Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Il femminicidio di Giulia Ballestri a Ravenna

Vittima:
Giulia Ballestri
Killer:
Matteo Cagnoni
Località:
Ravenna
Data:
19 settembre 2016
La Chiesa di San Giovanni Evangelista a Ravenna dove sono stati celebrati i funerali di Giulia Ballestri

La Chiesa di San Giovanni Evangelista a Ravenna dove sono stati celebrati i funerali di Giulia Ballestri (di Wilfred Krause, licenza CC BY-SA 3.0)

Voce su Giulia Ballestri

La Chiesa di San Giovanni Evangelista a Ravenna dove sono stati celebrati i funerali di Giulia Ballestri

La Chiesa di San Giovanni Evangelista a Ravenna dove sono stati celebrati i funerali di Giulia Ballestri (di Wilfred Krause, licenza CC BY-SA 3.0)

Il corpo senza vita di Giulia Ballestri, 40 anni, fu trovato lunedì 19 settembre 2016 all'interno di una villa in via Padre Genocchi a Ravenna, di proprietà del marito Matteo Cagnoni, 51 anni.‍[1]‍‍[2]

Non si avevano più notizie della donna dal precedente venerdì 16 settembre, quando era uscita in mattinata insieme al coniuge, un noto dermatologo fiorentino, dal quale lei era in corso di separazione. L'uomo non si preoccupò della sua scomparsa, infatti fu la famiglia della vittima a denunciare la sparizione.

Cagnoni fu fermato a Firenze lo stesso giorno del rinvenimento del cadavere. Si trovava nell'abitazione dei genitori, insieme ai tre figli della coppia. Quando la Polizia raggiunse il posto per una perquisizione, il cinquantunenne scappò da una finestra sul retro facendo perdere le proprie tracce. Ritornato poi in casa, pensando che gli agenti non fossero più presenti, fu definitivamente catturato.

Interrogato sulla vicenda della moglie, si dichiarò innocente ed estraneo alle responsabilità riguardanti la sua morte. Ma erano molti gli elementi che lo inchiodavano, tra cui le sue impronte tra le tracce ematiche della donna sulla scena del crimine. La villa in cui fu ritrovata era chiusa con l'allarme inserito: per gli inquirenti gli unici ad avere le chiavi erano i due coniugi. Il corpo era in fondo allo scantinato, riverso in una pozza di sangue.‍‍[1]‍‍[2]

Secondo le ricostruzioni, Cagnoni aveva attirato la signora Ballestri nella villa disabitata con un pretesto. Una volta all'interno, l'aveva aggredita con un tronco, tagliato da un'altra loro abitazione e portato appositamente sul luogo del delitto. Dalle indagini era emersa la brutale violenza utilizzata nei confronti della vittima.

Il sangue sparso in più parti dell'abitazione lasciò intendere che la donna avesse provato a difendersi e a fuggire durante l'aggressione, senza riuscirci, essendo bloccata, pestata e trascinata con forza sotto i colpi del cinquantunenne. Non solo presa a bastonate, ma anche a calci e pugni che le avevano fratturato tre costole. L'uomo aveva reagito agli ultimi sussulti afferrandola per i capelli e fracassandole la testa contro lo spigolo di un muro. Fu rinvenuta con il volto tumefatto.

Durante un'udienza del processo, il rapporto del consulente anatomopatologo ascoltato dalla Corte riferì che sarebbero bastati una decina di minuti per ucciderla, ma l'assassino l'aveva lasciata agonizzante per più di mezz'ora perché, mosso da atroce sadismo, voleva che soffrisse. Il tutto per vendicarsi dell'umiliazione che la donna gli avrebbe inflitto in seguito alla decisione di divorziare per iniziare una nuova storia con un altro compagno con il quale la quarantenne si stava frequentando. Cagnoni, pur mostrandosi consenziente alla separazione, in realtà non aveva mai accettato quella scelta.‍‍[3]‍‍[4]

Foto di Piazza del Popolo a Ravenna

Foto di Piazza del Popolo a Ravenna (di Veniero Rubboli, licenza CC BY-SA 3.0)

L'uomo fu condotto in carcere con le accuse di omicidio volontario aggravato e occultamento di cadavere. Il 22 giugno 2018 fu condannato all'ergastolo. Contestate nei suoi confronti anche le aggravanti della crudeltà e della premeditazione.‍‍[5] Il 26 settembre 2019 la sentenza fu confermata in Corte d'Appello.‍‍[6] Il 27 gennaio 2021 la condanna all'ergastolo fu resa definitiva dalla Corte di Cassazione.‍‍[7]

Nelle motivazioni della sentenza fu evidenziato che Cagnoni aveva esercitato sulla signora Ballestri un enorme potere economico, culturale e caratteriale, e quando la donna decise di lasciarlo, lui non riusciva ad accettarlo al punto da progettare il delitto caratterizzato da una feroce violenza. I legali della difesa avevano chiesto più volte di sottoporre l'imputato a una perizia psichiatrica, ma i giudici ritennero che l'uomo, pur presentando un disturbo di personalità di tipo narcisistico, fosse interamente capace di intendere e di volere.‍‍[8]‍‍[9]

Note

  1. a b Giulia Ballestri, 40 anni, trovata assassinata. RomagnaNOI. Archiviato dall'originale.
  2. a b Ravenna, donna uccisa nella vecchia villa di famiglia, fermato il marito. ilrestodelcarlino.it. Archiviato dall'originale.
  3. Omicidio Ballestri, l'autopsia su Giulia. "Morta dopo una lunga agonia". ilrestodelcarlino.it. Archiviato dall'originale.
  4. Omicidio Giulia Ballestri marito: sconvolgente udienza al processo descrive la lunga e atroce morte della donna. UrbanPost. Archiviato dall'originale.
  5. Matteo Cagnoni uccise la moglie a bastonate: condannato all'ergastolo. Blitz Quotidiano. Archiviato dall'originale.
  6. Omicidio Ballestri: l'Appello conferma l'ergastolo per il medico fiorentino. FirenzeToday. Archiviato dall'originale.
  7. Ravenna, la Corte di Cassazione conferma condanna all'ergastolo per Matteo Cagnoni. RavennaNotizie.it. Archiviato dall'originale.
  8. Ravenna: Delitto Ballestri, per i giudici si è trattato di "femminicidio". TeleRomagna24. Archiviato dall'originale.
  9. Omicidio di Ravenna: perché la Corte d'Appello ha confermato l'ergastolo a Cagnoni. FirenzeToday. Archiviato dall'originale.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.