Il femminicidio di Giulia Tateo a Bologna

Vittima:
Giulia Tateo
Presunto killer:
Giampaolo Amato
Località:
Bologna
Data:
9 ottobre 2021
La Chiesa di Sant'Anna vecchia in zona Murri a Bologna

La Chiesa di Sant'Anna vecchia in zona Murri a Bologna (su concessione di BeWeB - Beni Culturali Ecclesiastici in Web)

Voce su Giulia Tateo

La Chiesa di Sant'Anna vecchia in zona Murri a Bologna

La Chiesa di Sant'Anna vecchia in zona Murri a Bologna (su concessione di BeWeB - Beni Culturali Ecclesiastici in Web)

Giulia Tateo, 87 anni, fu trovata morta nel corso della notte tra l'8 e il 9 ottobre 2021 nell'abitazione in cui risiedeva in zona Murri a Bologna. Nella stessa dimora, poco più di tre settimane dopo, il successivo 31 ottobre, fu trovata morta anche la figlia Isabella Linsalata, 62 anni.‍[1]

La mattina del 31 ottobre fu il marito della sessantaduenne, Giampaolo Amato, a lanciare l'allarme. L'uomo riferì di aver rinvenuto la moglie esanime, distesa sul letto. Il decesso della donna, inizialmente, fu attribuito a cause naturali, così come quello della madre Giulia.

Amato, 62 anni, era un medico specializzato in oftalmologia e medicina dello sport. Anche la moglie Isabella era un medico, specializzata in ginecologia e ostetricia. I due però da qualche tempo non vivevano più insieme. Il sessantaduenne si era trasferito nel proprio studio, al piano inferiore, perché il loro matrimonio si era incrinato a causa di una relazione extraconiugale. Una situazione che aveva procurato non poche sofferenze alla donna e ai figli.

Sulla vicenda fu aperta un'inchiesta della Procura di Bologna. Dopo circa un anno e mezzo di indagini, nell'aprile del 2023, l'oculista venne arrestato e condotto in carcere con l'accusa di omicidio. L'autopsia sulla salma della vittima aveva escluso la morte naturale e attribuito il decesso alla "somministrazione dolosa" di calmanti e antidepressivi, in particolare un mix di benzodiazepine e sevoflurano.‍[1]

Per quanto riguarda il decesso della suocera Giulia Tateo, gli esami autoptici ritennero che non si poteva stabilire la quantità di Midazolam e Sevoflurano presenti nel corpo della ottantasettenne – riesumata quindici mesi dopo la morte – a causa dell'avanzato stato di putrefazione. Tuttavia le sostanze che avrebbero ucciso la figlia Isabella erano presenti anche nel corpo della madre.‍[2]

Sulla base di tali elementi, la Procura di Bologna contestò nei confronti del medico l'omicidio della moglie e della suocera, entrambi aggravati dalla premeditazione.‍[3] Amato fu poi rinviato a giudizio.‍[4]

Per ulteriori dettagli, consultare la voce principale di Isabella Linsalata.

Note

  1. a b Omicidio a Bologna, ex medico Virtus arrestato: "Ha ucciso la moglie con i farmaci". il Resto del Carlino · Archiviato dall'originale. Consultato il 12 aprile 2023.
  2. Amato e la morte della suocera, i periti: "Farmaci e anestetici come nel corpo della moglie". CorrierediBologna · Archiviato dall'originale. Consultato il 27 settembre 2023.
  3. Amato verso il rinvio a giudizio: "Medico uccise moglie e suocera". RaiNews · Archiviato dall'originale. Consultato il 27 settembre 2023.
  4. Giampaolo Amato rinviato a giudizio per duplice omicidio: a marzo via al processo. il Resto del Carlino · Archiviato dall'originale. Consultato il 12 dicembre 2023.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.