Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Il femminicidio di Zsuzsanna Mailat a Milzano

Vittima:
Zsuzsanna Mailat
Killer:
Gianluca Lupi
Località:
Milzano
Data:
8 maggio 2020
Foto della Chiesa di San Biagio a Milzano in provincia di Brescia

Foto della Chiesa di San Biagio a Milzano in provincia di Brescia (del Comune di Milzano)

Voce su Zsuzsanna Mailat

Foto della Chiesa di San Biagio a Milzano in provincia di Brescia

Foto della Chiesa di San Biagio a Milzano in provincia di Brescia (del Comune di Milzano)

Zsuzsanna Mailat, 39 anni, chiamata dai conoscenti Susy, è stata uccisa dal marito Gianluca Lupi, 41 anni, nel corso della serata dell'8 maggio 2020 a Milzano in provincia di Brescia.‍‍[1]‍‍[2]

La donna, originaria della Romania e da molti anni in Italia, sposata e madre di tre figli di 3, 8 e 15 anni, era stata accoltellata dal coniuge al culmine di violento litigio. La loro relazione era in crisi e la trentanovenne aveva avviato le pratiche legali per il divorzio. Pochi giorni dopo il delitto si sarebbe dovuto tenere un incontro con l'avvocato per chiarire i dettagli della separazione.‍‍[3] L'aggressione mortale avvenne mentre nell'abitazione erano presenti tutti e tre i figli della coppia. Fu infatti la primogenita ad allertare telefonicamente i soccorsi per chiedere aiuto.

Nel frattempo il sindaco del comune, Massimo Giustiziero, residente nelle vicinanze, aveva sentito delle forti urla provenire dall'appartamento. Recatosi sul posto, aveva richiesto informazioni su cos'era successo e Lupi gli rivelò di aver ucciso la moglie. Negli stessi istanti il primo cittadino vide la figlia di 15 anni che aveva gli indumenti sporchi del sangue della mamma. Tutti i figli fortunatamente rimasero illesi. Il sindaco e la ragazza misero in sicurezza gli altri due bambini nell'attesa dell'arrivo dei Carabinieri, che successivamente arrestarono il quarantunenne.‍‍[4]

Nel corso dell'interrogatorio in caserma Lupi confessò il delitto. Nelle prime ore del mattino del 9 maggio fu condotto in carcere con l'accusa di omicidio volontario.‍‍[5]‍‍[6] Dall'esame autoptico, svolto la settimana seguente, emerse che la vittima era stata colpita da numerosi fendenti, tre dei quali sferrati all'addome e uno, quello fatale, al collo.‍‍[7]

Dalle successive ricostruzioni venne diffuso che il quarantunenne aveva ammesso di aver ucciso la moglie perché era convinto che lei lo tradisse e, in passato, l'aveva anche vista in compagnia di un altro individuo.‍‍[8] La coppia era sposata dal 2004, ma la loro relazione sarebbe andata in crisi dopo la nascita dell'ultimo figlio. La donna aveva già trovato un appartamento in cui traslocare, ma il marito faceva pressioni affinché lei cambiasse idea.

Nel mese di novembre la Procura chiuse le indagini a carico del reo confesso, confermando l'accusa di omicidio volontario aggravato dai futili motivi, dal vincolo coniugale e dall'aver commesso il fatto in presenza della primogenita minorenne.‍‍[9]‍‍[10] Nel febbraio del 2021 Lupi fu rinviato a giudizio. Il giudice per l'udienza preliminare respinse la richiesta di rito abbreviato presentata della difesa.‍‍[11]‍‍[12]

Nel corso del processo il medico legale incaricato di svolgere l'autopsia aveva precisato che la vittima fu colpita complessivamente 14 volte ed era deceduta per uno choc emorragico da lesioni d'arma da taglio. Tutti i fendenti furono potenzialmente mortali perché avevano leso organi vitali. Uno di essi venne inferto addirittura quando l'attività cardiocircolatoria era ferma.‍‍[13]

Nell'udienza del 13 aprile 2021, l'imputato aveva letto davanti ai giudici un manoscritto di sedici pagine in cui si era definito pentito e travolto dall'angoscia per il gesto commesso. Lupi aveva ripercorso la crisi del matrimonio con sua moglie, specificando in particolare che una sera la vide in auto sotto casa con un uomo. Lui la accusò di tradirlo mentre lei aveva sempre negato di aver intrapreso una relazione extraconiugale.

Nel corso del tempo le tensioni e le discussioni fra i due inasprirono ancora di più il loro rapporto. L'ultimo litigio, fatale per la vittima, avvenne perché la trentanovenne espresse dinanzi al marito la volontà di chiedere l'affidamento dei figli nel procedimento legale di separazione che pochi giorni dopo avrebbero dovuto trattare con un incontro dall'avvocato.‍‍[14][15]

Il 20 dicembre 2021 la Corte d'Assise di Brescia condannò l'imputato a 24 anni di reclusione, non accogliendo la richiesta dell'ergastolo formulata dalla pubblica accusa. Il verdetto aveva escluso l'aggravante dei futili motivi e ritenuto le altre due aggravanti equivalenti alle attenuanti.‍[16][17]

Le motivazioni della sentenza sottolinearono che a scatenare l'azione omicida fu "la gelosia provata dall'uomo nei confronti di un amico della compagna". Lupi aveva "agito in base a una reazione impulsiva e non invece con premeditazione, a differenza di quanto sovente accade in occasione di analoghe uccisioni perpetrate in ambito domestico". Inoltre non era emerso un quadro di pregresse violenze o di atti prevaricatori consumati ai danni della compagna.‍[18][19]

Note

  1. Milzano, uccide la moglie con una coltellata davanti ai figli. QuiBrescia. Archiviato dall'originale. Consultato il 9 maggio 2020.
  2. Brescia, uccide la moglie a coltellate davanti ai figli. Adnkronos. Archiviato dall'originale. Consultato il 9 maggio 2020.
  3. Omicidio a Milzano, il paese si mobilita: partita la raccolta di vestiti e giocattoli per i bimbi. Corriere.it. Archiviato dall'originale. Consultato l'11 maggio 2020.
  4. Brescia, omicidio a Milzano: uccide la moglie davanti ai figli. Corriere.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 9 maggio 2020.
  5. Accoltella la moglie in casa: "Ho ucciso Susy, non abbandonare i miei figli". BresciaToday. Archiviato dall'originale. Consultato il 9 maggio 2020.
  6. "Nulla è più come prima": l'ultimo post sui social di Susy, uccisa a coltellate dal marito. BresciaToday. Archiviato dall'originale. Consultato il 10 maggio 2020.
  7. Massacrata con 4 coltellate all'addome e al collo: così è morta mamma Susy. BresciaToday. Archiviato dall'originale. Consultato il 15 maggio 2020.
  8. Susy massacrata a coltellate, chiuse le indagini: "L'avevo vista con un altro uomo". BresciaToday. Archiviato dall'originale. Consultato il 28 novembre 2020.
  9. Milzano, Susy uccisa a coltellate: "Marito a processo". ilgiorno.it. Archiviato dall'originale. Consultato l'8 gennaio 2021.
  10. Delitto di Mailat a Milzano, il marito va a processo abbreviato. QuiBrescia. Archiviato dall'originale. Consultato il 16 gennaio 2021.
  11. Uccisa dal marito. Il Comune parte civile. Bresciaoggi. Archiviato dall'originale. Consultato il 24 febbraio 2021.
  12. Milzano, uccise a coltellate la compagna: a processo da aprile. QuiBrescia. Archiviato dall'originale. Consultato il 24 febbraio 2021.
  13. Uccisa davanti ai figli: "Susy colpita dal marito 14 volte". Giornale di Brescia. Archiviato dall'originale. Consultato il 14 aprile 2021.
  14. Ha ucciso la moglie a coltellate: "Travolto dall'angoscia". ilgiorno.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 14 aprile 2021.
  15. L'uxoricida di Milzano: "Temevo mi portasse via i figli". Bresciaoggi. Archiviato dall'originale. Consultato l'8 giugno 2021.
  16. Uccisa davanti ai figli, Gianluca Lupi condannato a 24 anni. Giornale di Brescia. Archiviato dall'originale. Consultato il 21 dicembre 2021.
  17. Femminicidio di Milzano, 24 anni per il marito di Susy. QuiBrescia. Archiviato dall'originale. Consultato il 21 dicembre 2021.
  18. Uccise la ex davanti ai figli, niente ergastolo ma 24 anni. ANSA. Archiviato dall'originale. Consultato il 18 gennaio 2022.
  19. Femminicidio di Milzano: "Elemento scatenante fu la gelosia". QuiBrescia. Archiviato dall'originale. Consultato il 18 gennaio 2022.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.