Menu Ricerca voce
Menu
Oggi è la Giornata Internazionale per l'eliminazione della violenza contro le Donne.

È una ricorrenza importante che, nell'obiettivo di eliminare qualsiasi forma di violenza nella piena affermazione dei diritti di tutti gli esseri umani, pone una marcata attenzione sul fenomeno della violenza contro le donne.

È stata ufficialmente istituita dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 17 dicembre 1999 con la risoluzione 54/134 che richiamava i principi espressi nella risoluzione 48/104 del 23 dicembre 1993 sull'eliminazione della violenza contro le donne.

Il suddetto documento riconosce che la violenza contro le donne rappresenta, storicamente, la manifestazione della disuguaglianza tra i generi che ha portato nel tempo gli uomini alla dominazione e alla discriminazione nei confronti delle donne. Fenomeni che hanno ostacolato l'avanzamento delle donne nella società, spesso ponendole in posizioni di subordinazione.

Per questi motivi l'Assemblea ha ritenuto urgente il bisogno di istituire una giornata per ricordare che la violenza perpetrata sulle donne costituisce un ostacolo all'uguaglianza, la sicurezza, la libertà, l'integrità e la dignità di tutti gli esseri umani.

È stato scelto quel giorno per commemorare le "Sorelle Mirabal", tre donne uccise il 25 novembre del 1960 nella Repubblica Dominicana per essersi opposte alla dittatura di Rafael Trujillo, presidente che aveva governato il paese centroamericano dal 1930 al 1961.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Il femminicidio di Loredana Calì a Catenanuova

Vittima:
Loredana Calì
Killer:
Filippo Marraro
Località:
Catenanuova
Data:
1 aprile 2019
Interno della Chiesa Madre di San Giuseppe di Catenanuova dove si sono svolti i funerali di Loredana Calì
Interno della Chiesa Madre di S.Giuseppe di Catenanuova dove si sono svolti i funerali di Loredana Calì

Loredana Calì è stata uccisa dall'ex marito Filippo Marraro il 1º aprile 2019 a Catenanuova in provincia di Enna.

Interno della Chiesa Madre di San Giuseppe di Catenanuova dove si sono svolti i funerali di Loredana Calì
Interno della Chiesa Madre di S.Giuseppe di Catenanuova dove si sono svolti i funerali di Loredana Calì

La donna, che avrebbe compiuto 40 anni il 4 aprile, si era da pochi mesi separata dall'uomo, 51 anni, con il quale aveva avuto due figli (Marraro aveva anche un terzo figlio, nato da una precedente relazione).‍[1] I due si erano dati appuntamento il giorno dell'omicidio, probabilmente per un ultimo chiarimento. In un video, registrato da una telecamera di sorveglianza e diffuso da alcuni organi di stampa, si vedeva l'uomo minacciare l'ex coniuge con una pistola, costringendola con la forza a salire sulla sua auto.

Il cinquantunenne l'ha portata in una casa di campagna dove la donna è stata freddata a colpi d'arma da fuoco.‍[2] Successivamente l'omicida si è recato alla scuola del figlio dodicenne per metterlo al corrente del fatto che aveva ucciso la mamma. Il ragazzino, sotto shock, è scappato col motorino con il quale avrebbe vagato per il paese fino al primo pomeriggio. In seguito l'uomo ha telefonato anche alla figlia più grande, 17 anni, che si trovata in gita scolastica in Puglia, per comunicarle la scomparsa della madre.‍[3]

Prima di costituirsi ai carabinieri, Marraro ha reso noto ad altre persone il proprio gesto. Ha inviato un messaggio a un amico per annullare la sua partecipazione a un raduno motociclistico: "Mi dispiace, non posso venire. Ho ucciso mia moglie". È andato a casa della sorella della vittima verso il quale serbava un profondo rancore, probabilmente nel tentativo di uccidere anche lei, ma non trovandola l'ha telefonata riferendole dell'omicidio che aveva commesso.‍[4][2] Rientrando nella propria abitazione ha accennato a una vicina: "Ho ammazzato Loredana. Filippo Marraro non passa per cornuto". Infine si è consegnato spontaneamente ai carabinieri, confessando tutto.

Panorama dall'alto della città di Catenanuova in provincia di Enna, vista dal monte Scalpello
Panorama dall'alto della città di Catenanuova, vista dal monte Scalpello

Secondo le ricostruzioni, la signora Loredana aveva già segnalato in passato ai carabinieri un'aggressione avvenuta ai suoi danni da parte dell'ex marito, mai non era stata presentata formalmente una denuncia.‍[3] Inoltre Marraro avrebbe anche picchiato l'uomo sospettato di essere il nuovo compagno della donna.‍[2] Nell'interrogatorio di fronte agli inquirenti, il reo confesso avrebbe sostenuto di non accettare che l'ex moglie avesse una nuova relazione.

Dai rilievi dell'autopsia è stato confermato che il cinquantunenne ha ucciso la vittima con due colpi di pistola, uno al collo e l'altro al petto.‍[4] Nei mesi successivi Marraro è stato rinviato a giudizio con le accuse di omicidio volontario aggravato dalla premeditazione, sequestro di persona e detenzione di arma clandestina. Il suo legale ha richiesto e ottenuto il procedimento in rito abbreviato. Nei confronti dell'uomo è stata disposta una perizia psichiatrica[5][6] che lo ha valutato capace di intendere e di volere nel momento del delitto.‍[7]

Nel corso del processo la pubblica accusa ha richiesto per l'imputato la pena dell'ergastolo,‍[8] ma il 27 ottobre 2020 il reo confesso è stato condannato a 30 anni di reclusione.‍[9]

Note

  1. Enna, uccide l'ex moglie a colpi di pistola e si costituisce. L'Huffington Post. Archiviato dall'originale. Consultato il 16 aprile 2019.
  2. a b c La minaccia con la pistola puntata alla testa. La moglie e il marito nelle ultime immagini del femminicidio di Enna. L'Huffington Post. Archiviato dall'originale. Consultato il 16 aprile 2019.
  3. a b Spara alla ex moglie e poi va a scuola dai figli: "Ho ucciso mamma". AGI. Archiviato dall'originale. Consultato il 16 aprile 2019.
  4. a b Femminicidio di Catenanuova, l'autopsia: Loredana si difese con tutte le sue forze dall'ex marito. Giornale Di Sicilia. Archiviato dall'originale. Consultato il 16 aprile 2019.
  5. Il femminicidio di Loredana Calì, la sorella in aula: "Vogliamo giustizia". La Sicilia. Archiviato dall'originale. Consultato il 16 gennaio 2020.
  6. Femminicidio a Enna, Cassazione conferma l'arresto del marito. Giornale di Sicilia. Archiviato dall'originale. Consultato il 6 febbraio 2020.
  7. Femminicidio a Catenanuova: "Il marito era in grado d'intendere e di volere". Giornale di Sicilia. Archiviato dall'originale. Consultato il 14 aprile 2020.
  8. Femminicidio a Catenanuova, chiesto l'ergastolo per Filippo Marraro, l'uomo che l'anno scorso uccise l'ex moglie. EnnaOra. Archiviato dall'originale. Consultato il 16 luglio 2020.
  9. Omicidio Loredana Calì, arriva la sentenza definitiva: ex marito condannato a 30 anni. Newsicilia. Archiviato dall'originale. Consultato il 28 ottobre 2020.
FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.