Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Ancona. Furono assolti perché "troppo mascolina per essere stuprata". La Cassazione li condanna definitivamente.

Immagine della notizia (Miniatura di Superchilum su it.wikipedia.org, licenza CC BY-SA 4.0)

Ancona. Furono assolti perché "troppo mascolina per essere stuprata". La Cassazione li condanna definitivamente.

La Corte di Cassazione ha condannato in via definitiva due peruviani di 27 anni che, il 9 marzo 2015 ad Ancona, all'interno di un parco in via Ragusa, avevano violentato sessualmente una connazionale, all'epoca 20enne.

Secondo le ricostruzioni delle indagini, mentre uno di loro abusava della vittima, l'altro avrebbe fatto da palo, controllando che non arrivasse nessuno. Tornata a casa la ragazza aveva raccontato alla madre l'accaduto e denunciato i fatti alla Polizia.

Gli accusati furono condannati in primo grado nel 2016, uno a 5 anni (l'esecutore dello stupro) e l'altro a 3 anni (il complice). Alla Corte d'Appello di Ancona, però, gli imputati vennero assolti. La tesi difensiva accolta dai giudici, tre donne, sosteneva che la ragazza fosse "troppo mascolina" e quindi "non abbastanza attraente per subire uno stupro".

La Procura generale, con il procuratore Sergio Sottani, era in Cassazione e la suprema Corte aveva rinviato gli atti a Perugia per il rifare il processo. I giudici umbri nel 2020 avevano condannato, agli stessi anni del primo grado, i due peruviani.

Il giudizio era stato di nuovo impugnato in Cassazione che nei giorni scorsi ha rigettato il ricorso, confermando la sentenza di Perugia. I due imputati si sono sempre difesi, sostenendo che non ci fosse stata violenza sessuale.

La vittima è tornata al suo paese e ancora non saprebbe l'esito della sentenza definitiva, poiché ha cambiato telefono e non sarebbe ancora stata rintracciata.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.