Menu Ricerca voce
Menu

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Il femminicidio di Carla Quattri Bossi a Milano

Vittima:
Carla Quattri Bossi
Killer:
Damian Dobrev Borisov
Località:
Milano
Data:
5 gennaio 2020
Foto di Ronchetto delle Rane a Milano
Foto di Ronchetto delle Rane a Milano (di Van Loon, licenza CC BY 3.0)
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+
Foto di Ronchetto delle Rane a Milano
Foto di Ronchetto delle Rane a Milano (di Van Loon, licenza CC BY 3.0)

Carla Quattri Bossi, 90 anni, è stata trovata morta la mattina del 5 gennaio 2020 all'interno dell'agriturismo Podere Ronchetto, situato in zona Ronchetto delle Rane, poco distante dal quartiere Gratosoglio nella periferia meridionale della città di Milano.‍[1]

La signora era la madre dei proprietari della struttura. A scoprire il corpo senza vita dell'anziana donna è stata la segretaria, all'interno della camera da letto di un alloggio dell'edificio. Il cadavere presentava numerose ferite al capo ed era legato da una striscia di stoffa e uno straccio avvolto intorno alla testa. Nelle vicinanze c'erano vistose macchie di sangue. Ad avvertire i soccorsi è stato un ospite dell'area camper dell'agriturismo che ha sentito le urla della segretaria in seguito al rinvenimento.

Secondo i rilievi del medico legale, il delitto è stato compiuto nel corso della serata del giorno precedente. La novantenne sarebbe stata trascinata da una stanza all'altra della struttura durante la brutale aggressione. Il giorno successivo, la procura di Milano ha ordinato il fermo di Damian Dobrev Borisov, 22 anni, originario della Bulgaria, dipendente della proprietà sul quale sono emersi diversi riscontri, tra cui i monili della vittima nel proprio zaino e le impronte di una sua scarpa sulla scena del crimine. L'uomo, nel corso dell'interrogatorio effettuato dalla Squadra Mobile, ha confessato l'omicidio affermando di averla colpita con un barattolo di marmellata.‍[2][3]

Il gesto è stato compiuto per motivi economici. Il ventiduenne ha sostenuto di aver agito per rabbia perché la donna non gli avrebbe voluto concedere una somma di denaro da lui richiesta. Borisov era in Italia da alcuni anni, lavorava nella cascina della famiglia Bossi ed era stato preso in affidamento da uno dei figli dell'anziana signora nell'ambito di un progetto di integrazione del comune di Milano. Il giovane durante la confessione ha ammesso che già in passato aveva sottratto illecitamente degli effetti personali e del denaro alla famiglia che lo ospitava. Dopo aver commesso il delitto, incurante del gesto, era andato a ballare in un locale della città. Nei suoi confronti il giudice per le indagini preliminari ha convalidato il fermo disponendo la custodia cautelare in carcere.‍[4][5]

Note

  1. Omicidio nel milanese, vittima una 90enne. Giornale di Treviglio. Archiviato dall'originale. Consultato il 5 gennaio 2020.
  2. Milano, a 90 anni uccisa nell'agriturismo di famiglia: fermato un dipendente. ilgiorno.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 6 gennaio 2020.
  3. Milano, anziana uccisa in agriturismo: fermato un dipendente. Ha confessato: l'omicidio per soldi. Repubblica.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 6 gennaio 2020.
  4. Uccide l'anziana che lo ospita. Delitto e castigo alle porte di Milano. AGI. Archiviato dall'originale. Consultato il 7 gennaio 2020.
  5. Anziana uccisa, soldi spesi con ragazze. ANSA.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 9 gennaio 2020.
FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.