Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Il femminicidio di Elena Casanova a Castegnato

Vittima:
Elena Casanova
Killer:
Ezio Galesi
Località:
Castegnato
Data:
20 ottobre 2021
La Chiesa Parrocchiale di San Giovanni Battista a Castegnato in provincia di Brescia dove sono stati celebrati i funerali di  Elena Casanova

La Chiesa Parrocchiale di San Giovanni Battista a Castegnato dove sono stati celebrati i funerali di Elena Casanova (su concessione di BeWeB - Beni Culturali Ecclesiastici in Web)

Voce su Elena Casanova

Elena Casanova, 49 anni, è stata uccisa dall'ex compagno Ezio Galesi, 59 anni, la sera del 20 ottobre 2021 a Castegnato, comune della provincia di Brescia.‍[1]

La Chiesa Parrocchiale di San Giovanni Battista a Castegnato in provincia di Brescia dove sono stati celebrati i funerali di  Elena Casanova

La Chiesa Parrocchiale di San Giovanni Battista a Castegnato dove sono stati celebrati i funerali di Elena Casanova (su concessione di BeWeB - Beni Culturali Ecclesiastici in Web)

L'uomo si era recato nei pressi dell'abitazione della vittima attendendo che lei uscisse di casa. Quando la donna si introdusse nella propria auto, parcheggiata all'esterno, il malintenzionato si avvicinò armato di martello e sfondò il finestrino. Poi la trascinò fuori dall'abitacolo e con lo stesso arnese colpì ripetutamente la quarantanovenne alla testa fino a toglierle la vita.

I vicini furono allertati dalle forti urla della vittima, prima che perdesse conoscenza e rimanesse sull'asfalto in una pozza di sangue. Galesi rimase nelle vicinanze, impassibile, come se nulla fosse successo, riferendo ai residenti di chiamare i soccorsi. Il cinquantanovenne attese sul posto l'arrivo dei Carabinieri. Dinanzi ai militari non oppose resistenza e si fece arrestare. Il personale sanitario non poté fare nulla per rianimare la donna, ormai deceduta dopo le numerose martellate ricevute.

Galesi e Casanova erano separati con figli avuti da precedenti matrimoni. Lui, operaio metalmeccanico alla Mec Work, era padre di due figli grandi e nonno di due nipotini. Si erano conosciuti circa 5 anni prima a una cena degli Alpini. Tra loro era nata una relazione, poi terminata nel corso del 2020 dopo una breve convivenza in occasione del lockdown per la pandemia di Covid-19, L'uomo tuttavia non si era mai rassegnato alla chiusura di quella storia. Lei aveva una figlia di 17 anni, abitava da 15 anni a Castegnato, lavorava come operaia alla Iveco e si impegnava come attivista in diverse campagne ambientaliste con comitati locali.‍[2][3]

Interrogato dai militari, Galesi aveva confessato l'omicidio, riferendo di aver seguito l'ex compagna per ucciderla. Poi successivamente ritrattò quella versione, parlando di un "raptus". Secondo alcune testimonianze, il cinquantanovenne aveva cominciato a tormentare la vittima dopo la fine della loro relazione e, in più occasioni, avrebbe posto in essere comportamenti minacciosi nei suoi confronti.‍[4][5]

Tra questi il taglio delle gomme dell'auto e una scritta su un muro a poca distanza dall'abitazione della quarantanovenne che si riferiva a un presunto debito che lei aveva nei confronti di Galesi per alcuni lavori di giardinaggio svolti in casa. L'uomo nel corso dell'interrogatorio in caserma aveva ammesso soltanto il taglio degli pneumatici, avvenuto nel gennaio del 2021.‍[6]

La signora Casanova avrebbe riferito ad alcune amiche di avere paura di lui e di non averlo denunciato per il timore di ritorsioni. Una paura che sarebbe stata confermata anche dall'ex marito e dal nuovo compagno della donna. Il cinquantanovenne fu condotto in carcere con l'accusa di omicidio volontario.‍[7][8]

La stazione ferroviaria a Castegnato in provincia di Brescia

La stazione ferroviaria a Castegnato in provincia di Brescia (di Moliva, licenza CC BY-SA 3.0)

Il successivo 22 novembre, interrogato dal giudice per le indagini preliminari, si avvalse dalla facoltà di non rispondere.‍[9][10] Nei suoi confronti venne convalidato l'arresto per il pericolo di reiterazione del reato.‍[11] L'autopsia sulla salma della vittima aveva rilevato circa 16 martellate che provocarono il decesso per lo sfondamento delle meningi e della teca cranica.‍[12]

Nel corso delle indagini era emerso anche che Galesi avrebbe provato a mettere la donna nei guai con la giustizia. Il cinquantanovenne aveva scritto una lettera alla Polizia accusando la signora Casanova e il suo nuovo compagno di far parte di un'organizzazione specializzata nella produzione di fatture false. Contestualmente a questa vicenda, nell'abitazione di Galesi sarebbero state trovate altre missive che l'uomo si sarebbe preparato a spedire alla locale Procura per continuare ad accusare l'ex compagna. Per questi motivi all'indiziato venne anche contestato il reato di calunnia.‍[13][14]

Note

  1. Castegnato, donna uccisa a martellate dall'ex fidanzato. Giornale di Brescia. Archiviato dall'originale. Consultato il 21 ottobre 2021.
  2. Elena Casanova uccisa a martellate in strada dall'ex compagno: l'uomo è stato arrestato, choc a Brescia. Il Gazzettino. Archiviato dall'originale. Consultato il 21 ottobre 2021.
  3. Castegnato, uccisa a martellate in strada dall'ex fidanzato. Elena Casanova aveva 49 anni. ilgiorno.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 21 ottobre 2021.
  4. Elena Casanova, l'ex fidanzato Enzo Galesi ha ammesso di averla uccisa a martellate. A gennaio le aveva bucato le ruote dell'auto. Il Fatto Quotidiano. Archiviato dall'originale. Consultato il 21 ottobre 2021.
  5. Elena Casanova ammazzata a martellate, Galesi: la volevo uccidere. BsNews.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 21 ottobre 2021.
  6. "Ho fatto quello che dovevo". Galesi al pm: la volevo uccidere. Corriere.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 22 ottobre 2021.
  7. Uccisa a martellate, prima del delitto gomme tagliate e scritte sui muri di casa. ANSA. Archiviato dall'originale. Consultato il 22 ottobre 2021.
  8. Castegnato, Elena aveva paura: "Se lo denuncio mi ammazza". QuiBrescia. Archiviato dall'originale. Consultato il 22 ottobre 2021.
  9. Uccide la ex a martellate: in silenzio davanti al gip. ANSA. Archiviato dall'originale. Consultato il 23 ottobre 2021.
  10. Castegnato, uccide l'ex compagna a martellate. Galesi in silenzio davanti al giudice. ilgiorno.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 23 ottobre 2021.
  11. Ezio Galesi resta in carcere, lunedì l'autopsia di Elena. QuiBrescia. Archiviato dall'originale. Consultato il 24 ottobre 2021.
  12. Elena Casanova uccisa con 16 martellate, domani i funerali. Prima Brescia. Archiviato dall'originale. Consultato il 26 ottobre 2021.
  13. Uccisa a Castegnato, l'assassino è indagato anche per calunnia. Giornale di Brescia. Archiviato dall'originale. Consultato il 18 febbraio 2022.
  14. Femminicidio a Castegnato, quei biglietti di accuse alla ex prima di ucciderla a martellate. Corriere.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 18 febbraio 2022.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.