Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Il femminicidio di Aurelia Laurenti a Roveredo in Piano

Vittima:
Aurelia Laurenti
Presunto killer:
Giuseppe Mario Forciniti
Località:
Roveredo in Piano
Data:
26 novembre 2020
La Chiesa di San Bartolomeo, Duomo di Roveredo in Piano, dove sono stati celebrati i funerali di Aurelia Laurenti

La Chiesa di San Bartolomeo, Duomo di Roveredo, dove sono stati celebrati i funerali di Aurelia Laurenti (su concessione di BeWeB - Beni Culturali Ecclesiastici in Web)

Voce su Aurelia Laurenti

Aurelia Laurenti, 32 anni, è stata uccisa nella notte tra il 25 e il 26 novembre 2020 dal marito Giuseppe Mario Forciniti, 33 anni, all'interno dell'abitazione dove la coppia risiedeva a Roveredo in Piano, comune in provincia di Pordenone.‍‍[1]

La Chiesa di San Bartolomeo, Duomo di Roveredo in Piano, dove sono stati celebrati i funerali di Aurelia Laurenti

La Chiesa di San Bartolomeo, Duomo di Roveredo, dove sono stati celebrati i funerali di Aurelia Laurenti (su concessione di BeWeB - Beni Culturali Ecclesiastici in Web)

Secondo le ricostruzioni, l'omicidio si era consumato tre le 23.30 e la mezzanotte, lasso di tempo in cui i vicini di casa avevano sentito delle forti urla provenire dall'appartamento. La donna fu colpita a coltellate. Presenti nell'abitazione anche i figli della coppia, di 8 e 3 anni, che però non avrebbero assistito alla violenza poiché si trovavano in una stanza diversa da quella in cui venne commessa l'aggressione.

Dopo aver compiuto il drammatico gesto, l'uomo uscì di casa insieme ai bambini per accompagnarli in macchina da un parente e, intorno alle 00.40, si recò in Questura per confessare il delitto. Nel frattempo aveva gettato il coltello in un cassonetto, ritrovato in seguito dagli investigatori su indicazione dello stesso trentatreenne.‍‍[2] Sottoposto a interrogatorio, Forciniti aveva inizialmente parlato di un'aggressione scaturita dall'irruzione di un ladro nell'appartamento.

Poi ritrattò, raccontando che la moglie avrebbe brandito un coltello nel tentativo di colpirlo durante un litigio. Nel corso della colluttazione, lui si sarebbe difeso, impossessandosi della stessa arma e ferendo mortalmente la vittima. Una versione fornita dall'uomo che però aveva lasciato molti dubbi agli inquirenti. I poliziotti raggiunsero l'abitazione coniugale, rinvenendo il corpo senza vita della vittima.‍‍[3]‍‍[4] Il cadavere presentava varie lesioni, localizzate sul collo e intorno alla testa. L'esame autoptico aveva rilevato circa 19 fendenti.‍‍[5]

Il trentatreenne, originario di Cosenza, si era trasferito in Friuli-Venezia Giulia nel 2013. Dipendente dell'Azienda Sanitaria Locale, era impiegato come infermiere nel reparto di ortopedia dell'ospedale Santa Maria degli Angeli di Pordenone. Secondo le testimonianze di conoscenti e parenti, la relazione con la signora Laurenti stava attraversando un periodo di crisi. Rapporti molto tesi che andavano avanti da circa sei mesi, caratterizzati da profonde incomprensioni e frequenti litigi. La coppia aveva addirittura contattato una psicologa per tentare, invano, una riconciliazione.‍[6]

I genitori della vittima, in alcune dichiarazioni rilasciate alla stampa locale, riferirono che Forciniti aveva compiuto il delitto poiché la moglie aveva scoperto una relazione extraconiugale intrattenuta precedentemente dell'uomo. Infatti nei mesi precedenti, dopo aver scoperto il tradimento, la trentaduenne originaria di San Quirino (Pordenone) si era trasferita a casa dei genitori portandosi dietro i due figli, ma successivamente era ritornata a convivere con il marito per il bene dei bambini.‍‍[7]

Foto del Monumento al Donatore di Sangue AVIS a Roveredo in Piano, provincia di Pordenone

Foto del Monumento al Donatore di Sangue AVIS a Roveredo in Piano, provincia di Pordenone (di Urania Cecilia Beni, licenza CC BY-SA 4.0)

Forciniti, sottoposto ad arresto, fu condotto in carcere con l'accusa di omicidio volontario aggravato dalla premeditazione e dall'aver commesso il fatto ai danni di una persona stabilmente convivente.‍‍[8]‍‍[9] Nell'interrogatorio di garanzia si era avvalso della facoltà di non rispondere, confermando quanto già dichiarato in precedenza nel colloquio dinanzi al pubblico magistrato. Il giudice per le indagini preliminari aveva convalidato l'arresto disponendo la custodia cautelare in carcere.‍‍[10]‍‍[11]

Nel luglio del 2021 la Procura di Pordenone aveva chiuso le indagini confermando le accuse precedentemente formulate, ma escludendo l'aggravante della premeditazione.‍[12][13] Il successivo mese di ottobre l'indiziato fu rinviato a giudizio. Forciniti continuò a difendersi, sostenendo che nella prima parte della colluttazione non era lui ad avere il coltello dalla parte del manico.‍[14]

Una dinamica confermata dal medico legale durante il dibattimento. La donna inizialmente aveva l'arma in mano e, probabilmente nel tentativo di tenere lontano l'ormai ex compagno, gli procurò lievi ferite alle mani e una all'addome. Poi il coltello fu impugnato da entrambi e la trentaduenne fu ferita al volto e al collo. Infine fu l'infermiere a impossessarsi del coltello e ad infliggere i quattro fendenti mortali che recisero le arterie e le vie respiratorie.‍[6][15]

Nel corso del processo la pubblica accusa aveva chiesto la pena dell'ergastolo. Il 20 aprile 2022 Forciniti fu condannato dalla Corte d'Assise di Udine a 24 anni di reclusione. All'imputato furono riconosciute le attenuanti generiche equivalenti all'unica aggravante contestata, l'aver commesso il delitto ai danni della convivente.‍[16][17]

Note

  1. Roveredo in Piano. L'infermiere Giuseppe Forciniti uccide la compagna Aurelia Laurenti. La Prima Pagina. Archiviato dall'originale. Consultato il 26 novembre 2020.
  2. Aurelia, uccisa dal compagno. Le perquisizioni informatiche dei telefonini della coppia, le liti, le grida a quell'ora esatta. Il Gazzettino. Archiviato dall'originale. Consultato il 1º dicembre 2020.
  3. Pordenone, uccide compagna a coltellate, poi si costituisce. Confessa in Questura con le mani ancora sporche di sangue. la Repubblica. Archiviato dall'originale. Consultato il 26 novembre 2020.
  4. L'uomo che uccide a coltellate la compagna e poi si costituisce a Roveredo. Today. Archiviato dall'originale. Consultato il 26 novembre 2020.
  5. Omicidio di Aurelia, il compagno killer fa ritrovare il secondo telefonino. Il Gazzettino. Archiviato dall'originale. Consultato il 3 dicembre 2020.
  6. a b Aurelia uccisa senza pietà con 19 coltellate. Il Friuli. Archiviato dall'originale. Consultato il 20 gennaio 2022.
  7. "Aurelia Laurenti è stata uccisa perché aveva scoperto i tradimenti di Giuseppe Forciniti". Today. Archiviato dall'originale. Consultato il 27 novembre 2020.
  8. Omicidio a Roveredo, la confessione: "Lei mi ha aggredito, ha cercato di colpirmi con un coltello". Il Gazzettino. Archiviato dall'originale. Consultato il 26 novembre 2020.
  9. Femminicidio Roveredo, il presunto assassino: "L'ho colpita con il coltello che brandiva". LaC News 24. Archiviato dall'originale. Consultato il 26 novembre 2020.
  10. La lettera del figlio di 8 anni sul comodino: "Papà non litigare...". Il piccolo sentito in questura. Il Gazzettino. Archiviato dall'originale. Consultato il 29 novembre 2020.
  11. Uccide compagna: Gip, Forciniti resti in carcere. ANSA. Archiviato dall'originale. Consultato il 28 novembre 2020.
  12. Uccide la moglie di 32 anni, poi si consegna. Chiuse le indagini: non c'è stata premeditazione, resta l'accusa di omicidio volontario. Il Messaggero Veneto. Archiviato dall'originale. Consultato il 23 luglio 2021.
  13. Uccide compagna: chiuse indagini, accusa omicidio volontario. ANSA. Archiviato dall'originale. Consultato il 23 luglio 2021.
  14. Femminicidio di Roveredo, Forciniti rinviato a giudizio. Il Friuli. Archiviato dall'originale. Consultato il 20 ottobre 2021.
  15. Una telefonata dopo il delitto: "Mamma, ti chiedo perdono". Il Messaggero Veneto. Archiviato dall'originale. Consultato il 21 gennaio 2022.
  16. Uccise la compagna: Giuseppe Forciniti condannato a 24 anni di carcere. Telefriuli. Archiviato dall'originale. Consultato il 21 aprile 2022.
  17. Omicidio di Roveredo, condanna a 24 anni per Forciniti. Il Friuli. Archiviato dall'originale. Consultato il 21 aprile 2022.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.