Menu Ricerca voce
Menu

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Il femminicidio di Gerarda Di Gregorio a Roma

Vittima:
Gerarda Di Gregorio
Killer:
Nicola Russo
Località:
Roma
Data:
23 maggio 2020
Una foto del quartiere Primavalle di Roma
Una foto del quartiere Primavalle di Roma
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+

Gerarda Di Gregorio, 63 anni, è stata uccisa dal marito Nicola Russo, 67 anni, la mattina del 23 maggio 2020 a Roma.‍[1]

Una foto del quartiere Primavalle di Roma
Una foto del quartiere Primavalle di Roma

La coppia era in fase di separazione. Secondo le ricostruzioni, la donna, residente in una diversa abitazione, si era recata insieme alla nuora e al figlio di 44 anni nell'appartamento del quartiere Primavalle, dove precedentemente viveva, per raccogliere alcuni effetti personali. Lì sarebbe scoppiata una furiosa lite con Russo, ex guardia giurata, che prima l'avrebbe accoltellata e poi le ha sparato. Il figlio è accorso per difendere la madre, ma è stato colpito anche lui dai proiettili. Il sessantasettenne poi è uscito in strada e si è sparato a sua volta. La nuora, rimasta in macchina, ha sentito le forti urla e gli spari. È stata lei e dare l'allarme

I soccorsi giunti successivamente sul posto hanno trovato i tre componenti della famiglia in gravissime condizioni, ma ancora in vita. Tuttavia in ospedale i due genitori non sono riusciti a sopravvivere,‍[2][3] mentre il figlio, ricoverato dal personale sanitario, è stato sottoposto a un intervento chirurgico. Le sue condizioni sono rimaste critiche.‍[4]

Probabilmente la signora Di Gregorio si era fatta accompagnare sul posto perché consapevole della pericolosità del marito, ma ciò non è bastato per evitare il dramma. Al sessantasettenne era stato precedentemente notificato un divieto di detenzione di armi da fuoco da parte della polizia, ma la pistola con la quale ha sparato alla moglie non era stata censita, dunque sarebbe stata segretamente e illegalmente custodita.‍[5]

Note

  1. ^ Roma, spari a Primavalle: uccide la ex moglie, ferisce il figlio e si suicida. la Repubblica. Archiviato dall'originale. Consultato il 23 maggio 2020.
  2. ^ Roma, spara e uccide la moglie e poi si toglie la vita, grave il figlio: choc a Primavalle. Il Messaggero. Archiviato dall'originale. Consultato il 23 maggio 2020.
  3. ^ Primavalle, dramma della disperazione: un uomo spara a moglie e al figlio e si uccide. Secolo d'Italia. Archiviato dall'originale. Consultato il 23 maggio 2020.
  4. ^ Uccide la moglie e si spara dopo aver ferito il figlio, oggi i funerali di Nicola Russo. AvellinoToday. Archiviato dall'originale. Consultato il 31 maggio 2020.
  5. ^ Roma, sparatoria a Primavalle: uccide la moglie e si suicida, grave il figlio. Gli erano state sequestrate le pistole. Corriere.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 24 maggio 2020.
FemminicidioItalia.info utilizza cookie analitici e di profilazione. Puoi consultare ulteriori informazioni e negare il consenso al loro utilizzo accedendo all'informativa estesa presente alla pagina cookie policy. Cliccando su OK o continuando la navigazione, acconsenti all'utilizzo di tutti i cookie.