Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Il femminicidio di Adriana Tamburrini a Posta Fibreno

Vittima:
Adriana Tamburrini
Killer:
Michele Salerno
Località:
Posta Fibreno
Data:
24 ottobre 2005

Voce su Adriana Tamburrini

Uccisa a coltellate all'età di 19 anni dal compagno Michele Salerno, 26 anni, nella notte tra il 23 e il 24 ottobre 2005. Il cadavere è stato ritrovato la mattina seguente nelle campagne tra Schito e Posta Fibreno in provincia di Frosinone.

I due erano usciti la domenica sera per stare in compagnia, ma hanno avuto un litigio dopo che la ragazza gli aveva rivelato di essere incinta. In seguito al delitto, l'uomo ha abbandonato il cadavere tra le sterpaglie e ha tentato di fuggire percorrendo molti chilometri in autostrada. Arrivato all'altezza di Firenze, si è fermato e, preso dal rimorso, ha telefonato alla polizia confessando il delitto e indicando il luogo in cui rinvenire il corpo senza vita della vittima. Nel frattempo, un passante aveva avvistato il cadavere nelle campagne avvisando le forze dell'ordine.

Lui, originario di Caserta, aveva conosciuto la ragazza su internet alcuni mesi prima, poi si erano incontrati di persona e avevano iniziato una relazione. Il ventiseienne aveva trovato lavoro a Sora, paese di residenza della diciannovenne, per starle accanto. Salerno è stato condannato a 18 anni di reclusione per omicidio volontario aggravato.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.