Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Il femminicidio di Alice Neri a Fossa di Concordia sulla Secchia

Vittima:
Alice Neri
Presunto killer:
Mohammed Bedoui Gaaloul
Località:
Fossa di Concordia sulla Secchia
Data:
18 novembre 2022
La Chiesa di Santa Maria Bianca a Vallalta di Concordia sulla Secchia in provincia di Modena

La Chiesa di Santa Maria Bianca a Vallalta di Concordia sulla Secchia in provincia di Modena (di Catalogo generale dei Beni Culturali)

Voce su Alice Neri

I resti del corpo senza vita di Alice Neri, 32 anni, sono stati trovati la sera del 18 novembre 2022 nelle campagne di Concordia sulla Secchia in provincia di Modena.‍[1]

La Chiesa di Santa Maria Bianca a Vallalta di Concordia sulla Secchia in provincia di Modena

La Chiesa di Santa Maria Bianca a Vallalta di Concordia sulla Secchia in provincia di Modena (di Catalogo generale dei Beni Culturali)

Il cadavere, in stato di carbonizzazione, era stato rinvenuto all'interno del baule della sua auto. La segnalazione era stata lanciata da un passante che aveva notato del fumo provenire dai boschi di Fossa di Concordia. La vettura della vittima era stata data alle fiamme insieme al corpo nel bagagliaio. Il mezzo si trovava lungo una strada sterrata nei pressi del canale che interseca via Valdisole.

La trentaduenne risiedeva a Ravarino (Modena) insieme al marito e alla figlioletta di 4 anni. Nel tardo pomeriggio del 17 novembre era tornata a casa dopo aver terminato il turno di lavoro allo stabilimento della Wam (azienda metalmeccanica) a Cavezzo (Modena), dove era stata assunta da pochi mesi. In serata poi era uscita per recarsi a un bar di Concordia dove aveva un appuntamento con un collega di lavoro.‍[2][3]

Alice era rimasta nei pressi del locale fino alle 3.00 di notte, poi aveva salutato il collega e si era allontanata dal posto. Da quel momento si sono perse le sue tracce. È stato il marito a denunciare la scomparsa della moglie perché, preoccupato, non l'aveva vista fare rientro a casa.

Il caso è rimasto un giallo diverse settimane. La Procura aveva sentito il marito della trentaduenne e alcuni colleghi di lavoro di lei, ma con il passare del tempo il mirino degli investigatori si è sempre più concentrato su un giovane di 29 anni, Mohammed Bedoui Gaaloul, originario della Tunisia e residente a Vallalta, frazione di Concordia, insieme alla moglie che aveva sposato da poco.‍[4]

Costui aveva lasciato l'Italia nelle ore successive al delitto. Il sospetto degli inquirenti è che fosse fuggito all'estero per non essere individuato dalle forze dell'ordine.‍[5] Nei confronti dell'indagato, il 30 novembre, era stato emanato un mandato di cattura europeo su richiesta della Procura di Modena. Lo stesso giovane, attraverso la stampa, aveva fatto sapere di non conoscere Alice Neri e di averla incontrata fuori dal bar di Concordia nella notte tra il 17 e il 18 novembre precedente soltanto per farsi dare un passaggio a casa.

Dopodiché, una volta giunto a destinazione, sarebbe ritornato nell'abitazione mentre Alice era ancora viva e si era allontanata dal posto con la propria auto. Anche la moglie del ventinovenne avrebbe confermato tale versione, ma stranamente pure lei aveva lasciato l'Italia dopo la morte della vittima.‍[6]

Attraverso gli accertamenti condotti dagli investigatori, si è scoperto che il sospettato e la trentaduenne avrebbero lavorato, nel corso della precedente estate, nella stessa azienda di verniciature prima che la donna si trasferisse alla Wam di Cavezzo. Dunque, diversamente da quanto affermato dal giovane, i due si sarebbero già conosciuti almeno come colleghi di lavoro.‍[7]

Il pomeriggio del 14 dicembre 2022 Mohammed Gaaloul è stato rintracciato e fermato a Mulhouse, in Alsazia (Francia).‍[8][9] Il ventinovenne non si è opposto all'estradizione e, il successivo 4 gennaio 2023, è stato trasferito in Italia.‍[10] Interrogato dal giudice per le indagini preliminari nel carcere di Modena, l'indiziato si è avvalso della facoltà di non rispondere, precisando soltanto di non essere fuggito dall'Italia poiché si era recato all'estero per ragioni di lavoro.‍[11][12]

Note

  1. Alice Neri: il giallo della giovane donna trovata carbonizzata nel bagagliaio dell'auto. Today.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 10 dicembre 2022.
  2. Giallo della morte di Alice Neri, si indaga sulle 18 ore in cui era scomparsa. Modenaindiretta. Archiviato dall'originale. Consultato il 10 dicembre 2022.
  3. Alice Neri e il mistero delle chat scomparse e della tanica ritrovata a casa del collega. Sul Panaro. Archiviato dall'originale. Consultato il 10 dicembre 2022.
  4. Omicidio di Alice Neri, si cerca un giovane straniero fuggito all'estero. ModenaToday. Archiviato dall'originale. Consultato il 10 dicembre 2022.
  5. Alice, ricercato un 29enne tunisino "Era al bar la sera dell'omicidio". ilrestodelcarlino.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 10 dicembre 2022.
  6. Ricercato per la morte di Alice Neri, il 29enne nega ogni responsabilità. ModenaToday. Archiviato dall'originale. Consultato il 14 dicembre 2022.
  7. Alice Neri e Mohamed si conoscevano? "In passato hanno lavorato nella stessa azienda". Sul Panaro. Archiviato dall'originale. Consultato il 14 dicembre 2022.
  8. Donna carbonizzata, preso in Francia il sospettato. ANSA. Archiviato dall'originale. Consultato il 14 dicembre 2022.
  9. Donna carbonizzata: arrestato in Francia il tunisino sospettato della morte di Alice Neri. Modenaindiretta. Archiviato dall'originale. Consultato il 14 dicembre 2022.
  10. Alice Neri: Mohamed Gaaloul atterrato a Linate. ANSA. Archiviato dall'originale. Consultato il 4 gennaio 2023.
  11. Alice Neri, Mohamed non parla di lei e si difende: "Non sono fuggito". Ecco l'interrogatorio. ilrestodelcarlino.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 6 gennaio 2023.
  12. Caso Alice Neri, Mohamed Gaaloul si è avvalso della facoltà di non rispondere. Sul Panaro. Archiviato dall'originale. Consultato il 6 gennaio 2023.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.