Menu Ricerca voce
Menu
Domani sarà la Giornata Internazionale per l'eliminazione della violenza contro le Donne.

È una ricorrenza importante che, nell'obiettivo di eliminare qualsiasi forma di violenza nella piena affermazione dei diritti di tutti gli esseri umani, pone una marcata attenzione sul fenomeno della violenza contro le donne.

È stata ufficialmente istituita dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 17 dicembre 1999 con la risoluzione 54/134 che richiamava i principi espressi nella risoluzione 48/104 del 23 dicembre 1993 sull'eliminazione della violenza contro le donne.

Il suddetto documento riconosce che la violenza contro le donne rappresenta, storicamente, la manifestazione della disuguaglianza tra i generi che ha portato nel tempo gli uomini alla dominazione e alla discriminazione nei confronti delle donne. Fenomeni che hanno ostacolato l'avanzamento delle donne nella società, spesso ponendole in posizioni di subordinazione.

Per questi motivi l'Assemblea ha ritenuto urgente il bisogno di instituire una giornata per ricordare che la violenza perpetrata sulle donne costituisce un ostacolo all'uguaglianza, la sicurezza, la libertà, l'integrità e la dignità di tutti gli esseri umani.

È stato scelto quel giorno per commemorare le "Sorelle Mirabal", tre donne uccise il 25 novembre del 1960 nella Repubblica Dominicana per essersi opposte alla dittatura di Rafael Trujillo, presidente che aveva governato il paese centroamericano dal 1930 al 1961.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Il femminicidio di Marisa Sartori a Curno

Vittima:
Marisa Sartori
Killer:
Ezzedine Arjoun
Località:
Curno
Data:
2 febbraio 2019
Foto della chiesa Santa Maria Assunta di Curno dove si sono svolti i funerali di Marisa Sartori
Foto della chiesa Santa Maria Assunta di Curno dove si sono svolti i funerali di Marisa Sartori (di Luigi Chiesa, licenza CC BY-SA 3.0).
Foto della chiesa Santa Maria Assunta di Curno dove si sono svolti i funerali di Marisa Sartori
Foto della chiesa Santa Maria Assunta di Curno dove si sono svolti i funerali di Marisa Sartori (di Luigi Chiesa, licenza CC BY-SA 3.0).

Il sabato sera del 2 febbraio 2019 a Curno, provincia di Bergamo, poco prima delle ore venti le sorelle Marisa e Deborha Sartori stavano facendo ritorno a casa dei genitori. Sul posto era presente anche Ezzedine Arjoun, marito di Marisa che, dopo aver atteso le due donne parcheggiare l'auto, si è scagliato contro sua moglie ferendola al cuore con un coltello. La sorella Deborha ha cercato di fermarlo, ma Ezzedine ha colpito gravemente anche lei.‍[1][2]

Marisa, 25 anni, ha perso la vita pochi istanti dopo l'aggressione mentre Deborha, 23 anni, è stata ricoverata in coma farmacologico all'ospedale. Arjoun, tunisino di 35 anni, già noto alle forze dell'ordine per precedenti reati legati allo spaccio, si è costituito poco dopo ai carabinieri con le mani ancora sporche di sangue. Ha confessato il delitto ed è stato arrestato.‍[1][3] Successivamente, davanti al giudice per le indagini preliminari, l'uomo ha rivelato di aver bevuto e assunto cocaina prima di incontrare le due sorelle.‍[4][5] Ezzedine non accettava la separazione che la moglie aveva deciso di intraprendere da qualche mese allontanandosi da lui e tornando a vivere a casa dei genitori, infatti aveva già tentato più volte di avvicinarsi a Marisa per cercare di ricucire il rapporto, ma la donna era sempre rimasta ferma sulla sua posizione.‍[1][5]

La sorella Deborha Sartori si è risvegliata dal coma il 4 febbraio.‍[3] L'esame autoptico ha evidenziato che la Sartori ha subito otto fendenti, cinque sul lato sinistro del torace e gli altri all'addome, al braccio destro e alla gamba sinistra. Il decesso è avvenuto per anemia metaemorragica acuta fatale. Secondo le ricostruzioni, Arjoun aveva diversi procedimenti giudiziari tra cui un'imputazione per violenza sessuale. Alcuni mesi prima del delitto, al parco della Roncola di Treviolo, il trentacinquenne avrebbe minacciato sua moglie con un coltellino per poi costringerla a subire un rapporto sessuale.‍[4] Questo e altri episodi di maltrattamenti avevano scaturito diversi litigi e lei lo aveva denunciato.‍[6]

Nel mese di marzo il pubblico magistrato titolare dell'inchiesta ha richiesto per l'accusato una perizia psichiatrica poiché il tunisino, durante la detenzione in carcere, è stato più volte autore di atti autolesionistici che ne hanno richiesto il trasporto in ospedale.‍[7] A giugno l'esito della perizia ha stabilito che Ezzedine era capace di intendere e di volere nel momento dell'aggressione che è costata la vita alla sua congiunta.‍[8]

Nel mese di agosto, al termine delle indagini, il pubblico ministero ha formulato cinque capi d'accusa nei confronti di Ezzedine Arjoun: omicidio volontario della moglie, tentato omicidio della cognata, porto d'arma atto a offendere, maltrattamento e violenza sessuale. L'uomo è stato così riviato a giudizio. Secondo le ricostruzioni degli inquirenti, avrebbe agito con premeditazione e con l'aggravante dei futili motivi, considerando che durante la convivenza avrebbe ripetutamente insultato e offeso la compagna fino a vere e proprie aggressioni fisiche.[9]

Il 15 novembre il trentacinquenne è stato condannato in primo grado all'ergastolo. Per effetto del procedimento giudiziario svolto secondo la formula del rito abbreviato, all'imputato è stato scontato l'isolamento diurno, deciso nella sentenza emessa dal giudice. Confermati i reati formulati dalla pubblica accusa, tra cui l'omicidio volontario aggravato dalla premeditazione e dai futili motivi. Disposto inoltre un risarcimento di più di un milione di euro per la famiglia della vittima.‍[10] Nel maggio del 2020 la condanna è stata confermata in Appello.‍[11]

Note

  1. a b c Lei vuole lasciarlo, lui l'accoltella: Marisa muore a 25 anni, grave la sorella. BergamoNews. Archiviato dall'originale. Consultato il 19 febbraio 2019.
  2. Tunisino uccide l'ex moglie e ferisce la cognata, arrestato. Domani veglia a Curno. Il Messaggero. Archiviato dall'originale. Consultato il 19 febbraio 2019.
  3. a b La sorella di Marisa, uccisa dall'ex marito, si è svegliata dal coma: "Devo sopravvivere per i miei genitori". Il Messaggero. Archiviato dall'originale. Consultato il 19 febbraio 2019.
  4. a b Omicidio Curno, Marisa uccisa con 6 coltellate: sorella ascoltata dai carabinieri. BergamoNews. Archiviato dall'originale. Consultato il 19 febbraio 2019.
  5. a b Curno, Arjoun: "Ero drogato, non ricordo di aver ucciso mia moglie Marisa". BergamoNews. Archiviato dall'originale. Consultato il 19 febbraio 2019.
  6. Divisi da poco, minacciata più volte. Marisa, un'altra vittima di femminicidio. L'Eco Di Bergamo. Archiviato dall'originale. Consultato il 19 febbraio 2019.
  7. Omicidio di Curno, pm: "Perizia psichiatrica sull'assassino di Marisa". Il Giorno. Archiviato dall'originale. Consultato l'11 giugno 2019.
  8. Curno, omicidio di Marisa: "L'ex marito era lucido". Il Giorno. Archiviato dall'originale. Consultato l'11 giugno 2019.
  9. Omicidio di Curno: chiesto rinvio a giudizio per il marito. L'Eco Di Bergamo. Archiviato dall'originale. Consultato il 25 settembre 2019.
  10. Marisa, uccisa con una coltellata al cuore. Il marito condannato all'ergastolo. L'Eco Di Bergamo. Consultato il 15 novembre 2019.
  11. Omicidio di Marisa a Curno, in appello confermato ergastolo al marito. Bergamo News. Archiviato dall'originale. Consultato il 23 maggio 2020.
FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.