Il femminicidio di Sara Di Pietrantonio a Roma

Vittima:
Sara Di Pietrantonio
Killer:
Vincenzo Paduano
Località:
Roma
Data:
29 maggio 2016

Trovata morta a 22 anni la mattina del 29 maggio 2016 lungo via della Magliana a Roma. Il cadavere era semi carbonizzato, poco distante dalla sua auto in fiamme.

La notte precedente la vittima era stata seguita in macchina e speronata dall'ex compagno Vincenzo Paduano, 27 anni, che la costrinse a scendere dalla vettura. In quegli attimi concitati, nel corso di un ennesimo litigio, il giovane la strangolò per poi darle fuoco. Poche ore dopo il ritrovamento, il responsabile fu fermato e confessò di aver agito per gelosia perché non accettava la fine della relazione con la ventiduenne.

Dalle ricostruzioni delle indagini era emerso che Paduano negli ultimi tempi la perseguitava affinché lei si convincesse a tornare con lui. Il ventisettenne fu condannato in primo grado all'ergastolo, poi ridotto a 30 anni di reclusione in Appello.

Successivamente la Corte di Cassazione ha annullato il verdetto, ritenendo che il reato di stalking non dovesse essere assorbito in quello di omicidio. Svolto un nuovo processo in Appello, è stato ricondannato all'ergastolo per omicidio volontario e stalking. Sentenza resa definitiva dalla Suprema Corte nell'aprile del 2021.

FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.