Località:
Torino
Data:
7 maggio 2021
Uno scorcio dall'alto di Torino su Piazza della Repubblica
Uno scorcio dall'alto di Torino su Piazza della Repubblica (di Fulvio Spada, licenza CC BY-SA 2.0)

Angela Dargenio, 48 anni, è stata uccisa il 7 maggio 2021 a Torino. La donna è stata raggiunta dai colpi di pistola sparati dall'ex compagno Massimo Bianco, 50 anni, di professione guardia giurata.

Uno scorcio dall'alto di Torino su Piazza della Repubblica
Uno scorcio dall'alto di Torino su Piazza della Repubblica (di Fulvio Spada, licenza CC BY-SA 2.0)

L'episodio è avvenuto nel corso del pomeriggio. Secondo le ricostruzioni, l'uomo avrebbe atteso il rientro a casa della quarantottenne, poi, probabilmente in seguito a un'ennesima discussione, ha estratto la propria pistola d'ordinanza e ha esploso molteplici proiettili all'indirizzo della donna, ferendola gravemente.‍‍[1]‍‍[2]

A dare l'allarme sono stati alcuni vicini che abitano nello stesso palazzo. La vittima non sarebbe morta subito. All'arrivo dei soccorsi sul posto, i sanitari hanno provato a rianimarla, ma non è riuscita a sopravvivere. Bianco e Dargenio erano sposati da più di 20 anni, ma i loro rapporti erano tesi da tempo. Nei mesi precedenti si erano separati e avevano avviato le pratiche legali per il divorzio. Tuttavia, secondo alcune testimonianze, l'uomo non aveva mai accettato la decisione dell'ex compagna di chiudere quel matrimonio. Entrambi erano originari della Puglia, lui di Brindisi e lei di Manduria (Taranto).‍‍[3]

Dopo aver smesso di convivere insieme, lui si era trasferito in un altro appartamento dello stesso condominio dove la donna risiedeva. L'uomo non si sarebbe voluto allontanare dal posto per restare vicino ai figli della coppia, di 16 a 25 anni.‍‍[4]‍‍[5] All'arrivo della Polizia, il cinquantenne non ha opposto resistenza e si è consegnato agli agenti che lo hanno arrestato.‍‍[6] Durante l'interrogatorio in commissariato avrebbe ammesso di aver agito perché, una delle sere precedenti, aveva visto la ex sotto casa in compagnia di un altro individuo.‍‍[7]‍‍[8]

Nell'interrogatorio di garanzia, Bianco ha chiesto perdono ai figli per il gesto commesso.‍‍[9] Il giudice per le indagini preliminari ha convalidato l'arresto nei suoi confronti con l'accusa di omicidio volontario. L'autopsia sulla salma della vittima ha confermato che l'ex marito ha sparato otto volte. Uno dei proiettili, probabilmente quello fatale, ha colpito la quarantottenne alla testa.‍‍[10]

Note

  1. Corso Novara, guardia giurata uccide l'ex moglie sparandole 8 colpi a bruciapelo. La Stampa. Archiviato dall'originale. Consultato il 7 maggio 2021.
  2. Omicidio a Torino Barriera di Milano: uomo ammazza la moglie con otto colpi di pistola. TorinoToday. Archiviato dall'originale. Consultato il 7 maggio 2021.
  3. Era di Manduria la donna uccisa dal marito a Torino. Lavocedimanduria.it. Archiviato dall'originale. Consultato l'8 maggio 2021.
  4. Femminicidio di Torino, parla la figlia della vittima: "Spero che mio padre paghi per ciò che ha fatto". Corriere.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 10 maggio 2021.
  5. Uccide moglie: la figlia, spero marcisca in prigione. ANSA. Archiviato dall'originale. Consultato il 10 maggio 2021.
  6. "Si era separata da Massimo ed era diventata più bella". CronacaQui. Archiviato dall'originale. Consultato l'8 maggio 2021.
  7. Il femminicida: "L'avevo vista sotto casa con un altro e mi aveva detto che non sarebbe più tornata da me". Corriere.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 10 maggio 2021.
  8. Torino, guardia giurata uccide l'ex moglie con cinque colpi di pistola: è stato un agguato. la Repubblica. Archiviato dall'originale. Consultato il 10 maggio 2021.
  9. Uccide l'ex moglie, 'miei figli mi perdonino, non volevo'. ANSA. Archiviato dall'originale. Consultato l'11 maggio 2021.
  10. Otto proiettili di cui uno alla testa dalla guardia giurata per l'ex moglie. La Stampa. Archiviato dall'originale. Consultato il 12 maggio 2021.
FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.